Google

venerdì 26 ottobre 2007

IL DISASTRO AMBIENTALE IRACHENO

Gli effetti ecologici della guerra, come il suo tributo orribile di vita umana, sono esponenziali. Quando l'amministrazione Bush ed i loro alleati congressuali hanno inviato le truppe in Iraq per rovesciare il regime del Saddam, non solo hanno ordinato a questi uomini e donne di commettere i crimini contro umanità, inoltre li hanno ordinati per perpetrare crimini contro la natura. La prima Guerra del Golfo ha avuto un disastroso effetto sull'ambiente, come la CNN rivelò nel 1999, "l'Iraq fu responsabile di scaricare intenzionalmente circa 11 milioni di barili di petrolio nel Golfo Arabo a partire da gennaio a maggio 1991, danneggiando più di 800 miglia della linea costiera kuwaitiana e saudita. La quantità di petrolio rilasciata fu 20 volte maggiore della Exxon Valdez in Alaska. Il costo della pulizia è stato valutato più di $700 milioni". Durante l'invasione dell'Iraq di George W. Bush i fedeli di Saddam promisero di incendiare i giacimenti di petrolio, per mettere in risalto quelli che erano i motivi di fondo degli Stati Uniti dell'attacco alloro paese: Il petrolio. Gli architetti USA della guerra di Iraq certamente sapevano che quella era una potenziale realtà una volta entrati a Bagdad nel marzo del 2003. Le ostilità nel Kuwait hanno provocato la dispersione di 7 milioni di barili di petrolio, la più grande fuoriuscita di petrolio del mondo in gennaio di 1991. Le Nazioni Unite successivamente hanno calcolato che dei 1.330 pozzi di petrolio attivi del Kuwait, la metà fu incendiata. I vapori ed il fumo scaturiti da quelle fiamme scure si sparsero per centinaia di miglia ed hanno avuto effetti orribili sulla salute umana ed ambientale. Saddam Hussein è stato denunciato giustamente per aver ordinato alle sue truppe di ritirata di distruggere i giacimenti di petrolio kuwaitiani. Tuttavia, le forze armate degli Stati Uniti furono inoltre responsabili di gran parte della devastazione ambientale della prima Guerra del Golfo. Nell'inizio degli anni 90 gli Stati Uniti hanno affondato almeno 80 navi di petrolio greggio nel Golfo Persico, in parte per sostenere le sanzioni economiche del U.N. contro l'Iraq. Le ampie chiazze di petrolio greggio si sono formate, uccidendo una quantità sconosciuta di vita acquatica uccelli di mare mentre causavando distruzione sulla pesca locale e sulle comunità turistiche. Mesi di bombardamenti durante la prima Guerra del Golfo dagli USA e dagli aerei e dai missili Cruiser britannici inoltre hanno lasciato un'eredità ancor più mortale ed insidiosa: le tonnellate di pallottole e di frammenti di bomba potenziati con uranio impoverito. In tutto, gli Stati Uniti hanno colpito gli obiettivi iracheni con più di 970 bombe e missili radioattivi. Più di 15 anni più dopo, le conseguenze di salute da questa campagna di bombardamento radioattivo stanno cominciando a mostrarsi. E sono terribili. I medici iracheni lo chiamano "la morte bianca-Leucemia". Dal 1990, il tasso di leucemia in Iraq è aumentato più del 600 per cento. Ma la maggior parte delle vittime di cancro e di leucemia non sono soldati. Sono civili. L'uranio impoverito è il nome apparentemente innocuo per l' uranium-238, i microelementi lasciati quando il materiale fissile è estratto da uranium-235 per uso in reattori nucleari ed armi. Per decenni, questo scarto era una seccatura radioattiva, accatastato negli impianti di lavorazione del plutonio in tutto il paese. Nella fine degli anni 80 c'erano quasi miliardo di tonnellate di materiale. Poi, i progettisti di armi del Pentagono ne hanno pensato un uso . Potrebbero potenziare pallottole e bombe. Il materiale era gratis e ce n' era in abbondanza. Inoltre l'uranio è un metallo pesante, più denso del piombo. Ciò lo rende perfetto per l'uso in armi penetranti, progettato per distruggere carri armati, gli elementi corazzati e bunkers. Con l'esplosione, l'uranio impoverito si ossida in frammenti microscopici che galleggiano nell'aria come polvere cancerogena, trasportati dai venti del deserto per decenni. Le particelle mortali quando vengono inalato si attaccano alle fibre dei polmoni e cominciano a causare distruzione al corpo sotto forma di tumori, emorragie, devastazione di sistemi immunitari e leucemie. Non ci hanno messo molto gruppi di medici della regione a rilevare casi di cancro vicino ai luoghi bombardati. Il tasso di leucemia a Sarajevo, colpito dalle bombe americane nel 1996, è triplicato durante i cinque anni che seguirono i bombardamenti. Ma non sono solo i serbi si sono ammalati e morti. Anche le guarde della pace dell' ONU. e della NATO nella regione stanno morendo di cancro. Il Pentagono ha dato varie spiegazioni razionali e giustificazioni. Prima, il Dipartimento della Difesa ha liquidato le preoccupazioni sull' uranio impoverito come selvagge teorie di cospirazione degli attivisti di pace, degli ambientalisti e dei propagandisti iracheni. Poi, quando gli alleati della NATO degli Stati Uniti hanno richiesto di rilevare le proprietà chimiche e metalliche delle munizioni, il Pentagono ha rifiutato. L'uranio impoverito ha un periodo radioattivo di più di 4 miliardi di anni, approssimativamente l'età della terra. Migliaia d'acri di terra nei Balcani, nel Kuwait e l'Iraq del sud sono ormai contaminati per sempre. Parlando dell'Uranio Impoverito e di altri disastri relativi alla guerra, l'ex Ispettore Alan Blix, prima dell'invasione 2003 dell'Iraq, disse che le conseguenze ambientali della guerra in Iraq potrebbero in effetti essere più minacciose della stessa guerra. Malgrado questa ammissione, gli Stati Uniti non hanno fatto alcun tentativo pubblico di valutare i rischi ambientali che la guerra avrebbe inflitto. Blix aveva ragione. Il secondo giorno dell'invasione del Presidente Bush dell'Iraq le forze irachene avevano dato fuoco a vari grandi pozzi di petrolio del paese. Il denso fumo nero si sollevò alto nel cielo dell'Iraq, chiaro segnale che l'invasione degli Stati Uniti sarebbe stata ancora una tragedia ambientale. Appena dopo l'invasione, l'UNEP segnalò una quantità significativa di fumo tossico emesso dai pozzi di petrolio in fiamme. Questo olio di fuoco senza fiamma conteneva prodotti chimici tossici quali mercurio, zolfo e furani, che causano seri danni all'essere umano così come all' ecosistema. la pioggia radioattiva di residui dell'olio combustibile, come quello della prima Guerra del Golfo, ha generato una superficie tossica del mare che ha interessato la salute degli uccelli e della vita marina. Una zona che notevolmente è stata colpita è il mare dell'Oman, che collega il Mar Arabo alla Golfo Persico dello stretto di Hormuz. Questo canale navigabile è uno degli habitat marini più produttivi nel mondo. La distruzione dell'infrastruttura Irachena ha avuto implicazioni notevoli anche sulla sanità pubblica. Il bombardamento di impianti industriali e fabbriche hanno inquinato l'acqua sotterranea. Il danneggiamento degli impianti di trattamento delle acque luride, acque luride grezze che hanno formato stagni di letame nelle vie di Bagdad subito dopo la brutale campagna militare 'o3 di Bush "Shock and Awe" (colpisci e terrorizza) avvelenando fiumi così come la vita umana. I casi di tifo fra i cittadini iracheni sono aumentato dieci volte, in gran parte dovuto all'acqua potabile inquinata. L'effetto reale dell' azione militare USA in Iraq, passata e presente, non si saprà per anni, forse per decenni a venire.
"Presto il popolo iracheno vedrà la grande compassione non solo degli Stati Uniti, ma di altre nazioni che si sono profondamente interessate alle condizioni umane dentro quel paese"
-G.W. Bush at Pentagon Briefing, March 25, 2003
"Le forze della coalizione prenderanno ogni misura per proteggere i civili innocenti"
D. Rumsfeld, Pentagon Briefing, March 20, 2003

"Il mondo ha inoltre visto la natura di quei giovani, uomini e donne, che combattono per nostro conto. Essi stanno mostrando gentilezza e rispetto versi il popolo iracheno"
- Bush in un discorso radio alla nazione, March 29, 2003

Nessun commento: