Google

sabato 1 settembre 2007

US MARINE: HO AVUTO L'ORDINE DI GIUSTIZIARE DONNE E BAMBINI

Il Caporale Humberto Mendoza ha testimoniato questa settimana che il Sergente dei Marine Frank Wuterich 27 anni, accusato di 17 omicidi sulle uccisioni di Haditha, gli aveva ordinato di giustiziare donne e bambini. Il 19 novembre 2005 i marines rispondevano ad una bomba che aveva ucciso uno di loro. Mendoza racconta che Wuterich ha ordinato a lui e ai i suoi compagni di marina a cominciare a sgomberare le case alla ricerca dei rivoltosi, ma ciò che seguì fu uno degli episodi più orribili segnalati in Iraq:
Sulla prima casa, Cpl. Hector Salinas ha sparato ad una donna anziana. Più avanti, ha trovato un uomo iracheno e gli ha sparato ripetutamente.
Alla casa successiva Wuterich diede l'ordine di bussare e sparare a vista su chiunque avesse aperto, disse: "Aspetta appena che aprono la porta e spara". "Quella porta non si aprì, allora sparammo ad un uomo adulto che stava dando un'occhiata sull'uscio di una cucina". Durante la ricerca successiva della casa, Mendoza ha detto di aver ricevuto un ordine da un altro marine, il Caporale Stephen Tatum, di sparare a sette donne e bambini che aveva trovato in una camera da letto sul lato posteriore della casa: "Quando ho aperto la porta c'erano solo donne e bambini, due adulti erano distesi sul letto e c'erano anche tre bambini sul letto … altri due erano dietro" racconta Mendoza. "Li ho guardati per alcuni secondi. Abbastanza per rendermi conto non erano una minaccia… e che apparivano spaventati". Dopo aver lasciato la stanza Mendoza disse a Tatum che cosa aveva trovato. "Gli dissi che c'erano solo donne e bambini in quella stanza. Lui mi disse: "Sparali". Racconta Mendoza al procuratore, il tenente colonnello Sean Sullivan. "E che cosa gli disse?" Sullivan chiede. "Gli dissi: ma sono solo donne e bambini. Lui non rispose niente".
Mendoza dice che una volta ritornato di fronte la casa sentì una porta aprirsi alle sue spalle e subito dopo un forte rumore, forse una granata o colpi d'arma da fuoco. Nel pomeriggio, tornato lì, trovò la casa piena di cadaveri. L'accusa asserisce che i Marines andarono a Haditha per rappresaglia alla morte del loro compagno. Gli avvocati della difesa sostengono che Wuterich ha seguito le regole da seguire stabilite in zona di combattimento:"Questi Marines stavano facendo quello per cui erano stati addestrati" . Otto marines inizialmente furono incriminati per le morti di Haditha. Quattro furono accusati di omicidio e quattro ufficiali di grado elevato furono accusati di non aver investigato correttamente sulle uccisioni. Le accuse di omicidio sono state ritirate in aprile contro il sergente Sanick Dela Cruz in cambio della sua testimonianza.

Le rivelazioni correnti per loro non sono affatto nuove. Inizialmente i Marines protagonisti del massacro dichiararono che le due dozzine di civili erano morti in un bombardamento del bordo della strada. Questa bugia fu immediatamente ed ovviamente evidente poichè i civili non riportavano ferite delle vittime di bombardamento. Tutte le vittime avevano ferite da arma da fuoco alla testa e al corpo, era evidente che furono giustiziati.

Nessun commento: