Google

mercoledì 24 ottobre 2007

DI CHI E' IL PETROLIO, ALLORA?

L'Iraq è un "pantano", un "fiasco". Ma ci sono buoni motivi nel pensare che, dalla prospettiva di Bush-Cheney, non sia nessuna di queste cose.
L'Iraq ha 115 miliardi di barilotti delle riserve di petrolio conosciute. E' più di cinque volte il totale negli Stati Uniti. E, a causa del suo isolamento lungo, è il meno esplorato delle nazioni ricche di petrolio del mondo. È stato valutato, dal Consiglio Affari Esteri, che l'Iraq può avere piu' di 220 miliardi di barilotti di petrolio non scoperto; un altro studio parla di 300 miliardi. Se queste stime sono dovunque vicine alla realtà, le forze di Stati Uniti ora sono sedute su un quarto delle risorse petrolifere del mondo. Il valore del petrolio grezzo iracheno, sarebbe dell'ordine di $30 trilioni. A confronto, il costo complessivo dell'invasione/occupazione degli Stati Uniti è intorno $1 trilione.
Chi otterrà l'olio dell'Iraq? Uno dei punti di riferimento dell'Amministrazione Bush per il governo iracheno è il passaggio di una legge per distribuire i profitti del petrolio. Il progetto di legge che gli Stati Uniti hanno scritto per il congresso iracheno cederebbe quasi tutto il petrolio alle aziende occidentali. L'Iraq National Oil Company manterrebbe un controllo di 17 di 80 giacimenti di petrolio attuali dell'Iraq, lasciando il resto, compreso tutto il petrolio non ancora scoperto, sotto il controllo corporativo straniero per 30 anni. "Le aziende straniere non dovrebbero investire i loro guadagni nell'economia irachena, collaborare con le aziende irachene, impiegare operai iracheni o ripartire le nuove tecnologie", ha scritto l'analista Antonia Juhasz sul New York Times a marzo, dopo che il progetto di legge è trapelato. "Potrebbero persino superare “l'instabilità" corrente dell'Iraq firmando i contratti ora, mentre il governo iracheno è più debole e poi attendere almeno due anni prima di mettere piede nel paese. La vasta maggioranza del petrolio dell'Iraq allora sarebbe lasciato sottoterra per almeno due anni piuttosto che usarla per lo sviluppo economico del paese. Come gli Stati Uniti effettueranno l'egemonia sul petrolio iracheno? Stabilendo basi militari permanenti nell'Iraq. Cinque super-basi autosufficienti sono già in fase di completamento. Tutte sono lontane dalle aree urbane dove la maggior parte dei incidenti sono accaduti. Nel febbraio dell'anno scorso, il reporter Thomas Ricks del Washington Post ha descritto una di queste strutture, la base aerea di Balad, a quaranta miglia di Nord di Bagdad. Un pezzo (ben-fortificato) di periferia americana nel mezzo del deserto iracheno; Balad ha i loro fast-food, un terreno da golf miniatura, un campo di football americano, un cinematografo e rioni distinti fra loro. La "KBR-land", chiamata così dopo che la filiale di Halliburton ha fatto la maggior parte dei lavori di costruzione alla base. Anche se poche delle 20.000 truppe americane disposte là hanno avuto mai contatto con un iracheno, la pista alla base è una più occupata al mondo. "Siamo dietro soltanto Heathrow ora," ha detto il comandante dell'aeronautica Ricks. Il Dipartimento della Difesa era inizialmente evasivo circa queste basi. Nel 2003, Donald Rumsfeld ha detto: "Io non ho mai, per quel che posso ricordare, sentito l'argomento di basi permanenti in Iraq discusso in alcuna riunione". Ma questa estate l'Amministrazione Bush ha cominciato a parlare apertamente di disporre le truppe americane nell'Iraq per gli anni, persino decenni. Ma gli Stati Uniti potranno effettuare una presenza militare indefinita nell'Iraq? Daranno plausibilmente una spiegazione razionale per rimanere là, fino a quando il conflitto civile continuerà, o fino a che ogni gruppetto che si dichiarerà convenientemente di Al-Qaida verrà sterminato. La guerra civile può perdere gradualmente l'intensità come Shiiti, Sunniti ed i Kurdi si ritireranno in zone franche separate. Una divisione de facto sarà il risultato. Ma questa divisione può non diventare mai de jure. Presiedere questo Iraq balcanizzato sarà un governo federale debole a Bagdad, supportato e sorvegliato dal Pentagono, e l'ambasciata degli Stati Uniti che è stata appena costruita, in una zona verde all'interno della zona verde. Per quanto riguarda il numero delle truppe degli Stati Uniti permanentemente disposte in Iraq, il segretario alla difesa, Robert Gates, ha detto al Congresso alla fine di Settembre che nella sua testa ha visto la forza a lungo termine consistere in cinque brigate di combattimento, un quarto del numero corrente, che, con il personale di sostegno, vorrebbe dire 35.000 truppe come minimo, probabilmente accompagnato da un numero uguale di mercenari. (Può aver peccato di modestia, poiché le cinque super-basi possono accomodare fra le dieci e venti mila truppe ciascuna.) Queste forze lasceranno occasionalmente le loro basi per sedare le schermaglie civili, diminuendo così il numero di incidenti. Le basi permanenti saranno tutte situate in modo che si possa volare dentro e fuori senza mettere americani ad ogni angolo della strada. Ma la loro funzione giornaliera principale sarà di proteggere l'infrastruttura del petrolio. Questo è ciò che Bush-Cheney passeranno all'Amministrazione seguente. E se sarà Democratica? Smantellerà le basi e ritirerà le forze degli Stati Uniti? Ehm.. sembra improbabile, tenendo conto dei molti beneficiari dell'occupazione continuata dell'Iraq e dello sfruttamento delle sue risorse petrolifere. I tre candidati Democratici principali Hillary Clinton, Barack Obama e John Edwards, hanno rifiutato di promettere che, se scelti, avrebbero rimosso le forze americane dall'Iraq prima del 2013, a conclusione del loro primo mandato.
Fra i vincitori: le aziende come la Halliburton; le stesse compagnie petrolifere (i profitti saranno inimmaginabili e perfino Democratici possono essere comprati); Gli elettori degli Stati Uniti, ai quali sarà garantito la stabilizzazione dei prezzi alla pompa di gas ( sembra essere la loro unica preoccupazione); Europa ed il Giappone, entrambe trarranno beneficio dal controllo occidentale di una così grande parte delle riserve di petrolio del mondo, e di cui i capi quindi strizzerano l'occhio all'occupazione permanente. Fra i perdenti è la Russia, che più non potrà più tiranneggiare le proprie risorse energetiche sull' Europa. Un altro grande perdente è OPEC e particolarmente l'Arabia Saudita, il cui potere di mantenere i prezzi del petrolio elevati facendo rispettare le quote di produzione sarà compromessa seriamente.

E allora, qualche miliardo di dollari al mese e alcune dozzine di infortuni mortali americani sono trascurabili confrontati ai $30 trilioni in ricchezza del petrolio, supremazia geopolitica americana garantita e il gas poco costoso per gli elettori. In termini di realpolitik, l'invasione dell'Iraq non è un fiasco; è un successo clamoroso.

Nessun commento: