Google

giovedì 27 marzo 2008

GAZA: ISRAELE NEGA ASSISTENZA MEDICA PER RECLUTARE COLLABORATORI

Fonte:TIME

Erez Crossing appare come un set vuoto di un film di fantascienza, un astronave aliena che si è schiantato in un campo di macerie. Questa lucente struttura metallica è l'unico punto di ingresso e di uscita per il traffico umano tra Israele e Gaza, un territorio di 1,5 milioni di palestinesi detenuti da militanti islamici di Hamas. Erez, situato nell'estremità nord della striscia di Gaza, è stato costruito in tempi più ottimisti, quando era previsto che ogni giorno 30000 palestinesi, operai, commercianti e studenti sarebbero passati dentro e fuori di Israele. Per i palestinesi, Erez è un checkpoint, dove solo pochi fortunati possono uscire da Gaza, di solito per emergenze mediche. Bassam al-Wahedi, 26 anni, giornalista, è stato uno di loro. Vi si era recato con un occhio cieco a causa di una malattia della retina, e un intervento chirurgico in un ospedale di Gerusalemme era la sua unica speranza di recuperare la vista a quell'occhio. Poiché Gaza è negato tutti i bisogni umanitari di base in virtù di un boicottaggio internazionale di Hamas, molti complicati interventi chirurgici non sono più fatti. Col suo occhio bendato, al-Wahedi si è incamminato attraverso gli interni del labirinto di sicurezza di Erez . A tentoni lungo i tunnel, porte d'acciaio che si aprivano e chiudevano al suo passaggio e poi in uno strano cilindro che lanciava uno spruzzo di aria su di lui prima di raggiungere infine un grande salone dove un soldato israeliano era seduto all'interno di una cabina di vetro blindato. Qui Al-Wahedi ha mostrato il suo permesso, spiegando che era atteso in chirurgia alle 3:30 del pomeriggio. Quindi, dice al Wahedi, tre israeliani con pistole e walkie-talkie lo hanno portato passando alcune gabbie con cani rigghianti in una stanza dove è stato perquisito e interrogato da un uomo identificatosi come un capitano dello Shin Bet, il servizio di controspionaggio di Israele, responsabile della sicurezza interna. Al-Wahedi sostiene che il suo interrogatore gli disse in arabo fluente: "Vogliamo che lavori per noi". Quando al-Wahedi ha protestato, dicendo che non aveva nulla a che fare con i militanti, il funzionario dello Shin Bet ha risposto: "Noi rilasciamo i permessi medici e noi li possiamo cancellare. Se non ti farai operare, perderai la vista. Che cosa vuoi fare? " "Gli ho detto che avremmo parlato dopo la mia operazione, quando sarei ritornato passando attraverso Erez", racconta al-Wahedi. "Nulla da fare", ha risposto il funzionario dei servizi segreti, e gli ha passato una carta SIM per cellulare e un numero di telefono. "Lui voleva che io tornassi a Gaza e collaborare con loro per due settimane, così, se gli piaceva ciò che io facevo, sarei potuto venire in Israele ed avere la mia operazione all'occhio con i migliori medici di Tel Aviv." Per al-Wahedi, il contatto con qualsiasi israeliano era da sempre stato traumatico. Suo padre, un autista di ambulanza, stava trasportando palestinesi feriti dopo una battaglia, quando è stato ucciso da un cecchino israeliano. Suo fratello di 16 anni è stato ucciso da un pezzo di scheggia vagante di un razzo israeliano lanciato al passaggio di auto guidata da un sospetto militante. Così, al-Wahedi ha strappato il numero di telefono dello Shin Bet. "Ero arrabbiato e frustrato. Sapevo che se non avessi subitoun intervento chirurgico a breve, anche il miglior chirurgo non avrebbe potuto salvare il mio occhio", afferma. Contattato da TIME, lo Shin Bet ha negato di aver chiesto ad al-Wahedi di collaborare e dice che era tornato indietro a Erez a causa di un suo coinvolgimento in "attività pericolose per lo Stato." Tuttavia, il gruppo israeliano Medici per i Diritti Umani (Physicians for Human Rights-Israel) sostiene che, dallo scorso giugno, quando Hamas ha preso il controllo di Gaza dai suoi rivali di Fatah fedeli al Presidente Mahmoud Abbas, ad almeno altri 40 pazienti che cercavano urgente aiuto medico è stato negato il passaggio dallo Shin Bet perché si rifiutavano di agire come informatori. In passato, la maggior parte dei collaboratori lavoravano all'interno di Fatah, e quando sono stati cacciati da Gaza lo scorso giugno, è stato un colpo allo spionaggio israeliano.
Yasser Abu Aayya, 37 anni, che soffre di problemi al cuore, ha raccontato a TIME che è tornato indietro dopo aver rifiutato di rivelare dov'era suo fratello militante. " "Mi hanno detto che dovevo tornare indietro e morire a Gaza", egli spiega. Per gli attivisti dei diritti umani, il rifiuto di dare cure mediche è una forma di tortura. "Questo viola tutte le convenzioni contro la tortura", dice Miri Weingarten, portavoce per i Medici per i Diritti Umani (Physicians for Human Rights). Le autorità israeliane negano di svolgere tali pratiche a Erez a le respingono come propaganda palestinese. Novembre scorso, Medici per i Diritti Umani ha presentato all'Alta Corte Israeliana una petizione per controllare la "coercizione" dello Shin Bet sui palestinesi che cercano cure mediche, ma in Gennaio, il giudice ha archiviato il caso senza una sentenza. "Quello che stiamo vedendo è che l'Alta Corte è disposta a intervenire sempre meno in casi di sicurezza", spiega Weingarten, che ha spiegato che è stato il motivo per cui il giudice aveva rifiutato di pronunciarsi sulla loro petizione. Lo Shin Bet ha rifiutato di commentare il caso.
Israele sostiene che non ha la responsabilità per i palestinesi che vi abitano. Ma molte agenzie internazionali dicono che, dal momento che Israele controlla tutti gli accessi terrestri, aerei e marittimi a Gaza, non può sottrarsi alle proprie responsabilità dei palestinesi intrappolati all'interno, né può negare ai palestinesi il diritto di cure mediche urgenti, se si rifiutano di diventare collaboratori.
Amnesty International, 26/03/2008: L'esercito israeliano deve consentire a malati cronici di lasciare la striscia di Gaza e di ottenere le cure mediche in Israele di cui hanno disperato bisogno. Karima Abu Dalal, 34 anni, soffre di Hodgkin, una forma di cancro che può essere curata se il trattamento viene fornito in tempo. Ma nonostante le ripetute richieste da novembre scorso, la vita di Karima è appesa a un filo perchè l'esercito israeliano si rifiuta di rilasciare un permesso che le consentirebbe di lasciare Gaza e ricevere il trattamento di cancro specializzato che non può esserle fornito a Gaza. La sua condizione è peggiorata di recente e lei ora ha difficoltà a respirare e camminare. Da quando le autorità israeliane hanno rafforzato il loro blocco sulla striscia di Gaza, nel giugno 2007, chiudendo la frontiera tra Gaza ed Egitto, ciascuno dei 1,5 milioni di abitanti palestinesi deve ottenere l'autorizzazione delle autorità militari israeliane di lasciare la striscia di Gaza per Israele. Questa è quasi sempre rifiutata. Mentre alcune eccezioni sono fatte su una base 'umanitaria', i militari israeliani negano il permesso per la valutazione di pazienti malati dicendo di non poter consentire loro di lasciare la striscia di Gaza, per non specificati motivi di "sicurezza". Le strutture mediche a Gaza sono mancanti di personale specializzato e di attrezzature per il trattamento di una serie di condizioni, come ad esempio alcune forme di cancro e malattie cardiovascolari. Ospedali e strutture mediche sono anche sempre più a corto di medicinali, forniture ospedaliere e apparecchiature mediche funzionanti. "Negare il passaggio di pazienti in disperato bisogno di cure mediche, non serve allo di garantire sicurezza, dato che tutti i pazienti sono sottoposti a severi controlli di sicurezza al passaggio, e sono solitamente gravemente malati", ha detto Amnesty International. "Israele, la forza occupante, è responsabile per il diritto alla salute e l'accesso alle cure sanitarie per Karima Abu Dalal e tutti i 1,5 milioni di abitanti della Striscia di Gaza."
Segnala questa notizia su ZicZac!

mercoledì 19 marzo 2008

SOLDATI USA TESTIMONIANO SUI CRIMINI DI GUERRA

SILVER SPRING, MARYLAND, Mar 18 - Decine di veterani di guerra di Iraq e Afghanistan hanno pubblicamente testimoniato questo fine settimana sui crimini commessi durante il corso della battaglia, molti dei quali incitati dagli ordini o politiche stabilite da ufficiali superiori. Il cosiddetto "Winter Soldier", evento organizzato dagli Iraq Veterans Against the War, ha riunito più di 300 veterani di guerra è disegnato a dimostrare che i ben pubblicizzati episodi di brutalità degli Stati Uniti, inclusa lo scandalo della prigione di Abu Ghraib e il massacro di un'intera famiglia di iracheni nella città di Haditha, non sono incidenti isolati perpetrati da "poche mele cattive", come molti politici e militari hanno sostenuto, ma " essi fanno parte di uno "schema", dichiarano gli organizzatori, di "una occupazione sempre più sanguinosa". Ogni veterano, che ha parlato al Winter Soldier è passato attraverso un dettagliato processo di selezione prima di essere ammesso a testimoniare. Oltre le documentazioni militari, sono stati convocati anche i militari con cui hanno prestato servizio per verificare le storie. Tra coloro che testimoniano, c'è Cpl. Jason Washburn, un ex marine che ha prestato servizio tre volte in Iraq. Washburn ha raccontato che i comandanti incoraggiavano i comportamenti illegali. "Eravamo incoraggiati a portare pale, assi, e altri "drop weapons", nel caso in cui fosse stato accidentalmente ucciso un civile, così avremmo potuto lasciarli accanto al corpo e fingere che era insorto", ha detto. "Se stavano portando una pala o borsa, potevamo sparargli. Così, portavamo questi strumenti e armi nei nostri veicoli, così potevamo gettarli sui civili, quando gli sparavamo. Questo veniva comunemente suggerito". Un altro ex Marine, John Michael Turner, strappa le medaglie che ha guadagnato nel corso dei due turni in Iraq e le getta a terra: "Il 18 aprile 2006 è stato il giorno della mia prima uccisione", racconta. "Era un'innocente, l'ho chiamato l'uomo grasso. Egli era a piedi e tornava a casa sua e io l'ho ucciso davanti a suo padre e ad un amico. Il mio primo colpo lo ha fatto urlare guardandomi negli occhi, così ho detto al mio amico: 'Beh, non posso lasciare che questo accada,' e ho sparato di nuovo. Dopo la mia prima uccisione si sono congratulati con me". Christopher Arent, 24 anni, ex guardia della prigione di Guantanamo,"Arrivavo in ufficio alle 4:30 del mattino e, spesso, c'era un interrogatorio in corso", dice. "Dentro la sala interrogatorio, c'erano dai 10 a 20 gradi [F.] e la musica ad alto volume e il detenuto era tenuto ammanettato mani e piedi sul pavimento". "Ho sentito molte speculazioni su quello che è considerato tortura", aggiunge. "In primo luogo, vorrei chiedere ad ognuno se vivere in una cella per cinque anni senza mai vedere la vostra famiglia, i vostri amici, senza mai sapere il motivo per cui ti tengono lì, non è tortura".
L'Ex sergente Domingo Rosas, ha prestato servizio ad al-Qayim, vicino al confine siriano dall' Aprile 2003 a Aprile 2004. Rosas racconta che quand'era di guardia, gli veniva ordinato di non permettere ai detenuti di addormentarsi. "A loro non era permesso di sedersi o stendersi e, non appena cominciavano ad assopirsi o poggiavano la testa contro il muro, li colpivo con una mazza per tenerli svegli ", ha detto Rosas. "Ho assistito a un detenuto che, rotolandosi nel fango veniva preso a calci, ancora e ancora", ha detto. "Ho visto che che gli versavano acqua sul suo volto, waterboarding lui."E ancora "Un altro detenuto in piedi con un sacchetto sopra la testa, costretto a portare un enorme roccia fino a che, dalla stanchezza, crollava sfinito. Queste immagini si sono impresse nella mia mente e non si possono dimenticare. Io non le ho dimenticate ". Andrew Duffy dà una testimonianza simile. Medico ad Abu Ghraib a partire dal 2005 al 2006, Duffy ha parlato di come l'assistenza medica era negata ai detenuti. Egli ha parlato in particolare di un prigioniero, un iracheno diabetico che delirava, ma non gli era stato consentito di assumere insulina da giorni. Duffy ha raccontato di aver chiesto ai suoi superiori di trasferire l'uomo in ospedale per il trattamento, ma che la sua richiesta gli fu negata. ll suo capitano disse che lui "non poteva trasferire il detenuto, e che l'uomo poteva bere l'acqua", ha raccontato Duffy. "Ha anche detto che probabilmente non sarebbe morto, ma che comunque non avrebbe avuto importanza". Pochi giorni dopo, l'uomo è morto per mancanza di cure.
In risposta ad un'inchiesta da Washington Post, un funzionario del Pentagon ha sostenuto che tali eventi non sono comuni come i veterani hanno sostenuto. "Quando le accuse di scorrettezza isolati sono stati segnalati, i comandanti hanno condotto indagini complete per determinare i fatti e i responsabili ne renderanno conto al momento opportuno", Lt Col Mark Ballesteros ha detto al giornale. In risposta, l'Iraq Veterans Against the War hanno rilasciato la propria dichiarazione. "Queste testimonianze dei membri del servizio 'e veterani' sono, in definitiva, non sulla condotta individuale, ma sulla natura dell'occupazione", si legge. "Al militare è stato chiesto di vincere una occupazione. Le truppe di terra sanno questo è un compito impossibile. I loro comandanti sanno che questo è un compito impossibile". "Stiamo chiedendo al Dipartimento della Difesa di smettere di dire che si può raggiungere l'impossibile", conclude la dichiarazione IVAW. "Abbiamo un problema politico che non può essere risolto con una soluzione militare. Questa è una guerra che non può essere vinta. Si tratta di una occupazione che può solo essere terminata".
Segnala questa notizia su ZicZac!

L'OCCIDENTE HA GLI OCCHI CHIUSI

Chi da bambino non ha provato questo gioco…. Era semplice… .. Chiudevi gli occhi immaginando che, una volta riaperti, la realtà sarebbe cambiata, sarebbe apparso ciò che volevi… Non c'è voluto molto tempo, per rendersi conto che questo 'trucco' non avrebbe mai funzionato… la realtà sarebbe rimasta lì, di fronte i nostri occhi. Alcuni di noi non hanno mai imparato la lezione, alcuni credono ancora che chiudendo gli occhi la realtà apparirà diversa. Mi riferisco in particolare di molti dei nostri cosiddetti "leader" del mondo…. Israele ha giocato a questo gioco con loro, che chiudono i loro occhi sugli orrori in Palestina, che coprono le loro orecchie alle urla della Striscia di Gaza…. Ma quegli orrori e quelle urla rimangono, nonostante le seguenti affermazioni….
Merkel:"La Germania difendererà Israele"
Berlusconi:"Soffro per gli attacchi terroristici ad Israele"
Intervista Berlusconi Ynet (ing)


















Questi sono i 'bambini terroristi' che Israele si sente obbligato a togliere dalla faccia della terra. Ogni bambino è un potenziale rocket launcher, almeno questo è ciò che Israele vuole far credere. Gli Stati Uniti lo credono, e forniscono la maggior parte delle armi e dei fondi per continuare questo genocidio.
Queste sono foto recenti, foto che mostrano una realtà agghiacciante, quella che è, non importa quanti siano gli occhi chiusi su di essa. Chiudere gli occhi sulla morte di questi bambini è in se stesso un crimine…

sabato 15 marzo 2008

IL CULTO DELL'ATTENTATORE SUICIDA. La più diffusa campagna di suicidi nella storia umana.

Khaled mi guardava con un ampio sorriso. Stava quasi per ridere. Ad un certo punto, quando gli dissi che doveva abbandonare l'idea di essere un attentatore suicida, che avrebbe influenzato un numero maggiore di persone, diventando un giornalista, ha messo la sua testa indietro e ha fatto un'ampio sorriso. "Tu hai la tua missione", ha detto. " "E io ho la mia." Le sorelle lo guardavano in soggezione. Era il loro eroe, il loro amanuense, il loro insegnante, e presto sarà il fratello martire. Sì, era bello, giovane, di appena 18 anni, indossava una T-shirt nera di Giorgio Armani, un piccola barba accuratamente rifilata da conquistatore spagnolo e i capelli gelatinati. Ed era pronto a immolare se stesso. Avevo viaggiato a casa di Khaled per parlare a sua madre. Avevo già scritto su suo fratello Hassan e volevo presentare un collega, un giornalista canadese, Nelofer Pazira, alla famiglia. Mentre Khaled camminava sul portico di casa, io e Nelofer abbiamo realizzato, allo stesso momento, che era prossimo, il prossimo a morire, il prossimo "martire". E' stato il suo sorriso. Ho incontrato molti di questi giovani uomini prima, ma mai uno che così ovviamente, dichiarava la sua vocazione. La sua famiglia è seduta intorno a noi sulla veranda della loro casa nella città libanese di Sidone, il salotto adornato con fotografie a colori di Hassan, già andato al paradiso, nel modo in cui, mi hanno assicurato, Khaled pensava era destinato. Hassan aveva guidato la sua auto carica di esplosivi in un convoglio militare americano a Tal Afar nell'Iraq nord-occidentale, il suo corpo (o cosa è rimasto di esso) sepolto "in situ" o così è stato detto a sua madre. È facile trovare i familiari dei morti di recente in Libano. I loro nomi sono letti nei minareti delle moschee di Sidone (la maggior parte sono palestinesi), e di Tripoli, nel nord del Libano, il movimento Sunnita "Tawhid" vanta "centinaia" di suicidi tra i suoi sostenitori. Ogni notte, la popolazione del Libano guarda la brutale guerra in Iraq, in televisione. "E' difficile raggiungere Palestina in questi giorni", lo zio di Khaled mi ha detto. "L'Iraq è più facile". Anche vero. Nessuno dubita che la strada per Baghdad, o Tal Afar o Falluja o Mosul passa attraverso la Siria, e che il movimento dei kamikaze dalle coste del Mediterraneo per i deserti dell'Iraq è un affare progettatto se non particolarmente sofisticato. Quel che è sorprendente, che non è stato menzionato dagli americani, dal "governo" iracheno, le autorità britanniche e addirittura da molti giornalisti, è l'ampiezza del campagna di suicidi, il gran numero di giovani uomini (solo occasionalmente donne), che deliberatamente distrugge se stessi tra i convogli americani, al di fuori delle stazioni di polizia irachena, nei mercati, nelle moschee, sulle vie dello shopping e su strade solitarie accanto a remoti checkpoints che attraversano grandi città e grandi deserti dell'Iraq. Nessuno ha mai calcolato la vera portata di questa stupefacente campagna senza precedenti di auto-uccisioni. Un'indagine di The Independent, scegliendo quattro giornali in lingua araba, statistiche ufficiali irachene, due agenzie di stampa di Beirut e rapporti occidentali, mostra un'incredibile 1,121 attentatori musulmani suicidi che si sono fatti saltare in aria in Iraq. Ma si tratta di una cifra molto cauta, e data la propensione delle autorità (e dei giornalisti) a riportare solo quegli attentati suicidi che uccidono decine di persone, la vera stima puo' essere il doppio di questo numero. Questa è forse la più spaventosa e macabra eredità dell'invasione dell'Iraq di Bush di cinque anni fa. I kamikaze in Iraq hanno ucciso almeno 14,132 uomini, donne e bambini, e ferito un minimo di 16,612 persone. Anche in questo caso, va sottolineato che queste statistiche sono calcolate per difetto. Per 529 attentati suicidi in Iraq, le cifre non sono disponibili per i feriti. Mai prima d'ora il mondo arabo ha assistito ad un fenomeno di suicidi di questa portata. Durante l'occupazione israeliana del Libano dopo il 1982, un suicidio Hezbollah in un mese era considerato "notevole". Ma gli attentatori suicidi in Iraq stanno attaccando con una media di due ogni tre giorni dall'invasione anglo-americana del 2003. E, anche se né il governo iracheno, né i loro mentori americani ammetteranno questo, appena 10 su un migliaio di "suicide bombers" sono stati identificati. Sappiamo dalle loro famiglie che palestinesi, sauditi, siriani, algerini sono tra i attentatori. In alcuni casi, abbiamo nomi. Ma nella maggior parte degli attentati, le autorità in Iraq, se si può ancora chiamare "autorità", dopo cinque anni di catastrofe, non hanno alcuna idea di quali arti, torsi e teste insanguinate appartengono agli attentatori. Ancor più profondamente inquietante è che il "culto" dell'attentatore suicida si è diffusa oltre le frontiere nazionali. Entro un anno dall'invasione irachena, attentatori talebani afghani si sono fatti esplodere a fianco di truppe occidentali o basi in provincia di Helmand e nella capitale Kabul. La pratica è filtrata fino in Pakistan, colpendo migliaia di soldati e di civili. Le bombe nella metropolitana e negli autobus di Londra nonostante le smentite di Tony Blair, sono state, ovviamente, profondamente influenzate dagli eventi in Iraq. Accademici e politici hanno discusso a lungo i motivi dei attentatori suicidi, il profilo psicologico degli uomini e delle donne che a sangue freddo, decidono di intrapretare il ruolo di carnefici suicidio, per loro sono carnefici, assassini che vedono le loro vittime, che si tratti di soldati o civili, prima di premere l'interruttore che li uccide. Gli israeliani tempo fa, decisero che non c'era "perfetto" profilo per un attentatore suicida. Il suicida potrebbe avere trascorso anni di lotta contro gli israeliani nel sud del paese. Spesso, essi sarebbe stato imprigionato o torturato dagli Israeliani o per conto del suo rappresentante milizia libanese. Spesso, fratelli o altri membri della famiglia sono stati uccisi. In altre occasioni, l'esempio dei loro parenti avrebbe attirato nel vortice di suicidio per esempio. Khaled è, o è stato, perché non si sa più se è ancora vivo, influenzato da suo fratello Hassan, il cui cammino verso il suicidio è stato organizzato da un gruppo di sconosciuti, presumibilmente palestinesi, la cui formazione accanto al fiume Tigri è stata ripresa dai suoi compagni. La madre di Hassan ha mostrato questo nastro, che termina con Hassan che saluta allegramente dal finestrino di un auto, presumibilmente il veicolo stava per scagliare contro il convoglio americano a Tal Afar. Niente di tutto ciò risolve il problema della fede religiosa. Vi è prova che i piloti giapponesi della seconda guerra mondiale venivano intimiditi e talvolta costretti nei loro voli suicidi contro le navi da guerra americane nel Pacifico, molti anche credevano di morire per il loro Imperatore. Ma anche una dittatura industrializzata come il Giappone, affrontando l'imminente crollo della sua intera società nelle mani di una superpotenza, avrebbero potuto mobilitare solo 4615"kamikaze". I "suicide bombers" iracheni possono aver già raggiunto la metà di quel numero. Le autorità giapponesi incoraggiavano i loro piloti a pensare a se stessi come un unità di suicidio collettivo il cui simbolo della morte imminente, una fascia bianca con Sole che sorge, anticipava le fasce gialle con impresse scritti coranici indossavate dai guerriglieri Hezbollah quando erano pronti ad attaccare i soldati israeliani nella zona occupata del sud del Libano. In Iraq, comunque, coloro che dirigono il crescente esercito di suicidi non mancano certo d'inventiva. I loro kamikaze arrivano sul luogo del loro martirio vestiti da meccanici, soldati, funzionari di polizia, casalinghe di mezza età, venditori di dolci per bambini etc.. In una sola occasione, un "innocuo" pastore. Hanno trasportato le loro bombe su camion di carburante, camion dei rifiuti, su asini e biciclette, moto ciclomotori e carrelli, minibus e furgoni. Incredibilmente, non sembra esserci un unico "cervello" dietro gli attacchi suicida, anche se "groppuscoli" di attentatori ovviamente esistono. L'ispirazione, l'imitazione e la globalizzata influenza di Internet sembra sufficiente per i terroristi in Iraq. A livello individuale, è possibile vedere l'attrito e il trauma psicologico delle famiglie. La madre di Khaled, per esempio, esprimeva costantemente il suo orgoglio per la morte di suo figlio Hassan, e, di fronte a me, guardava con altrettanto amore suo fratello ancora in vita. Ma quando il mio compagno esortava Khaled a rimanere in vita per amore di sua madre, ricordandogli che il Profeta stesso parlava dell'obbligo primario di un uomo musulmano di proteggere la madre, la donna era vicino a lacrime. Era lacerata dal suo amore di madre e il suo dovere politico-religioso, come la donna che aveva portato un altro martire nel mondo. E, nemmeno uno sprezzante commento verso coloro che erano pronti a vivere, mentre mandavano gli altri come Khaled al loro destino l'avrebbe scoraggiato. "Non ho intenzione di diventare un 'shahed' [martire] per la gente",ha risposto. "Lo sto facendo per Dio". Era lo stesso vecchio argomento. Avremmo potuto presentargli un centinaio di modi, pacifici modi, per risolvere le ingiustizie di questo mondo, ma Khaled invocava il nome di Dio, i nostri suggerimenti diventavano irrilevanti. "Se un Presidente occidentale può invocare una guerra del 'bene contro il male', i suoi antagonisti possono fare lo stesso"..
Ma c'è un motivo razionale per la attentati suicidi in Iraq? I primi incidenti nel loro genere ebbero luogo come le truppe americane stavano effettivamente avanzando verso Baghdad.Vicino alla città sciita di Nassiriya, un poliziotto iracheno, il sergente Ali Moussa Jaffar al-Hamadi Nomani, spinse un'auto bomba in un blocco stradale della marina americana. Sposato, con cinque figli, era stato un soldato in Iraq del 1980-88 guerra con l'Iran e si era offerto volontariamente per la lotta contro gli americani dopo Saddam occupazione del Kuwait. Poco dopo, due donne musulmane sciite fecero lo stesso. Alla fine della giornata, anche lo stesso governo di Saddam Hussein era sconvolto. "L'amministrazione americana sta per trasformare il mondo intero in gente pronte a morire per la loro nazione", disse Taha Yassin Ramadan, vice-presidente di Saddam. "Tutto quello che possiamo fare ora è di trasformare loro stessi in bombe. Se il B-52 ora può uccidere 500 o più nella nostra guerra, sono sicuro che alcune operazioni dei nostri combattenti per la libertà saranno in grado di ucciderne 5000." Durante tutto il periodo di cinque anni di guerra, gli attentatori suicidi si sono concentrati sulle forze di sicurezza irachene addestrate dagli americani, piuttosto che sulle truppe degli Stati Uniti. Almeno 365 sono stati attacchi contro la polizia irachena, o le forze paramilitari. I loro obiettivi includevano almeno 147 stazioni di polizia (1577 decessi), 43 centri di reclutamento di esercito e polizia,(939 morti), 91 checkpoint (con un minimo di 564 morti), 92 pattuglie di sicurezza (465 morti) e di numerosi altri obiettivi di polizia (scorta, Convogli di accompagnamento ministri di governo, ecc.) Uno dei centri di reclutamento, nel centro di Baghdad,è stato aggredito dai kamikaze in otto diverse occasioni. Per contro, gli attentatori suicidi hanno attaccato solo 24 basi USA, con un costo di 100 morti americani e 15 iracheni, e 43 pattuglie americane e di checkpoints, durante le quali 116 personale USA con almeno 56 civili, 15 dei quali sembrano essere state sparate da soldati americani, in risposta agli attacchi, e un altri 26 delle quali erano bambini in piedi accanto a una pattuglia statunitense. La maggior parte degli americani sono stati uccisi o nord ovest di Baghdad. Attentati suicidi sulla polizia concentrata su Baghdad e Mosul e le città sunnite nell'immediato nord e sud di Baghdad. Solo alcuni dei kamikaze sono stati identificati. Gli americani e le autorità irachene sembrano sapere poco sulla provenienza di questi assassini. Su almeno 27 occasioni, i funzionari iracheni hanno chiesto di conoscere l'identità del killer, dicendo che avevano recuperato i passaporti e documenti di identità, che dimostravano la loro origine "straniera", ma non hanno mai prodotto tali documenti per la pubblica ispezione. Infatti, nulla potrebbe meglio illustrare la mancanza di conoscenza delle autorità che le due contraddittorie dichiarazioni fatte da parte degli americani e dei loro protetti iracheni nel marzo dello scorso anno. Così come David Satterfield, il consigliere in Iraq, e Condoleezza Rice, il Segretario di Stato americano, sostenendo che il "90 per cento" dei kamikaze stavano attraversando il confine della Siria. Il Primo Ministro, Nuri al-Maliki, ha annunciato che "la maggior parte" dei suicidi provengono dall' Arabia Saudita, che condivide una lunga frontiera comune con l'Iraq.
Ci vorranno molti anni prima di avere un'idea più chiara del numero di attentatori, che si sono uccisi nella guerra in Iraq, e della loro origine. Molto prima che la cifra totale dell'Independent raggiungesse i 500, Al-Qaida's Abu Musab al-Zarqawi si vantava di "800 martiri" tra i suoi sostenitori. E poiché dalla morte di al-Zarqawi, non c'è stata la minima riduzione dei bombardamenti, dobbiamo presumere che vi sono molti altri "manipolatori" responsabili delle squadre suicide in Iraq.
Una delle più insidiose eredità di George Bush in Iraq resta quindi il più misteriosa, la nascita di un enorme esercito senza precedenti di musulmani ispirati dall'idea della morte.
Fonte: The Indipendent

venerdì 14 marzo 2008

QUINTO ANNIVERSARIO DELLA GUERRA IN IRAQ.. IL SESTO..IL SETTIMO..

No, non correggetemi. So esattamente che ci stiamo avvicinando al quinto, non il il sesto anniversario, nel momento in cui, il 20 marzo 2003, George W. Bush diceva al popolo americano e al mondo:
"Miei concittadini, in queste ore, le forze americane e della coalizione sono nelle prime fasi delle operazioni militari per disarmare l'Iraq, per liberare il suo popolo e per difendere il mondo da un grave pericolo… Miei concittadini, i pericoli per il nostro paese e per il mondo saranno superati. Difenderemo la nostra libertà. Porteremo la libertà agli altri e noi prevarremo ".
In quel momento, di certo, i missili cruise servivano a "decapitare" il regime di Saddam Hussein, ma questo uccideva solo civili iracheni, che erano sulla loro strada a Baghdad.
Poniamoci adesso, nello spirito della recente richiesta del senatore John McCain, rivolta al popolo americano, di non fissarsi sulle origini della guerra in Iraq, ma guardare in avanti. "In merito alle differenze col Senatore Obama sull''Iraq", ha detto,"Voglio che sia molto chiaro: si tratta di decisioni che non devono essere prese 'nel passato'. Si tratta di decisioni che un Presidente dovrà prendere 'per il futuro' in Iraq. E la decisione di ritirarsi unilateralmente dall' Iraq porterà al caos".
Il futuro, non il passato, è il mantra, ed è il motivo per cui ho tralasciato del tutto il quinto anniversario della guerra in Iraq, la prossima settimana. Ora, proiettandoci nel futuro:
Il 20 marzo 2009, data del sesto anniversario dell'invasione dell'Iraq di Bush, così come è certo che il sole sorge ad Oriente io sarò seduta qui e ci saranno ancora molte decine di migliaia di truppe, una sfilza di principali basi militari e una massiccia forza aerea in quel paese. Nel frattempo, più americani saranno stati feriti o uccisi; molti più iracheni saranno stati feriti o uccisi; ci saranno più caos e conflitti, molti più missili e bombe lanciate e molti più attacchi suicidi. E l'Iraq continuerà ad essere un inferno sulla terra.
La previsione è, solitamente un rischio. È sempre possibile che non sarò seduta qui (o in qualsiasi altro luogo, se è per questo), il 20 marzo 2009. Purtroppo, quando si tratta della posizione americana in Iraq, a meno di un intervento dal cielo, il sesto anniversario della guerra di George Bush sarà molto simile al quinto. Per cominciare, possiamo di certo scrivere dei prossimi 10 mesi, fino al 20 gennaio 2009, giorno dell'insediamento del prossimo Presidente. Sappiamo che, lo scorso autunno, il Segretario della Difesa Robert Gates stava considerando di portare la forza delle truppe americane in Iraq fino a 100,000 entro la fine del secondo termine di George Bush. Tuttavia, questa era solo, come amano dire a Washington, “best case scenario”, lo scenario nel "migliore dei casi".. Il Presidente Bush è restìo al ritiro anche modesto di truppe americane. Quando lascerà l'ufficio, sembra probabile che ci saranno almeno 130.000 truppe americane nel paese, circa lo stesso numero che c'era prima, nel febbraio 2007, che la strategia "surge" di Bush ha sbattuto dentro. Inoltre, negli ultimi anni, anche la forza aerea statunitense è "surged" in Iraq e continua a farlo, mentre in quel paese altre mega-basi statunitensi continuano ad essere costruite. Per quanto ne sappiamo, non ci sono piani per invertire nessuno di questi sviluppi dal 20 gennaio 2009. Nessun candidato presidenziale li ha ancora messi in discussione. Qualsiasi "miglior piano d'azione" di ritiri attuato, resta sul posto la versione di Iraq creata durante mesi di "surge", un'instabile combinazione di piani e desideri sunniti, sciiti, curdi, americani e la carneficina irachena che rimane fuori dalle prime pagine dei giornali americani. Il più grande successo del "surge" è stato in termini di pubbliche relazioni. C'è improvvisamente una percezione che le cose stiano andando meglio in Iraq; di fatto, sono migliori soltanto in termini di stragi.
Immaginiamo un bambino nato il 20 marzo 2003, quando Baghdad è stata colpita, avrà l'età per andare in 1° prima elementare, il sesto anniversario della guerra di George Bush . Lui, o lei, è passato dal balbettare al parlare, dal gattonare a camminare, e poi eventualmente iniziare a leggere e scrivere. Naturalmente, un bimbo iracheno nato in quel giorno, che è riuscito a vivere per vedere il suo sesto compleanno, potrebbe essere tra gli oltre due milioni di iracheni in esilio in Siria o altrove in Medio Oriente, o tra i milioni di profughi interni scappati dalle loro case negli ultimi anni e di certo non a scuola. (Amnesty) (Allo stesso modo, un bambino nato il 7 ottobre 2001, quando il Presidente americano ha spedito bombardieri per colpire l'Afghanistan, sarà in seconda nel marzo del 2009; naturalmente, sette anni e mezzo dopo essere stato "liberato", un bambino Afghano, in particolare uno che ora vive nella parte meridionale di quel fallito narco-stato, è improbabile che sia a scuola. Come con l'Iraq, si potrebbe fare ipotesi sulla situazione in Afghanistan, un anno da adesso che sarebbe peggio delle parole.) Le Nazioni Unite hanno valutato che mezzo milione bambini iracheni sono morti durante i più di 12 anni di sanzioni economiche che hanno preceduto l'invasione USA di marzo 2003, soprattutto come conseguenza di malnutrizione e di malattia. Un recente rapporto dell'organizzazione Save the Children, mostra che l'Iraq continua ad avere la più alta mortalità per i bambini sotto cinque anni. Dalla prima Guerra del Golfo, questa è aumentata del 150 per cento. Si stima che un bimbo su otto in Iraq muore prima del quinto compleanno: 122.000 bambini sono morti solo nel 2005. L'Iraq ha una popolazione di circa 25 milioni. Per quei bambini, i veri eredi dell'era della guerra di Bush, che non è ancora finita, la guerra d'Iraq essenzialmente è stata l'equivalente di una pena detentiva con poca speranza di libertà per buona condotta; per alcuni Americani e molti Iracheni, compreso i bambini, è una sentenza a morte senza speranza di perdono. Tutto questo per un paese che, anche per gli standard dell'amministrazione Bush, non ha mai presentato la minima minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti d'America. Solo questa settimana, un "esaustivo", studio del Pentagono, su 600,000 iracheni catturati, ha confermato, ancora una volta, che non ci sono legami operativi di sorta tra il regime di Saddam Hussein e al-Qaeda.
Con quei bambini in mente, quel che è più deprimente è quasi nessuno ha fatto un passo al di fuori dal convenzionale pensiero politico americano sull'Iraq, motivo per cui è possibile immaginare il 20 marzo 2009 con una certa fiducia.
Naturalmente, la più recente soluzione di Washington, l'occupazione militare infinita di terre straniere, “non risolve„ niente. Le possibilità di un reale miglioramento in Iraq o in Afghanistan sotto la gestione militare degli Stati Uniti sono probabilmente zero.
Il 19 marzo 2010, la data del settimo anniversario dell'invasione dell'Iraq del Presidente Bush, così come il sole di certo sorgerà ad Oriente io sarò seduta qui e …
Segnala questa notizia su ZicZac!

mercoledì 12 marzo 2008

"ONLINE FREE EXPRESSION DAY" Contro la censura internet. Partecipa alla marcia online!

Oggi, Reporter Senza Frontiere ha portato alla luce un problema serio, la detenzione di blogger e di altri 'cyber-dissidenti' e la continua censura di siti web da parte dei governi e di imprese.
L'Online Free Expression Day dà alle persone l'opportunità di dimostrare praticamente contro questa ingiustizia di 'marciare' in versione digitale da piazza Tiananmen e da altri luoghi di protesta. È un buon modo per mostrare il nostro sostegno e RWB hanno individuato 15 'nemici di internet', tra cui Birmania, Cina, Iran e Corea del Nord.
Indubbiamente queste attività e la complicità di aziende come Google, Yahoo e Microsoft negano il nostro diritto come esseri umani di esprimerci liberamente senza timore di persecuzioni.
La libertà di parola nella nostra società è sacra, e dobbiamo fare quello che possiamo per proteggerli.
Fonte: Amnesty
Segnala questa notizia su ZicZac!

martedì 11 marzo 2008

COME LE TRUPPE ISRAELIANE INVADONO LE CASE NELLA STRISCIA DI GAZA

Safa Abu Seif, 12 anni, è stata ferita a morte mentre stava in una stanza al piano di sopra della sua casa nel quartiere di Gaza City Jabaliya 10 giorni fa. Lei è stata una dei 27 bambini identificati dal personale delle Nazioni Unite tra i 107 palestinesi che sono stati uccisi in cinque giorni, la settimana scorsa. Altri 25 morti, tra cui cinque donne, sono stati identificati come civili non-armati. Lo stato di più di 13 morti vittime non può essere determinata. Almeno tre dei bambini sono stati colpiti mentre erano nelle loro case da colpi sparati da armi di piccolo calibro o fucili di precisione israeliani. Un palestinese ha ucciso otto studenti israeliani giovedì, prima di essere ucciso. Anche un soldato israeliano è stato ucciso quel giorno. Due soldati israeliani sono morti in azione nelle prime fasi di una incursione di tre giorni in Jabaliya, e di un civile israeliano è stato ucciso da un razzo palestinese lanciato il primo giorno dell'ondata di violenza. Il Sidney Herald ha chiesto di commentare le accuse che le sue truppe avevano ucciso i bambini della zona, e le Forze di Difesa Israeliane (Israeli Defence Force) hanno dato dato la colpa della violenza ai gruppi terroristici palestinesi che sfruttavano i civili come scudi umani durante il lancio di razzi destinati a colpire civili israeliani. "Le operazioni IDF nella Striscia di Gaza, sono finalizzati esclusivamente alle infrastrutture di Hamas, ai terroristi armati e lanciarazzi", hanno dichiarato. Una fonte sicura, parlando in condizione di anonimato, ha detto che l'Amministrazione Civile del governo militare israeliano per i territori occupati non aveva ricevuto denunce su sparatorie su civili, e nessuna inchiesta era in corso. Eppure, la famiglia del giornalista televisivo palestinese Mahmoud Al Adjrami ha detto che quando Safa è stata colpita le truppe israeliane occupavano la loro casa, a 90 metri in un tratto di spazio aperto dalla finestra attraverso la quale è stata colpita. Raccontano che i soldati invasori fracassarono il loro pavimento di piastrelle per ottenere sabbia da riempire i sacchetti per sparare in posizione dalle finestre del primo piano di fronte alla casa di Abu Seif. La sabbia, insieme con la porta e le piastrelle fracassate, scatole di cartucce usate, cumuli di scatole di razioni israeliane e involucri di snack scartati, erano ancora in casa il giorno dopo il ritiro le truppe. È la procedura standard militare israeliana durante le incursioni assumere la direzione delle case civili come nascondigli dei tiratori franchi, tenendo gli abitanti della casa sotto tiro. Secondo le testimonianze delle vittime e degli stessi soldati israeliani, questo processo implica frequentemente il furto, il vandalismo e la violenza contro i civili disarmati. Le 15 donne e bambini della vasta famiglia di Adjrami erano ammassati insieme in un unica stanza per 19 ore, mentre i due uomini adulti avevano loro polsi strettamente legati con fascette di plastica. Naima, la sorella di Mahmoud, 33 anni, ha detto che i soldati hanno dato loro acqua, ma non il cibo. Secondo il fratello Mahmoud, Mamdoeh, i soldati hanno saccheggiato guardaroba e armadi, rubando due braccialetti d'oro, quattro telefoni cellulari equivalente di $ 8600.
Accanto abita Jabr Zidane, 52, un tassista, che racconta che le truppe hanno preso la sua casa per 24 ore, rubato gioielli e quattro telefoni cellulari. Mostra ai visitatori i resti di una televisione fracassata e lo stereo, un piano rotto, sabbia e scarti di razioni militari con l'etichetta dell'esercito ebraico. In un altra casa, da Jumaa Abed Rabbo, 40 anni, che vive con sua moglie e otto figli, i soldati hanno rubato due grandi bracciali d'oro e $ 500. "Sono stato seduto con le mani legate con legami di plastica per 24 ore. Ho chiesto se la mia famiglia potesse usare la cucina per avere acqua e cibo. Essi hanno rifiutato e così abbiamo mangiato per 24 ore," ha detto Abed Rabbo.Lo scopo dichiarato dell'incursione dell'ultimo fine settimana a Gaza era di uccidere o bloccare i terroristi palestinesi addetti al lancio di missili in Israele, per catturare o distruggere le attrezzature e per raccogliere informazioni di intelligence.
Eppure, tutti e quattro le delle famiglie accennate in questo articolo sono collegati a Fatah, la fazione palestinese favorita da Israele e dagli Stati Uniti su Hamas. Abed Rabbo ed Al Adjrami sono membri della Guardia Presidenziale del Presidente palestinese, Mahmoud Abbas, personaggio chiave nel tentativo fallito, rivelato dalla rivista Vanity Fair Usa, dell'Amministrazione Bush di rovesciare il governo palestinese guidato da Hamas. Secondo i documenti e la testimonianza da parte della rivista, l'Amministrazione forzava il sig. Abbas a rifiutare un accordo di potere condiviso che apriva la strada con l'appoggio di Hamas a possibili colloqui di pace con Israele. Invece, le nuove fazioni della Guardia Presidenziale addestrate dai soldati degli Stati Uniti dovevano essere utilizzate per montare un colpo contro Hamas a Gaza con le armi sponsorizzate dagli USA spedite attraverso l'Israele e l'Egitto. Un “piano B” per armare Fatah, detronizzare il governo democraticamente eletto di Hamas e far ritornare il potere all’ANP vecchia maniera.
I soldati di fanteria dell'Israele sembrano ignorare questo.
"Mi prendevano a pugni, dicendo: 'Tu sei un membro di Hamas. Sei un membro di Fatah. Dove lavori?"' Mamdoeh al Adjrami racconta. "Io dicevo: 'Io lavoro e la Guardia Presidenziale'… Hanno continuato a colpirmi ogni volta che volevano". Il figlio di Jabr Zidane, Mohammed, 21, è stato appena in grado di parlare lunedì, drogato con antidolorifici per alleviare il dolore da percosse e dalle spalle, gomiti e le mani gonfie da più di un giorno in stretti legacci di plastica. Egli ha detto che è stato picchiato, interrogato, usato come scudo umano da truppe israeliane, prese per il territorio israeliano, e rilasciato sul confine.
Mr.Signor Zidane ha detto di non sapere il motivo per cui Mohammed, un muratore disoccupato, è stato scelto per l'interrogatorio e il rapimento.
"Non ha senso per noi. Forse è perché è l'unico con la barba''.
Fonte: Sydney Morning Herald
Segnala questa notizia su ZicZac!

lunedì 10 marzo 2008

BUSH IL TORTURATORE, AFFERMA ANCORA UNA VOLTA LA CRIMINALITA' DELLA SUA AMMINISTRAZIONE

Sabato, il Presidente USA George W. Bush ha posto un veto su una proposta di legge che avrebbe vietato alla CIA l' uso di determinate tecniche di tortura. In tal modo, ha affermato ancora una volta la criminalità assoluta della sua Amministrazione. Il veto di Bush rimanda al Congresso un progetto di legge che avrebbe ordinato alla CIA di usare soltanto quelle tecniche approvate dal Manuale di Campo dell'Esercito. L'effetto della legge sarebbe stato di vietare forme di waterboarding, che comporta l'annegamento indotto del prigioniero ed altre forme di tortura. Il Manuale di campo dell'esercito (The Army Field), vieta esplicitamente l'umiliazione, l'aggressione sessuale, la nudità forzata, l'elettro-shock la privazione di sonno e sensoriale. Bush ha continuato a sostenere che “le procedure specializzaate di interrogazione„ usate dalla CIA che sono il waterboarding ed altre forme di tortura, sono tutte tecniche affidabili e legali.„ Ciò è di fatto una bugia. Queste misure sono tutte illegali sotto le leggi internationali e degli Stati Uniti. Il relatore speciale ONU Manfred Nowak il mese scorso ha insistito che waterboarding “era assolutamente inaccettabile sotto le leggi internazionali dei diritti dell'uomo.„Per quanto riguarda che è sicuro, persino il Direttore degli Stati Uniti dello spionaggio nazionale Mike McConnell ha riconosciuto che “in estremo, le conseguenze di waterboarding potrebbero essere letali; potresti annegare qualcuno.„ La tortura sembra essere solo un aspetto della semantica per il Presidente Bush. Quello che univocamente appare essere una tortura al resto del mondo è “semplicemente una tecnica avanzata di interrogatorio„ nel lessico del Presidente degli Stati Uniti. Bush ha giustificato la sua decisione dichiarando che “il metodo specializzato di interrogatorio„,come l’affogamento simulato, noto come "waterboarding",, è “uno strumento importante„ nella guerra al terrorismo. Ha continuato affermando che senza tali misure, sarebbe stato impossible occuparsi dei “terroristi più violenti e più pericolosi„del mondo. Ed ha spiegato che la legislazione non avrebbe vietato solo un'interrogatorio, avrebbe eliminato una miriade di altre alternative che, secondo il Presidente, sono indispensabili nella lotta al terrorismo. La CIA ha recentemente ammesso di usare il waterboarding, come uno dei metodi estremi impiegati per interrogare un alcuni sospetti di Al - qaeda. C'è stata una forte protesta internazionale contro l'uso di questo metodo così come altre tattiche, la privazione di sonno all'esposizione al freddo ed a prolungati periodi di inedia, metodi usati dagli attacchi dell'11 settembre. I gruppi per i diritti umani hanno denunciato sempre questi metodi come una violazione delle leggi internationali e anche degli Stati Uniti. Anche se l'Amministrazione Bush afferma che “la tortura„ in America è illegale, in realtà non ha prescritto le “tecniche avanzate„ che pricipalmente sono limitate alla CIA che non si conforma alla definizione USA di “tortura„. Ora con il veto che Bush ha messo sulla legislazione, sembra che malgrado l'oltraggio internazionale, l'uso di metodi criminali negli interrogatori continueranno ad essere praticati dai servizi segreti USA. Vi è ben poca probabilità che il veto venga capovolto.
Negli ultimi mesi della sua gestione, Bush sta cercando di difendere e consolidare le pratiche più odiose e più illegali che sono state sviluppate in questi ultimi otto anni, compreso la tortura e spionaggio domestico. L'Amministrazione sta sollecitando il Congresso ad approvare una legge che amplierà permanentemente i poteri per le intercettazioni telefoniche domestiche, garantendo l'immunità alle aziende di telecomunicazioni che hanno partecipato ai programmi del governo. Ci sono un certo numero di fattori dietro l'insistenza dell'Amministrazione che nessun vincolo venga posto nella politica degli interrogatori della CIA. In primo luogo, c'è la reale preoccupazione che rendendere questi metodi illegali aprirebbe un dibattito sulla loro precedente legittimità. Nell'ordinare il waterboarding, Bush ed altri funzionari dell'Amministrazione si sono resi colpevoli di violazione del diritto nazionale ed internazionale, le cui sanzioni severe sono incluse nella Legge di Crimini di Guerra degli Stati Uniti. Più fondamentalmente, l'Amministrazione Bush è determinata a difendere il principio di libero potere esecutivo nell'autorizzare le agenzie di servizi segreti e le forze armate USA ad operare senza alcun vincolo legale. I riferimenti “alla guerra al terrore„ e “sicurezza nazionale„ non hanno niente a che fare con le presunte minacce contro gli Stati Uniti o “ticking time bomb scenarios,” gli scenari da bomba a orologeria (pseudofilosofia per giustificare la tortura). Nel quadro dell'istituzione politica americana, queste sono parole in codice per volere l'uso della forza militare a difesa degli interessi della classe dirigente americana internazionalmente. In particolare, la tortura non è usata per ottenere le informazioni da presunti terroristi, ma come uno strumento per sopprimere e intimidire qualunque opposizione al militarismo americano a casa o all'estero. Il grande vantaggio dell'Amministrazione Bush nel suo conflitto con i Democratici è che l'Amministrazione rappresenta più direttamente gli interessi del capitalismo americano. Nei termini di crisi economica e delle sfide crescenti agli interessi degli Stati Uniti all'estero, l'assoluta spietatezza dell'Amministrazione Bush riflette la sua determinazione ad usare la repressione e la violenza laddove ed ogni volta che è necessario.
Sabato 7 marzo 2008 è stato un giorno vergognoso nella recente storia americana.

Sostieni"Unsubscribe"Amnesty. Manda un messaggio chiaro che non sarà tollerato più l'abuso dei diritti umani nel nome della guerra al terrore. video
Segnala questa notizia su ZicZac!

domenica 9 marzo 2008

CHAVEZ , I $300 MILIONI,L' URANIO: CHE BUFALA!

Ci credete?

Lo scorso fine settimana, la Colombia ha invaso l'Ecuador, ucciso un capo guerrigliero nella giungla, aperto il suo computer portatile e che cosa hanno trovato i Colombiani? Un messaggio a Hugo Chavez che ha invato ai guerriglieri FARC $300 milioni che stanno usando per ottenere l'uranio per fare una bomba sporca!
Ecco cosa George Bush ci dice. E l'ha avuto dal suo compagno, lo sconosciuto Presidente di destra della Colombia, Alvaro Uribe. Così: Dopo il fatto, la Colombia giustifica il suo tentativo di provocare una guerra di confine come per fermare la minaccia di WMDs!
Uh, dove l'abbiamo sentito che prima? ....
La stampa degli Stati Uniti tirato ha su questa linea su Chavez e i $300 milioni “ai terroristi„ più rapidamente di quanto il giovane Bush sniffa la polvere esportata della Colombia. Quello che la stampa degli Stati Uniti non ha fatto è di esaminare gli elementi di prova, l'email nel computer portatile magico. (Presumibilmente, le ultime parole del capo FARC erano, “ascolta, la mia password è….") Mentre potete leggerli qui in spagnolo, qui c'è la traduzione, e l'unica menzione ai presunti $300 milioni da Chavez è questa:
“… In relazione ai 300, che d'ora in poi chiameremo “dossier,„ gli sforzi ora stanno andando avanti alle istruzioni del capo al cojo [termine in gergo per zoppo'] che spiegherò in una nota separata. Chiameremo il capo Angel e lo zoppo Ernesto.„ Di fatto, nel contesto, la nota è tutta sullo scambio degli ostaggi con le FARC, su cui al quel tempo (23 dicembre 2007) Chavez stava lavorando, su richiesta del governo colombiano.
Infatti, la parte restante della email è tutta sul meccanismo di scambio di ostaggi. Ecco la riga successiva: "Per ricevere i tre liberati, Chavez propone tre opzioni: Piano A. Fatelo per via di una 'carovana umanitaria'; uno che coinvolgerà Venezuela, Francia, il Vaticano [?], Svizzera, Unione europea, i democratici [la società civile ], In Argentina, la Croce Rossa, ecc " Quanto ai 300, devo notare che lo scambio precedente dei prigioniero dei FARC ha coinvolto 300 prigionieri. È quello a che il `300 ' si riferisce? Sabe di Quien del ¿? Diversamente da Uribe, da Bush e la stampa degli Stati Uniti, non inventereremo una storia fantasmagorica su Chavez che spende denaro che neppure ha. Per sostenere la loro causa, i colombiani sostengono, senza alcuna prova, che il misterioso "Angel" è il nome in codice di Chavez. Ma nel memo, Chavez va sotto il nome in codice di… Chavez. Ebbene, Questo è quanto.
L'invasione colombiana in Ecuador è un netta violazione del diritto internazionale, condannato da ogni singolo membro latino dell'Organizzazione degli Stati americani. George Bush ha invitato Uribe a ritornare in Colombia, contro "le continue aggressioni da narco-terroristi, nonché le manovre provocatorie da parte del regime in Venezuela." Bene, il Presidente può aver avuto i fatti al contrario, ma Bush sa che cosa sta facendo: sostenendo il suo ultimo, esitante l'alleato nel Sudamerica, Uribe, un uomo disperato in profonde difficoltà politiche. Uribe sostiene l'intenzione di portare le accuse contro Chavez all'esame del Tribunale Penale Internazionale. Se Uribe ci va di persona, gli suggerisco di portarsi lo spazzolino: è stato appena scoperto che gli squadroni della morte di destra hanno tenuto riunioni di pianificazione degli omicidi nel ranch di Uribe. I soci di Uribe sono stati chiamati prima dalla Corte Suprema della Nazione ed è possibile che debbano affrontare il carcere. In altre parole, è un buon momento per un disperato Uribe usare l'influenza di un vecchio politico; la minaccia di guerra, soffocare le accuse dei suoi crimini. Inoltre, l'attacco di Uribe ha letteralmente spazzato via le trattative con FARC uccidendo il suo negoziatore, Raul Reyes. Reyes di fatto era in trattative con entrambi, Ecuador e Chavez sullo scambio di un'altro prigioniero. Uribe ha autorizzato le trattative, tuttavia, lui sapeva, quei colloqui avrebbero ottenuto il rilascio di rapiti dalle FARC, tutto il merito sarebbe andato all'Ecuador e a Chavez ed il discredito ad Uribe.
Fortunatamente per un emisfero sull'orlo delle fiamme, il Presidente dell'Ecuador, Raphael Correa, è uno degli uomini più equilibrati e più premurosi che si possa incontrare mai. Correa ora sta volando da Quito a Brazilia a Caracas per mantenere la regione dal salti in aria. Mentre le truppe si spostano verso il suo confine, nessun capo di stato può consentire carri armati stranieri sul loro terreno sovrano, Correa inoltre rifiuta il rifugio al FARC. Infatti, l'Ecuador ha messo fuori 47 basi di FARC, un migliore record della stessa Colombia, e le sue corrotte forze armate. Per la sua la gestione pacifica della crisi, si perdoni Correa per aver convocato Bush, "un stupido Presidente, che ha fatto grandi danni nel suo paese e nel mondo". Possiamo fidarci di Correa per mantenere la pace a sud del confine. Ma possiamo fidarci di quel Presidente? L'attuale uomo nell'ufficio ovale, George Bush, non può aiutare se stesso: un invasione fuorilegge organizzata da un fautore di destra degli squadroni della morte sta benissimo con lui.
Chi non ci si aspettava sentir ripetere a pappagallo la linea di Bush? Hillary Clinton, ancora spiegando che il suo voto per invadere l'Iraq non era un voto per invadere l'Iraq, ha pubblicato una dichiarazione quasi identica a Bush, benedicendo l'invasione dell'Ecuador “il diritto di difendersi della Colombia.„ Ed ha aggiunto, “Hugo Chávez deve arrestare queste azioni provocatorie.„ Huh?
Presumo che Obama non sarebbe saltato su questa mina particolarmente dopo che è stato marcato come dilettante di politica straniera per il suggerimento che lui avrebbe invaso attraverso il confine del Pakistan per cercare i terroristi. È imbarazzante che Barack abbia ripetuto la linea di Hillary quasi alla lettera, annunciando, “il governo colombiano ha ogni diritto di difendersi.„ (Di sicuro la posizione di Hillary non è stata influenzata dal prestito avuto da Frank Giustra. Giustra ha dato più di un centinaio di milioni di dollari a progetti di Bill Clinton. L'anno scorso, Bill Clinton ha introdotto Giustra al colombiano Uribe . Sul posto, Giustra ha concluso un affare lucrativo con Uribe per il petrolio colombiano.)
John McCain si è misurato con la sua stessa idiozia, annunciando che "Hugo Chavez sta instaurando una dittatura", presumibilmente perché, a differenza di George Bush, Chavez conta i voti in tutte le elezioni venezuelane. Il New York Times, sulle pagine delle news mercoledì, ha chiamato McCain, “a national security pro.” McCain è il “pro” che ha detto la guerra in Iraq sarebbe costata quasi nulla in vite o in dollari. Ma, sull'invasione colombiana dell' Ecuador, McCain ha detto: "Spero che le tensioni si allentino, il Presidente Chavez rimuoverà quelle truppe dai confini così che Ecuadoriani e le relazioni tra i due possano continuare a migliorare." Non è molto inglese, ma decisamente non è Bush. McCain ha detto: "Spero che le tensioni si allentino, il Presidente Chavez rimuoverà quelle truppe dai confini così che Ecuadoriani e le relazioni tra i due possano." Non è molto inglese, ma decisamente non è Bush. E, sicuramente non è Obama o Clinton, le cheerleadier della guerra Colombiana in Ecuador.
Democratici, state ascoltando? L'unica cosa più peggiore dei media che attaccano Obama e Clinton come dilettanti è lo spaventoso desiderio dei candidati Democratici di dimostrare la loro ragione.
fonte:opednews

sabato 8 marzo 2008

UNA POLITICA SCONFITTA, NON UN POPOLO SCONFITTO

Paragonati al silenzio internazionale che ha circondato i recenti massacri d'Israele di civili palestinesi nella striscia di Gaza occupata, la condanna e le condoglianze per le vittime dell'attacco che ha ucciso otto allievi al Mercaz HaRav Yeshiva a Gerusalemme sono state rapide. “Ho appena parlato con il Primo Ministro [israeliano] Olmert per estendere le mie condoglianze più profonde alle vittime, le loro famiglie ed al popolo d'Israele,„ ha dichiarato il Presidente degli Stati Uniti George W. Bush. Il segretario generale ONU Ban Ki-moon ha aggiunto la sua “condanna„ e “le condoglianze,„ come ha fatto l'alto rappresentante UE Javier Solana. Il giorno prima l'attacco di Gerusalemme, Amira Abu 'Aser fu sepolta a Gaza. Aveva vissuto appena 20 giorni su questa terra prima di essere sparata alla testa dalle forze d'occupazione israeliane che attaccarono la casa degli amici che lei e la sua famiglia stavano visitando. Uno degli abitanti della casa è stato trovato il giorno dopo, morto sparato e la sua testa schiacciata da una jeep dell'esercito, una vittima apparente di un omicidio estragiudiziale delle forze israeliane. Ma a conferma della loro condizione agli occhi della “comunità internazionale„ di esseri non completamente umani, nemmeno l'uccisione di Amira, nè di nessuno delle dozzine di vittime civili palestinesi del violento assalto d'Israele a Gaza ha meritato la condanna o le condoglianze. L'errore che sta dietro la differente preoccupazione per le vite degli israeliani e dei Palestinesi innocenti è che il massacro a Gerusalemme ed i massacri a Gaza possono essere separati. Le morti israeliane sono “terrorismo,„ mentre le morti palestinesi sono solo una sfortunata conseguenza nella lotta contro il “terrorismo.„ Ma i due sono collegati e ciò che è accaduto a Gerusalemme è una conseguenza diretta di cosa Israele sta facendo ai Palestinesi da decenni. E' chiaro che l'uccisione dei civili, israeliani o palestinesi, è sbagliato, ripugnante, e non porterà questa guerra di cento-anni causata dalla colonizzazione sionistica della Palestina ad una fine. Ci sarà uno sforzo israeliano di propaganda, come sempre, a presentare la violenza palestinese come semplicemente essere motivata dall'odio e divisa dal contesto della brutale occupazione nel quale i Palestinesi vivono. Quale maggior prova si potrebbe avere di un attacco agli allievi religiosi, dedicando la loro vita allo studio della Torah? Non possiamo prevedere molta analisi nei media del perché il Mercaz HaRav yeshiva possa essere stato scelto come obiettivo. Era pura coincidenza che la scuola è la culla ideologica del movimento razzista militante della supremazia del colono ebreo Gush Emunim? Diversamente da altre sette in Israele che hanno cercato l'esenzione dei loro allievi dal servizio militare, Gush Emunim ha incoraggiato i suoi seguaci a far parte dell'esercito ed a diventare l'ala armata del sionismo nazionalista religioso. I coloni di Gush Emunim, molti di loro, come Moshe Levinger, laureati del Mercaz HaRav, hanno fondato gli insediamenti più estremi e più razzisti nella Riva Ovest occupata, compreso le note colonie dentro e vicino Hebron i cui abitanti hanno reso la vita misera ai Palestinesi nella città e costretto molti di loro ad uscire dalle loro case. È il colone militante dello Gush Emunim che ancora onora Baruch Goldstein che ha assassinato 29 Palestinesi a Hebron nel febbraio 1994. È a Hebron che i coloni del Gush Emunim scrivono con le bombolette spray “gli arabi alle camere a gas„ sulle case dei palestinesi. È possibile che il bandito di Mercaz HaRav non sapesse o non gliene importasse nulla di questo, e che ogni obiettivo identificato come israeliano avrebbe appagato il suo desiderio di vendetta.
Nel 2002, il capo dell'esercito israeliano Moshe Yaalon ha dichiarato che “Ai Palestinesi si deve far capire nei recessi più profondi della loro coscienza che sono un popolo sconfitto.„ Ciò si sarebbe ottenuto con l'applicazione massiccia e costante di forza fino a quando loro non avrebbero recepito il messaggio. La stessa filosofia è stata elaborata nel 2004 dal professor Arnon Soffer, uno degli architetti, con l'ex primo ministro israeliano Ariel Sharon, del “disimpegno.„di Gaza nel 2005. Soffer, un fervido sostenitore nel trasformare Gaza in una prigione ermeticamente chiusa per i Palestinesi, ha spiegato che se i Palestinesi sparano un singolo razzo sopra il recinto in Israele, “ne spareremo 10 in risposta. E le donne ed i bambini saranno uccisi e le case distrutte. Dopo il quinto tale avvenimento, le madri palestinesi non permetteranno che i loro mariti sparino Qassams [razzi], perché sapranno che cosa le aspetta.„ Soffer ha predetto che tempo alcuni anni, “quando 2.5 milioni di persone vivono chiusi a Gaza, sarà una catastrofe umana. Quella gente si trasformerà ancora più in animali di quanto sono oggi, con l'aiuto di un insano Islam fondamentalista.„ Con i Palestinesi chiusi dentro, “la pressione al confini sarà terribile,„ Soffer ha predetto. “Sarà una guerra terribile. Così, se vogliamo rimanere vivi, dovremo uccidere ed uccidere ed uccidere. Tutto il giorno, ogni giorno.„ Per essere giusti, Soffer ha mostrato un lato umano: “L'unica cosa che mi interessa è come accertarsi che i ragazzi e gli uomini che faranno le uccisioni possano riornare a casa dalle loro famiglie e essere normali esseri umani(da"It's the demography, stupid," The Jerusalem Post, 21/05/2004). Da decenni Israele sta esercitando con intensificante brutalità questa intenzionale strategia a schiacciare con forza ed inedia una popolazione civile nella ribellione contro il dominio coloniale. Alle vessazioni Israeliane, i Palestinesi non stanno facendo la loro parte. Dopo sessanta anni di espulsioni, i massacri, assassini dei loro capi, colonizzazione, tortura ed imprigionamento totale, i Palestinesi non sono riusciti a capire che sono “un popolo sconfitto.„ La vasta maggioranza dei Palestinesi a Gaza e la Riva a Ovest resistono all'oppressione senza precedenti dell'esercito e dei coloni israeliani senza ricorrere alla violenza nella risposta, ma mandengono una inesauribile determinazione a resistere fino a che non riguadagnino i loro diritti. Se i metodi che la resistenza palestinese ha usato a volte sono da biasimare, sono anche stati tipici di movimenti di resistenza anti-coloniali durante tempo, come William R.Polk mostra nel suo libro "Violent Politics: Una storia di Insurrezione, Terrorismo e Guerriglia dalla rivoluzione americana all'Iraq" e Robert Pape ha dimostrato con il suo studio sul terrorismo suicida "Morire per vincere".
Non è tempo per il resto del mondo di intervenire e obbligare Israele almeno a capire la stessa cosa, in modo che l'insensato massacro possa infine fermarsi e tutta la gente del paese, Israeliani e Palestinesi, possano cominciare ad immaginare un futuro anzichè una infinita parata di funerali?
Fonte:EI
Segnala questa notizia su ZicZac!

venerdì 7 marzo 2008

LA CONGIURA DEI PICCOLI UOMINI



"Ascolta Piccolo Uomo: il tuo retaggio è un diamante che brucia nella tua mano. Vedi te stesso come sei veramente. Ascolta quello che nessuno dei tuoi capi e rappresentanti oserà mai dirti: Sei un 'piccolo uomo qualsiasi'. Comprendi il duplice senso di queste parole: 'piccolo' e 'qualsiasi'. Sei afflitto dalla peste emozionale. Sei malato, molto malato, Piccolo Uomo. Non è colpa tua. Ma è tua responsabilità aver ragione di questa malattia."
(Wilhelm Reich, Listen, Little Man, 1948)

video 2

giovedì 6 marzo 2008

USA: I CRIMINALI DELLA CASA BIANCA

Il Presidente George W. Bush è “il più grande criminale„ che abbia mai occupato la Casa Bianca, scrive l'esperto in Scienze Politiche Michael Parenti, aggiungendo inoltre che la maggior parte dei Presidenti degli Stati Uniti della seconda guerra mondiale ad oggi si sono comportati come “delinquenti.„. La sua lunga lista di “delinquenti„ include i Presidenti John Kennedy, Lyndon Johnson, Ronald Reagan, George H.W. Bush e Bill Clinton. Clamorosamente assenti dalla lista sono il Repubblicano Dwight Eisenhower e il Democratico Jimmy Carter. Ciò che questo tipo di delinquenti hanno in comune, sostiene Parenti, è la loro dedica “ad una politica globale interventista degli Stati Uniti„ e al sostegno di un “pantagruelico, criminale dispendioso budget militare„ per attuare quegli interventi. Il Presidente Kennedy “ha insidiato il governo democratico in Guyana ed ha sostenuto i molti lavori sporchi della controinsurrezione in America Centrale,„ gcrive Parenti su The Long Term View, un giornale d'opinione pubblicato dalla Facoltà di Diritto del Massachusetts a Andover. Il Presidente Johnson lo ha seguito, perpetrando “la prima escalation principale del Vietnam„ ed anche invadendo la Repubblica Domenicana “quando aveva minacciato di avere un governo di sinistra riformista che avrebbe assunto la direzione mosso in un corso rivoluzionario democratico.„ Dopo LBJ, “Nixon ha commesso terribili crimini in Indocina: i massicci bombardamenti a tappeto del Laos, della Cambogia e del Vietnam, uccidendo letteralmente centinaia di migliaia, se non milioni, di persone”. Nel Laos, “Nixon è andato bombardare la piana delle giare (Plain of Jars) bombardando ogni metro quadrato ed ha ucciso, soltanto il Dio sa quante centinaia di migliaia di gente e distrutto quella intera società„. Il Presidente Reagan è responsabile dell'invasione di Granada, “un paese piccolo e inoffensivo che stava provando a sviluppare un senso comunitario e ha rovesciato il suo governo„ ed ha avuto alcuni dei suoi leaders uccisi. Reagan, Parenti dice, “ha portato Granada di nuovo a dove era prima: un paese ad alto tasso di disoccupazione. Ha abolito le aziende agricole comunali che stavno iniziando e la terra è stata riconvertita in terreni da golf per i turisti.„ Reagan inoltre ha intrapreso una sanguinosa guerra civile (35000 morti) “contro il movimento rivoluzionario in Nicaragua dei Sandinisti, lo ha distrutto e ha insanguinato quel paese,„ sostenendo e finanziando “gli assassini e i delinquenti peggiori„ degli eserciti dei Contras ed poi mentendo sul suo ruolo di sostegno della guerra. Per quanto riguarda il presidente George H.W. Bush, “ha intrapreso una guerra contro l'Iraq che era completamente evitabile,„ precisa, “gli Iracheni erano pronti a negoziare un ritiro dal Kuwait„ ma “volevano solo fermare la perforazione inclinata dei giacimenti di petrolio di Ramallah.„ Tuttavia, aggiunge,“Bush lo ha usato come giustificazione per bombardare, per uccidere enormi quantità di Iracheni e per distruggere le infrastrutture di quel paese, perché quel paese era autodefinito, stava commettendo il "peccato" di nazionalismo economico e non stava comportandosi come un buon e obbediente stato.„ Parenti incolpa ulteriormente il presidente Bush ad aver invaso Panama e catturato il suo capo Noriega e dopo la sua vittoria ha abolito “ogni sorta di programma educativo.„ Per quanto riguarda il Presidente Clinton, lui “ha bombardato la Somalia e ucciso migliaia di persone„. Il portavoce di Clinton aveva l’ordine di ritardare le notizie almeno fino al “prossimo bombardamento” e solo molto tempo dopo si saprà che nel 1993 le forze americane avevano ucciso in un solo giorno mille civili somali. In Iugoslavia la criminale campagna di bombardamenti condotta dalle truppe USA… come fu inoltre criminale la sua determinazione di espandere ed aumentare il budget militare. Parenti, autore di circa 20 libri compreso “La Democrazia per pochi„ (Wadsworth), riserva la sua critica più dura per il presidente George W. Bush: “È stato un delinquente totale nel rovesciare un governo democratico di Haiti e nell'appoggiare gli squadroni della morte, gli omicidi e nel perseguire una guerra di aggressione in 'Iraq,„ M.Parenti scrive. “Bush ha annunciato unilateralmente che gli Stati Uniti saranno fermati da nessun dei trattati internazionali che hanno firmato, che nessuna critica di diritto internazionale inibirà la politica straniera e che gli Stati Uniti riservano il diritto di agire come vogliono, secondo i loro propri interessi e sulle limitazioni del loro stesso potere,„ Parenti precisa. “Gli Stati Uniti,„ continua a dire, “di se stessi, decidono unilateralmente, quali paesi attaccheranno, quando e per quale motivo,„ una politica che “ha causato un tale allarme nel mondo intero, la gente ha dimostrato in maniera massiccia…„ Inoltre, la guerra irachena ha dato a Presidente Bush “l'occasione porre freno sul dissenso nel paese, intimidire ed accumulare più potere.„

CHAVEZ: LA COLOMBIA E' l'ISRAELE dell'AMERICA LATINA

Non era solo in mente al presidente Chávez; è stato in mente di molti osservatori l'attacco Stati Uniti/ Colombia all' accampamento FARC in Ecuador il 1° marzo. Questo bombardamento codardo dei membri di FARC mentre dormivano ha troppe somiglianze con i 50 anni di attacchi Usa-israeliani ai Palestinesi ed ai loro capi per essere ignorato. Di certo ci sono molte altre somiglianze anche fra le pratiche e le politiche degli stati colombiani ed israeliano. “Uccisioni mirate„ d'Israele; “decapitazione„ dei capi palestinesi eletti; attacchi oltre-frontiera in violazione della sovranità di altre nazioni; oppressione violenta dei civili palestinesi compreso le donne e bambini; assassinio di chiunque si opponga ai vari regimi criminali a Tel Aviv; uso d'Israele di armamenti USA compresi i missili di precisione, armi all'uranio impoverito, elicotteri militari ed assassini crudeli vestiti come soldati israeliani di ODF, uso degli informatori compromessi con la tortura, video di sesso e minacce contro le famiglie - tutti questi metodi aggiungono ad una parola: Terrorismo. E proprio come i veri terroristi, Olmert ed i membri della Knesset proiettano la loro stessa colpevolezza sulle loro vittime palestinesi chiamandoli “terroristi„, Uribe ed altri colombiani lecchini degli Stati Uniti usano la loro influenza per avere FARC elencato come “organizzazione terrorista„ negli Stati Uniti e in Unione Europea. Il presidente Chávez ha ragione di chiamare la Colombia “uno stato terrorista„ e di identificare la Colombia con Israele, chiamandola “l'Israele dell'America Latina„. Naturalmente i media capitalisti hanno complici in abbondanza nelle bugie generate da Washington, da Tel Aviv e dalla Colombia poichè pubblicano assurdità come, “Chavez annuncia la guerra con la Colombia„ (AP), dipingendo il presidente Chávez come l'aggressore e coprendo l'invasione di Uribe dell'Ecuador. In ogni caso, i militari colombiani, di sicuro sanno spendere i soldi provenienti dalle imposte. I Colombiani hanno la tecnologia per bombardare un paese straniero, uccidono chiunque sulla loro lista ed inoltre riescono a conservare un computer portatile nemico da un bombardamento. Un computer portatile molto speciale. Pare che Reyes abbia immagazzinato all'interno di esso la prova stessa per sostenere ogni teoria strampalata di cospirazione che il governo colombiano vorrebbe il mondo sapesse. Ed è tutto vero, perché la polizia segreta colombiana non potrebbe mai mentire...
Il portatile ha rivelato:
>>La direzione del FARC ha avuto apparentemente contatto continuo con alti livelli del governo venezuelano.
>>I ribelli si riferiscono “ad un dossier„ che il governo colombiano conosce e che dimostra decisivamente che il Venezuela ha fornito le centinaia di milioni di dollari ai terroristi!
>>I francesi erano in segreto e frequente contatto con i capi temuti di FARC e una riunione diplomatica con un inviato chiamato “Noe„ era negli impianti.
>>Gli italiani anche stavano negoziando con loro trattative fra il FARC e l'intero Parlamento Europeo.
>>L'Ecuador era nei contatti ad alto livello con il FARC e negoziava colloqui con gli Stati Uniti d'America.
Rimane poco chiaro se questo ci rende tutti i partecipanti al genocidio o soltanto sponsor. Quando gli è stato chiesto, il computer portatile ha riso minaccioso, ha mostrato le sue terribili zanne e si è chiuso.
Segnala questa notizia su ZicZac!

mercoledì 5 marzo 2008

LA DISCESA DI GAZA NELLE TENEBRE

Immagina l'orrore assoluto di vedere, di sentire il tuo bambino morire tra le vostre braccia da un male facilmente evitabile. I farmaci necessari sono ad appena alcuni chilometri di distanza, ma è come se fossero sulla luna. Immaginiamoci una sala di attesa sporca d' ospedale. E mentre ci troviamo là sul pavimento con il corpo insanguinato e ferito di un nostro caro, qualcuno che amiamo, ci sentiamo dire dai medici, “spiacente, non abbiamo letti. Non abbiamo apparecchiature, noi non abbiamo farmaci.„ E infine, “non c'è niente che possiamo fare.„ Dobbiamo aspettare che la persona che amiamo muoia.
E immagina di essere il medico, che giorno dopo giorno deve dire alle madri, a padri, a figli a madri le notizie che temevano. Giorno dopo il giorno. Molti scapperebbero. E molti dei medici dell'Iraq l'hanno fatto. Ma per qualche motivo più noto a loro stessi, molti hanno tenuto il loro camice e sono andati avanti. Sono rimasti. Sono tornati il giorno dopo ed il seguente, combattendo una situazione disperata. Portando la poca speranza che ancora rimane nelle strade coperte di macerie e nelle sale d'attesa degli ospedali della striscia di Gaza impoverita. Il Dottor Mehdad Abbas dell'ospedale Shifa di Gaza ed direttore della Gestione di Crisi al Ministero della Sanità a Gaza è uno di quelli che è rimasto. “Abbiamo circa dodici ospedali lungo la striscia di Gaza ed i casi che abbiamo avuto erano molto seri. In effetti avevamo le nostre terapie intensive piene ed abbiamo dovuto aggiungere sette letti supplementari, ma i 19 letti di cure intensive che erano pieni da ieri mattina,„ ha detto. Quello sarebbe il primo giorno intero dell'assalto israeliano su Gaza del Nord. “Potevamo allora spostare alcuni dei nostri casi in Egitto. Abbiamo ricevuto più di 350 feriti e la maggioranza di loro era bambini e donne. Inoltre stiamo parlando di circa i 125 che hanno perso le loro vite durante questa aggressione degli israeliani degli ultimi giorni a Jabalya, la provincia nordica della striscia di Gaza,„ ha detto. Il dottore ha confermato che la maggior parte delle vittime erano donne e bambini, molte di loro sono stati uccisi dentro le loro case dai razzi e dalle bombe dei caccia e degli elicotteri con armamento pesante. “Non abbiamo visto mai tali lesioni prima,„ ha detto, “Quando gli F-16 colpiscono il tetto della casa, abbiamo lesioni di schiacciamento, abbiamo lesioni da esplosione nella maggior parte del corpo, niente si salva. Abbiamo visto trauma alla testa così come al torace all'addome ed alle estremità allo stesso tempo in un singolo paziente. Questi pazienti hanno affrontato un ad alto rischio della morte e questo spiega perché abbiamo perso più di 125 casi in questi due o tre giorni.„ Tutt'intorno al reparto d'emergenza e l'Unità di Cura Intensiva, è pieno di corpi umani, a malapena riconoscibili come bambini in giovane età, adulti, donne, uomini con i tubi legati al viso, braccia e corpo. Senza esitare e con la sua voce che aumenta ci ha detto che, “la cosa il più urgentemente necessaria è di sollecitare il governo israeliano a smettere di uccidere i bambini palestinesi, questo è la prima cosa necessaria.„ E che concluda l'assediamento, dice, immediatamente. “Abbiamo bisogno di medicine, abbiamo bisogno di cibo, abbiamo bisogno di libertà, queste sono le cose di cui abbiamo bisogno in Palestina.„ Per quanto riguarda i rifornimenti medici, il medico ha detto che gli ospedali a Gaza hanno avuto bisogno di più ventilatori e monitor per poter fare fronte al frequente afflusso di vittime con gravi ferite da trauma. “Se gli israeliani continuano gli attacchi che stanno uccidendo i nostri pazienti, abbiamo bisogno di più ventilatori e monitor in modo da possiamo ricevere e salvare più vittime,„ Ha raccontato dei bambini che sono portati all'ospedale con delle terribili lesioni, ma non hanno trovato letti vuoti, nessun'apparecchiatura. “Stiamo perdendo quei pazienti nei nostri ospedali,„ dice il dottor Abbas, “è per quel motivo che ora sto facendo appello per i rifornimenti medici, in particolare più ventilatori e monitor per ricevere più casi in terapia intensiva.„ Ogn'uno nella comunità internazionale, persino coloro che sta provando a fare gli sforzi per arrestare l'aggressione contro i civili, può vedere facilmente che niente sta cambiando a Gaza. Che l'unico cambiamento notevole è che le cose stanno andando peggio, molto peggio. “Gli israeliani,„ ha detto, “sono molto interessati al sangue dei nostri bambini e non si fermano.„ Infatti, gli israeliani avevano appena annunciato un arresto al massiccio assalto di terra e di aria. Ma non per motivi umanitari, solo per non offendere il ministro degli Stati Uniti Condoleezza Rice che stava visitando la regione. “due giorni, è quello che hanno detto i media israeliani...„
L'embargo israeliano, legittimamente descritto come assediamento, ha avuto un profondo effetto sull'efficacia degli ospedali di Gaza e delle cliniche di sanità. “Ieri abbiamo perso molti casi nell'Unità di Terapia Intensiva solo perché non avevamo letti liberi per riceverli,„ il medico ha spiegato, “Così noi siamo stati costretti a scaricarli prematuramente dalle Unità di Terapia Intensive ai reparti generali ed era molto sbagliato naturalmente. Abbiamo perso molti casi.„ E aggiunge “Inoltre, non abbiamo pezzi di ricambio per riparare le apparecchiature. Gli israeliani non lasciano entrare i pezzi di ricambio perché dicono che possono essere usati per gli obiettivi militari.„ Uno sviluppo positivo era l'apertura della frontiera fra Gaza e l'Egitto per permettere ai pazienti feriti più seriamente di entrare nel Sinai per il trattamento. “Hanno ricevuto circa 36 casi il primo giorno ed ieri hanno ricevuto circa 19 casi dalle cure intensive,„ ha detto, “ma quelli che soffrono di cancro, o i malati di rene, o quelli con malattie cardiache, non possiamo mandarli.„ Le frontiere egiziane dovrebbero essere aperte per tutti i pazienti senza alcuna specie di distinzione. Quelli con il cancro, o i problemi cardiaci di reni li perderemo. La capacità dei reparti dell'ospedale di effettuare i loro servizi di routine è alterata. Il numero enorme di feriti e la scarsità di letti ha costretto gli ospedali a mandarli alle loro case. Saranno martiri. Stanno contando solo i giorni per morire qui a Gaza se non ricevono il trattamento.„ A questo punto il dottor Abbas prova a pensare positivo, ottimista: “E se gli israeliani smettono di uccidere i bambini, la situazione a Gaza sarà più o meno stabile nei prossimi giorni. A meno che cambino idea ed inizino con una nuova operazione.„ Non sapeva il dottor Abbas, che gli israeliani già avevano cambiato idea. Mentre si stava preparando a ritornare ai suoi pazienti, una colonna di veicoli blindati israeliani di sostegno dalle truppe stava entrando in Gaza del sud per attaccare la casa di un membro ritenuto sospetto di Jihad islamico.
“Israele ha lanciato una nuova incursione nella striscia di Gaza questa sera dove le truppe terrestri di sostegno in veicoli blindati hanno sparato ed ucciso ad un bambino di due settimane ed hanno feririto parecchi altri Palestinesi.„

Ma le immagini raccontavano una storia differente.
Molto piccolo, spostato in una coperta insanguinata, il bambino è stato trasportato nell'ospedale, seguito molto attentamente da un gruppo di cineoperatori agitati. Il foro nel lato della testa del bambino era grande come circa una moneta da un euro.
Scuro, in profondità e insanguinato.
Una colonna dei carri armati, una compagnia di soldati.
E un bambino di due settimane con un foro rotondo enorme nel lato della sua testa.
...Sembra che il dottore Abbas non otterrà la sua tregua di due giorni ...

martedì 4 marzo 2008

LA SEMPLIFICAZIONE IMPERIALISTICA CAUSA L'INGIUSTIZIA NELLA STRISCIA DI GAZA

Dopo giorni di raid e più di cento morti, la Striscia respira. Hamas festeggia la vittoria, ma la tregua nasconde l'intenzione di Israele di continuare i raid e proseguire l'offensiva. L'escalation delle ultime ore parla di un'offensiva militare israeliana che ha portato ancora più sangue, con decine e decine di vittime palestinesi, dicono militanti ma molti sono i civili. Pagano, tutti, la politica criminale dell'occupazione israeliana.
Ancora una volta Israele sfida la comunità internazionale impotente che non offre niente se non le timide richieste per il cessate il fuoco “da entrambi i lati„. Ed ancora una volta i tributi palestinesi di morte e di sofferenza continuano a battere records nei territori occupati da Israele dal 1967. Effettivamente, i propagandisti israeliani non fanno altro che ripetere il soundbite: Ci siamo ritirati da Gaza nel 2005 e da allora i Palestinesi hanno lanciato razzi sulle nostre città del sud. Questo soundbite ha potuto girare nei media occidentali; dopo tutto esso fa eco con una visione mondiale semplicistica che risveglia gli stereotipi che sono stati creati nei secoli, producendo le demoniache e degradanti rappresentazioni dei musulmani e degli arabi. Diventa facile descrivere i Palestinesi in questo contesto come gli elementi portatori della collera incomprensibile ed irrazionale. Questo genere di rappresentazione è intensificato da settembre 2001 con “la riscoperta„ di Israele e la sua Corte suprema, come faro occidentale in mezzo buio del Medio Oriente. Una volta esaminato da vicino, tuttavia, la realtà spazza via le spiegazioni della “violenza senza motivo„ e del “terrorismo senza contesto„. Diventa apparente che si non può discutere seriamente una legittima resistenza ad un'occupazione militare prolungata e orrenda in un contesto di “guerra con terrorismo„. Inoltre, anche se sono da criticare alcune pratiche degli oppressi si dovrebbe tenere presente la radice del problema: è l'occupazione, non la resistenza. Nessun espediente retorico può celare la realtà del colonialismo nemmeno trasformandola in un semplice "conflitto„ fra lati ugualmente colpevoli o ritrarre l'occupante come la vittima vendicativa. Nel suo rapporto più recente (pdf)del gennaio 2008, il relatore ONU sulla situazione dei diritti dell'uomo nei territori occupati ha raccontato le azioni di Israele a Gaza, chiamandoli “crimini di guerra„ e dimostrando come questi stanno producendo una implacabile crisi umanitaria. Effettivamente, più dell' 80% dei Palestinesi di Gaza stanno vivendo sotto la soglia di povertà e dipendono dall'aiuto alimentare fornito dal UNRWA. Negli ultimi anni Israele ha distrutto le centrali elettriche ed altre attrezzature civili, ridotto il combustibile le attrezzature elettroniche e chiuso le frontiere. I bisogni di base dell'essere umano dei Palestinesi, come il movimento, alimentazione ed il trattamento medico, sono diventati completamente dipendenti dai capricci dei tecnocrati israeliani della sicurezza e dei demagoghi politici. Non fu una sorpresa quindi, il 25 gennaio, assistere ad una delle tante scene tragiche di vita a Gaza, il disperato esodo di decine di migliaia di Palestinesi che attraversarono la frontiera dell' Egitto per comprare il cibo, il combustibile, le coperte, le capre, le sigarette, il fertilizzante, i sacchetti 50kg di cemento, e qualunque altra cosa che riuscirono a trovare. Dal cosiddetto programma di disimpegno Israele aveva mirato a sfuggire ogni sua responsabilità sul destino di Gaza mentre di fatto rimaneva l'occupante. Inoltre ha cercato di impedire l'autodeterminazione palestinese separando la Riva a Ovest da Gaza ed intensificando la colonizzazione della Riva a Ovest e di Gerusalemme orientale con il veemente rifiuto del diritto dei rifugiati palestinesi di ritornare alla loro patria. Non si può invitare i Palestinesi a sedersi tranquillamente mentre Israele sta creando basi per trasformare e spezzettare la già restringente patria palestinese rendendo le loro aspirazioni così remote come non sono state mai. Non si può invitare i Palestinesi a sottostare alla loro riduzione da esseri umani a semplici esseri preoccupati soltanto della sopravvivenza. Ad Israele non dovrebbe essere permesso sfuggire le sue responsabilità. Le decine di migliaia di Palestinesi che sono stati uccisi, feriti, incarcerati, o handicappati soltanto negli ultimi anni e di migliaia di case che sono state demolite possono testimoniare la crudeltà di una delle occupazioni militari più lunghe nella recente storia moderna. Purtroppo, parti della comunità internazionale hanno tollerato le atrocità di Israele e continuano a chiudere un'occhio sulla lunga lista di crimini di guerra e di crimini contro umanità perpetrati da Israele. È difficile non notare l'ipocrisia quando confrontiamo la forte condanna internazionale alla cattura di soldati israeliani dai gruppi di resistenza e le timide richieste ad l'Israele per “fermarla„ nel massacro dei Palestinesi o nel distruggere il Libano. Questi soldati israeliani hanno i nomi e famiglie che sono trasmessi in tutto al mondo, mentre i Palestinesi rimangono solo numeri senza nome e senza volto. Questa ipocrisia porta una dicotomia fra il potente che per definizione non può commettere terrorismo, non importa quanto biasimevoli le azioni siano, ed il diseredato che per definizione non può commettere che terrorismo non importa quanto marginali e pietosi le azioni sìano. È ora che Israele sia giudicato responsabile. C'è bisogno di una protezione internazionale per i Palestinesi, la ricostruzione delle condizioni, oggi azzerate. Nelle circostanze attuali di evidente asimmetria di potere è improbabile che Israele aderisca alle richieste del rispetto delle convenzioni internazionali di pace e del diritto umanitario senza una pressione della comunità internazionale. Più presto questa pressione verrà quanto più presto la comunità internazionale si assumerà la sua responsabilità. I Palestinesi, tuttavia, non possono attendere finchè la comunità internazionale si svegli. Dovranno continuare a resistere per asserire e ristabilire la loro umanità. Sangue e vendetta, vendetta e sangue, questa pare la regola del gioco. Il gioco sporco di due leadership criminali. Ma attenzione. La politica demenziale dei fondamentalisti di Hamas non può, non deve farci dimenticare che la radice del problema sta nella continuazione della politica d'occupazione militare di Israele. Non solo i Palestinesi rovesceranno il giogo coloniale, ma inoltre avranno motivi per mettere in discussione la comunità internazionale sulla sua indifferenza al loro grido per la libertà e giustizia, e la sua apatia al prezzo troppo alto che è stato pagato per queste nobili aspirazioni.