Google

mercoledì 30 luglio 2008

UNDICENNE "TERRORISTA" UCCISO DAI SOLDATI ISRAELIANI

Un corteo di circa 3000 persone hanno marciato dalla città di Ramallah vicino al villaggio di Nilin dove Ahmed Mussa, un ragazzino palestinese di 12 anni è stato ucciso Martedì durante una manifestazione contro la costruzione della barriera di separazione Israeliana. Lo zio, Hosni Yusuf Mussa, ha dichiarato a Ynet: "Era un ragazzino che giocava con i suoi amici, come poteva rappresentare una minaccia per i soldati? Sono solo bambini che hanno visto una marcia contro la recinzione e vi si sono uniti. Per tornare con un colpo alla testa. Questo mostra la crudeltà dei soldati." "La polizia israeliana sta indagando sullo sfortunato incidente", ha dichiarato il portavoce della polizia Micky Rosenfeld . Ma Mussa ritiene che l'uccisione sia stato un messaggio ai manifestanti nel tentativo di porre fine alle manifestazioni contro la recinzione. "Una causa legale non farà la differenza", ha aggiunto "Al massimo, i soldati faranno uno spettacolo… il giudice li rilascerà immediatamente, quel che stanno facendo è una grande messinscena, uno spettacolo per i mezzi di informazione." Un amico di Mussa, 10 anni, ha detto che stavano cercando di rimuovere il filo spinato posto dall' esercito quando è arrivata una jeep e hanno iniziato a sparare. Mahmud Mohsen, 10 anni, ha raccontato che Mussa ha cercato di scappare ma il suo sandalo scivolato fuori dopo aver inciampato in una parte del muro. "Improvvisamente, abbiamo visto cadere Ahmed Mussa colpito alla testa," Ahmed Saadat, un'altro amico. Egli ha ammesso che i bambini poi hanno iniziato a lanciare pietre, colpendo un agente di polizia.
Solo sei per cento delle indagini su reati commessi da soldati israeliani contro i palestinesi nella West Bank occupata hanno portato rinvii a giudizio. Su un totale di 1246 indagini da parte della polizia militare in sospettati di reati contro i palestinesi o su proprietà palestinesi tra il 2000 e il 2007, solo 76 si sono conclusi con rinvii a giudizio, ha dichiarato Yesh Din, un gruppo sui diritti umani. "Le cifre relative al basso numero di indagini e di pochi rinvii a giudizio rivelano che l'esercito si sottrae al suo dovere di proteggere la popolazione civile palestinese da reati commessi dai suoi soldati," ha dichiarato Michael Sfadi, consulente legale del gruppo Yesh Din (France24). La Corte Internazionale di Giustizia ha emesso nel 2004 una risoluzione che chiedeva che parti della barriera all'interno della West Bank fossero abbattute e fermata la costruzione. Israele ha ignorato la sentenza, oltre a un simile ordine della sua Alta Corte che annullava tre sezioni del muro, tra cui uno che corre vicino a Bilin, una città vicino Nilin dove abitanti e attivisti protestano regolarmente contro la costruzione della barriera israeliana; 723 chilometri di acciaio e muri di cemento, recinzioni e filo spinato. Fino ad oggi Israele ha costruito il 57 per cento della prevista barriera, la maggior parte di essa nella West Bank.
disegno di Ben Heine
Segnala questa notizia su ZicZac! vota i miei articoli

venerdì 18 luglio 2008

BUON COMPLEANNO MANDELA, IL PRIMO DA "NON-TERRORISTA"!

Mr Nelson Rolihlahla Mandela oggi ha festeggiato il suo novantesimo compleanno, a Qunu, paese rurale del Transkei, nel sudest del Sudafrica, con la numerosa famiglia di cui è patriarca. L'eroe anti-apartheid ha detto che era fortunato raggiungere 90 ma ha aggiunto che “la povertà attanaglia la nostra gente„. “Se sei povero, è improbabile che viva a lungo„ ha detto ai reporters. “C'è molta gente in Sudafrica che è molto ricca e che può ripartire quelle ricchezze con quelli non così fortunati„. A fargli gli auguri, a questo grande, simbolo di non violenza tolleranza e dignità, tutta la sua patria, dopo che il mondo intero ha avuto modo di celebrarlo col megaconcerto londinese del 28 giugno. Ma pensiamo che fino a poco fa un'ottuagenario Mandela era ancora classificato, come tutti i membri dell’Anc, nella lista del Dipartimento di Stato Usa dei “pericolosi terroristi”. Solo il 26 giugno 2008, il Congresso degli Stati Uniti ha preso la decisione di togliere questo marchio d'infamia all' eroe, ex presidente della Repubblica del Sud Africa, Mr Nelson Mandela. Ciò significa, naturalmente, che per quasi mezzo secolo il Congresso Nazionale Africano (ANC)e la sua icona, sono stati considerati come terroristi. Quattordici anni dopo che Nelson Mandela è diventato Presidente del Sudafrica nel 1994, il Congresso USA ha approvato una legge per rimuovere il suo nome dalle sue liste nere dei terroristi. Don Payne, rappresentante del Congresso Usa, votava il disegno di legge per rimuovere Mandela, dalla lista americana dei terroristi, dichiarava "Nelson Mandela e gli altri hanno lavorato instancabilmente per porre fine alla repressione del disumano regime di apartheid in Sud Africa" affermando che era "grande vittoria per la giustizia". E che "Io sono soddisfatto che siamo stati in grado di dimostrare il nostro rispetto e grande stima per un uomo che è amato ed ammirato in tutto il mondo". Allora, perché il Congresso americano decise di mettere il nome di un combattente per la libertà "amato ed ammirato in tutto il mondo", come affermano, al primo posto, nella lista nera del terrorismo? Se il Congresso ora riconosce che Nelson Mandela è stato un combattente contro "un sistema opprimente e disumano" perché hanno classificato la ANC e il suo Presidente, in lotta contro questo sistema, come terroristi? Quanto questa decisione del Congresso ha ritardato il trionfo del popolo sudafricano e protratto la reclusione di Mandela nella cella 46664 a Robben Island? Alcuni affermano che il Congresso USA ha rimosso il suo nome dalla lista di terroristi solo in previsione del suo 90° compleanno il 18 luglio 2008. A quanti combattenti per la libertà è concesso di vivere fino all'età di 90, al fine di vedere i loro nomi rimossi dalla lista dei cattivi ridandogli diritti e onore? La classificazione di Nelson Mandela e l'ANC come terroristi, mette una luce ironica sulla decisione presa dal Congresso degli Stati Uniti i valori morali e gli obiettivi di tali decisioni, tanto più che questa decisione è stata presa anni prima di 9/11 e, pertanto, non ha il pretesto di preservare la sicurezza degli Stati Uniti. Non dimentichiamo che la maggior parte di combattenti del mondo per la libertà, contro l'occupazione e l' oppressione, da Ernesto Che Guevara, Salvador Allende e Patrice Lumumba ad altri combattenti per la libertà in India, Algeria, Palestina, Libano al Sud Africa, sono stati nella lista americana. Domandiamoci allora, quanti combattenti per la libertà, la giustizia e la democrazia sono oggi nella lista? Quanti movimenti di resistenza sono in lotta contro l'occupazione e l'umiliazione? Dopo il 9/11 gli Stati Uniti hanno iniziato a rilasciare una classificazione di paesi e di persone e quindi ad agire di propria iniziativa ed invadere paesi, occuparne altri, sostenere finanziariamente e militarmente l'occupazione e insediamenti e permettendo punizioni collettive e genocidio contro indigeni e persone inermi. E' un principio fondamentale che nessun paese del mondo ha l'autorità morale per classificare le persone, movimenti o paesi e di imporre a livello internazionale i suoi ordini per il trattamento di persone, movimenti e paesi. Tali decisioni dovrebbero essere limitate ad un organo giudiziario internazionale che è internazionalmente riconosciuto come un indiscutibile autorità morale. Negli ultimi anni, la maggior parte delle politiche occidentali hanno seguite le tracce del governo degli Stati Uniti, soprattutto dopo 9 / 11, opprimendo e perseguitando movimenti di combattenti per la libertà e l'indipendenza con il pretesto della "lotta contro il terrorismo". Così possiamo capire le misure e le decisioni adottate nei confronti del popolo arabo in Palestina, Iraq, Libano, Sudan e Somalia.
Segnala questa notizia su ZicZac! vota i miei articoli

giovedì 17 luglio 2008

G8 GENOVA : Costole rotte, spina dorsale danneggiata, due giorni di coma.











Il quotidiano britannico "The Guardian" commenta oggi il verdetto dei processi di Genova affermando che «15 accusati di violenza celebrano oggi la loro libertà, dopo che è diventato chiaro che nessuno di loro andrà in prigione». Jon Dennis parla con Mark Covell, il giornalista inglese massacrato dai carabinieri nel 2001 al Vertice del G8 a Genova:
E 'stato appena prima della mezzanotte, quando il primo agente di polizia ha colpito Mark Covell, col suo manganello sulla sua spalla sinistra. Covell ha fatto del suo meglio per gridare in italiano che era un giornalista, ma, in pochi secondi, è stato circondato da agenti della squadra antisommossa che picchiavano lui con i loro manganelli. Per un po 'di tempo, è riuscito a rimanere in piedi, ma poi un colpo al ginocchio lo ha spedito a terra. Disteso sul suo volto nel buio, spaventato e pieno di lividi, era conscio di tutte le forze di polizia intorno a lui, che stavano attaccando in massa la scuola Diaz Pertini dove 93 giovani manifestanti erano lì per passare la notte. E 'stato in quel momento che un poliziotto è passato su di lui e ha cominciato a prenderlo a calci nel petto con tanta forza che l'intero lato sinistro della sua gabbia toracica ha ceduto, rompendo mezza dozzina di costole e le schegge sono finite nella membrana del suo polmone sinistro. Poi, viene sollevato e scaraventato sulla strada e sente il poliziotto ridere. A questo punto pensa:"Non ce la farò!" La squadra anti-sommossa era ancora alle prese con la porta, così un gruppo di ufficiali hanno occupato il tempo usando Covell come un pallone. Questo attacco di calci gli ha rotto la mano sinistra e danneggiato la colonna vertebrale. Da qualche parte dietro di lui, Covell sente un ufficiale gridare che questo è abbastanza:"Basta! Basta!" Ora, un furgone blindato della polizia è entrato attraverso i cancelli della scuola e 150 agenti di polizia entrano nella scuola, la maggior parte di loro indossa caschi e hanno manganelli e scudi. Due poliziotti si fermano ad occuparsi di Covell: uno gli spacca la testa con un bastone, l'altro lo prende a calci più volte in bocca, facendogli perdere una dozzina di denti. Covell sviene.
Ci sono molte buone ragioni per cui non dobbiamo dimenticare ciò che è accaduto a Covell, che aveva 33 anni, quella notte a Genova. La prima è che lui è stato solo l'inizio. Entro la mezzanotte del 21 luglio 2001, gli agenti di polizia sono passati attraverso tutti i quattro piani del palazzo Diaz Pertini, dispensando il loro particolare tipo di disciplina ai suoi occupanti, riducendo il dormitorio a ciò che un ufficiale in seguito ha descritto come "una macelleria messicana". Essi e i loro colleghi hanno poi incarcerato illegalmente le loro vittime in un centro di detenzione, che divenne un luogo di oscuro terrore.
La seconda è che, sette anni dopo, Covell e le altre vittime sono ancora in attesa di giustizia. Lunedi, su 45 processati, 15 forze di polizia, guardie carcerarie e il personale medico sono stati condannati per aver preso parte alla violenza, anche se ieri è emerso che nessuno di loro farà un giorno di carcere. In Italia, gli imputati non vanno in prigione fino a quando non hanno esaurito il processo d'appello, e in questo caso, le condanne e le pene verranno spazzate via dalla prescrizione. Violazione dei diritti umani è un reato lieve destinato alla prescrizione. Nel frattempo, i politici che erano responsabili per le forze di polizia, guardie carcerarie e personale medico non hanno mai dato una spiegazione. Domande fondamentali sul motivo per cui questo è accaduto rimangono senza risposta ed è questa la terza e più importante ragione per ricordare Genova. Questo non è semplicemente la storia di poliziotti violenti, ma qualcosa di più brutto e più preoccupante sotto la superficie.
Mentre i suoi cittadini sono stati picchiati e torturati, detenuti illegalmente, il portavoce dell'allora Primo Ministro, Tony Blair, dichiarava: "La polizia italiana ha avuto un difficile lavoro da fare". Menzogne di ogni genere. Come per i corpi insanguinati che venivano trasportati fuori dalla Diaz Pertini con le barelle, la polizia diceva ai reporters che le ambulanze schierate in strada non avevano nulla a che fare con il raid, l'edificio era pieno di estremisti violenti che avevano attaccato gli agenti. Il Pm E.Zucca quindi ha combattuto la sua strada attraverso anni di negazione e confusione. Nella sua relazione ufficiale, ha constatato che tutti gli alti funzionari coinvolti negavano qualsiasi parte: "Non un singolo funzionario ha confessato di avere un sostanziale ruolo di comando in tutti gli aspetti dell'operazione." Un alto funzionario che appariva in video sulla scena ha spiegato che era a riposo e era lì solo per assicurarsi che i suoi uomini non erano stati feriti. Dichiarazioni contraddittorie, ampiamente smentite dalla prova delle vittime e dei numerosi video: "Non un solo uno dei 150 agenti presenti ha fornito informazioni precise su un singolo episodio." Nessun Politico italiano è stata sottoposto a imputazione, nonostante la forte sensazione che la polizia abbia agito come se qualcuno avesse promesso loro l'impunità. Un ministro ha visitato Bolzaneto, mentre i detenuti venivano torturati e non ha visto nulla, o, almeno, nulla che pensava di dover fermare. Un altro, Gianfranco Fini, ex segretario nazionale del partito neo-fascista MSI e poi Vice Primo Ministro, era, secondo i rapporti dei media, al momento, nella sede centrale di polizia. E non gli è mai stato chiesto di spiegare quali ordini avesse dato. Nessuno è stato sospeso; alcuni sono stati promossi. Alcuni alti funzionari che sono stati inizialmente accusati sul raid alla Diaz l'hanno scampata perché Zucca semplicemente non è riuscito a dimostrare che una catena di comando è esistita.
Questo è fascismo. Ci sono molte voci che le forze di polizia e carabinieri e personale carcerario apparteneva a gruppi fascisti, ma nessuna prova a sostegno. Pastore sostiene che manca la più grande punto: "Non è solo una questione di pochi fascisti ubriachi. Questo è il comportamento di massa da parte della polizia. Nessuno ha detto 'No'. Si tratta di una cultura del fascismo ". Al centro, quello che ha comportato ciò che Zucca ha descritto nella sua relazione come "una situazione in cui ogni Stato di diritto sembra essere stato sospeso."
Questo non è il fascismo con i dittatori con gli stivali militari con la bava alla bocca. ma del pragmatismo di politici dalla faccia pulita. Ma il risultato appare molto simile. Genova ci dice che quando lo Stato si sente minacciato, lo Stato di diritto può essere sospeso. Ovunque.
Video intervista a Mark Covell 2001
Segnala questa notizia su ZicZac! vota i miei articoli

IL PARADOSSO DEI CRIMINI DI GUERRA

Il procuratore della Corte Penale Internazionale (Cpi), il magistrato argentino Luis Moreno-Ocampo, ha emesso un mandato d’arresto per il presidente del Sudan, Omar al Bashir. I capi di accusa sono genocidio, crimini contro l’umanità e crimini di guerra. Per la terza volta, dopo lo jugoslavo Slobodan Milosevic e il liberiano Charles Taylor, la giustizia internazionale accusa un Presidente in carica. Non ho alcuna simpatia per le persone che fanno soffrire gli altri. Tuttavia, mi meraviglia la scelta del Tribunale Penale Internazionale dal vasto assortimento di criminali di guerra. Perché al-Bashir? È perché il Sudan è uno stato impotente, e la Corte penale internazionale non ha il coraggio a nominare George W. Bush e Tony Blair come criminali di guerra? I crimini di Bush e Blair contro l'umanità in Iraq e in Afghanistan fanno sembrare pochi, almeno nel numero di decessi e di sfollati, la terribile situazione in Darfur. La stima più alta di vittime in Darfur è 400,000, un terzo il numero di iracheni che sono morti a seguito di invasione di Bush. Inoltre, il conflitto in Sudan è interno, mentre Bush ha illegalmente invaso due paesi stranieri, crimini di guerra ai sensi Standard di Norimberga . I crimini di guerra di Bush sono stati sostenuti dai leaders politici del Regno Unito, Spagna, Canada e Australia. I leaders della "coalizione di criminali di guerra" sono candidati per il banco degli imputati. Ma naturalmente il Grande Occidente Morale non commette crimini di guerra. I crimini di guerra sono accuse rifilate ai "cattivi", quelli che i mezzi d'informazione occidentali ci mostrano, come ad esempio il serbo Milosevic e il sudanese al-Bashir. Ogni settimana il governo israeliano caccia i palestinesi dalle loro case, ruba la loro terra, uccide donne e bambini palestinesi. Questi crimini contro l'umanità vanno avanti da decenni. Fatta eccezione per qualche organizzazione israeliana per i diritti umani, nessuno si lamenta. I palestinesi sono definiti "terroristi" e i "terroristi" possono essere trattati con crudeltà senza denuncia. Iracheni e afgani subiscono la stessa sorte. Gli iracheni che resistono all'occupazione statunitense del loro paese sono "terroristi". Talebano. Ogni afgano ucciso, anche quelli che prendono parte a feste di nozze, sono dichiarati talebani dai militari USA. Iracheni e afgani e possono essere uccisi a volontà dagli americani e truppe NATO senza che nessuno sollevi questioni di diritti umani.
Lo scorso ottobre l'Atlanta Journal-Costitution aveva una foto in prima pagina di un uomo anziano. Paul Henss, 85 anni, espulso dagli Stati Uniti, dove aveva vissuto per 53 anni, perché Eli Rosenbaum, il direttore del dell'ufficio investigazioni speciali del Dipartimento Giustizia USA (OSI), lo aveva dichiarato criminale di guerra per l'addestramento di cani da guardia utilizzati dai tedeschi nei campi di concentramento. Henss aveva 22 anni quando la seconda guerra mondiale si è conclusa.
Un ragazzo che ha addestrato cani da guardia viene deportato come un criminale di guerra, ma un capo di Stato, che ha violato i diritti umani più di qualunque persona in vita, che ha lanciato due guerre di aggressione, con la conseguente morte di più di 1,2 milioni di persone e che tiene il mondo intero in attesa di una sua terza guerra di aggressione, questa volta contro l'Iran, è ricevuto rispettosamente di governi stranieri.
E' paradossale; l' espulsione di Henss lasciando un criminale di guerra alla Casa Bianca.
Segnala questa notizia su ZicZac!
vota i miei articoli