Google

domenica 28 ottobre 2007

EUROPA: ARMI NON LETALI, UN PASSO AVANTI NELLA REPRESSIONE E IL CONTROLLO SOCIALE.

PARIGI: Parecchi governi europei stanno munendo le loro forze di polizia con una nuova gamma "di armi non letali" per sedare le proteste contro la globalizzazione e fra gli immigranti. I governi in Francia, in Svizzera, in Germania, in Spagna e parecchi altri paesi hanno ordinato tali armi, o sono circa a, anche se i gruppi di diritti dell'uomo stanno avvertendo che la "non-mortalità" presunta delle pistole è un mito e che invece possono uccidere la gente. "L'arma non letale" più diffusa è la pistola di stordimento Taser (foto), che emette scariche elettriche. Tecnicamente dovrebbe solo paralizzare la persona colpita e causare dolore intenso. Un rapporto pubblicato da Amnesty International afferma che la pistola di stordimento potrebbe aver causato "la morte di più di 290 individui negli USA e nel Canada colpiti dalla polizia con le Tasers" fra il giugno 2001 e 30 settembre quest'anno. "Mentre (AI) non giunge a conclusioni per quanto riguarda il ruolo della Taser in ogni singolo caso, crede che le morti sottolinino l'esigenza di completi, indipendenti inchieste sul loro uso e gli effetti," si legge nel rapporto. Il numero delle morti causate dalla pistola stordente Taser potrebbe realmente essere superiore di quanto dichiarato da Amnesty International. Nel caso più recente è di questo Ottobre, la polizia canadese ha ucciso con la Taser, Robert Dziekanski, un immigrante polacco, fuori all'aeroporto di Vancouver. Malgrado tali avvenimenti, funzionari della polizia tedesca elogiano pubblicamente l'uso della Taser contro i dimostranti come un'arma inoffensiva ma efficiente. Finora in Germania, soltanto i commando speciali della polizia sono forniti di queste pistole. Friedhelm Krueger-Sprengel, ex funzionario al Ministero della Difesa, dice che "le armi non letali danno alla polizia e le forze dell'esercito un più largo raggio d'azione." Krueger-Sprengel ha detto all'IPS che "le forze di sicurezza possono scontrarsi contro una popolazione ribelle senza tirare con le armi immediatamente. Con le pistole Taser ad esempio, la polizia e gli ufficiali dell' esercito possono imporsi più facilmente, nel senso che il loro potere ha un più ampio spettro, in modo che i rivoltosi non possono reagire contro di loro." Rainer Wendt, direttore dell'Unione Tedesca degli Ufficiali di Polizia, dice che "la polizia ha bisogno di armi che non uccidono, ma che danneggino e causano ferite, per controllare le dimostrazioni. Altrimenti, dichiarando la stagione aperta sui nostri ufficiali di polizia nelle battaglie contro i dimostranti violenti". Una spiegazione razionale per le armi non letali è stata presentata da Kay Nehm, ex Procuratore Generale tedesco, nel luglio 2006 al Congresso sulla "Sicurezza Futura" a Karlsruhe, a circa 550 chilometri di sud-ovest di Berlino. Secondo Nehm, queste sollevazioni sociali ed economiche, che altri associano con l'imposizione delle politiche economiche dei neo-liberal, "certamente condurranno a piu' sacrifici e difficoltà sociali, che rappresentano i nuovi rischi di fratture all'interno della società e sono il focolaio naturale per le sfide radicale, estremista, terrorista." Nehm: "Tali sfide possono soltanto essere dominate dalle forze di sicurezza con le armi non letali, che non causano un bagno di sangue alle dimostrazioni. Thomas Gebauer, dell'organizzazione non governativa Medico International, interpreta queste giustificazioni per le armi non letali come simbolo del crescente carattere repressivo dei governi europei e nordamericani e della loro prontezza per sopprimere violentemente le proteste contro la diffusione l'ingiustizia sociale. "Lo sviluppo di tali armi mira ad assicurare la diseguaglianza sociale crescente, ad accertare che i poveri non abbiano la possibilità di mostrare il loro malcontento contro i ricchi", ha dichiarato Gebauer all'IPS. "Lo scopo di queste armi è di garantire le frontiere sociali, per instautare il controllo perenne dei movimenti, per limitare la democrazia". In Francia, il 1° Settemre una donna immigrata cinese è stata gravemente ferita dopo gli agenti di polizia l'hanno colpita con le pistole Taser. Gli ufficiali di polizia hanno provato ad interrogare la donna, una lavoratrice irregolare della cucina di un ristorante giapponese a Parigi. Poichè ha resistito all'identificazione, subito le hanno sparato con le armi stordenti. Non avendo reagito alla scarica elettrica, secondo la versione della polizia, ha tentato di attaccarli e per questo le hanno sparato con le pistole strandard. Circa 3.000 ufficiali di polizia francesi sono muniti di pistole Taser. Ma dopo la ribellione della gioventù immigrata durante l'autunno del 2005 nella periferia di Parigi, le autorità comunali hanno chiesto all' amministrazione centrale di dotare la maggior parte della polizia di queste armi non letali. Il 16 ottobre, il Ministero dell'Interno di Parigi ha annunciato che emenderà regole per permettere alla comunità locale di dotare la polizia di pistole stordenti. In Svizzera, il Consiglio Nazionale ha votato i privi di ottobre per dotare le forze di polizia dell' immigrazione della pistola Taser per uso contro gli immigranti irregolari che possono resistere alla deportazione. Altre armi non letali che sono discusse in Europa sono le pistole laser che causano la cecità provvisoria, i beanbags, (sacchetti di fagioli) che sono piccoli sacchetti sparati da barilotti che contengono fino a 150 piccoli colpi, gas lacrimogeni, spume paralizzanti, supercolle, reti, calore emesso da schermi, sirene a ultrasioni, munizioni di gomma e plastica che possono essere "letali o non-letali a secondo la velocità e la distanza che sono sparati. Armi non letali, non-lethal weapon, soft-kill, elettromagnetiche, sonore, non mortali. Questi sono solo alcuni dei nomi "politically correct" affibbiati ad una nuova generazione di armi "non letali" di cui si stanno dotando le "forze di sicurezza". Armi che colpiscano, puniscano, scoraggino, ma alla fine non dovrebbero uccidere. (Armi non letali... tranne il fatto che possono uccidere, storpiare e mutilare le persone). Con tutti i vantaggi che ne conseguono sia dal punto di vista del "incutere terrore" e quindi di controinsurrezione preventiva e di demoralizzazione, sia dal punto di vista di gestione dell'opinione pubblica e dei media. Il grave rischio è che, con la diffusione di queste tecnologie, si forniscano potenti strumenti per il controllo di ogni opposizione ottenendo cosí il duplice risultato di bloccare le proteste ed evitare contemporaneamente scomodi massacri "in diretta", favorendo così l’assoggettamento terroristico della gente.
Inquietante.
fonte: IPS

Nessun commento: