Google

giovedì 6 settembre 2007

ESERCITO USA: CIVILI UCCISI IN IRAQ E AFGHANISTAN. ON-LINE I DOCUMENTI

L'Unione delle Libertà Civili Americana(ACLU) ha presentato una denuncia contro il Dipartimento di Difesa (DOD), richiedendo in conformità alla FOIA (Freedom of Information Act) il rilascio dei documenti ufficiali sui civili uccisi dalle forze di coalizione in Iraq ed Afghanistan. L'ACLU ha fatto richiesta più di un anno fa ma ha ottenuto le documentazioni solo dall'Esercito, il Dipartimento della Difesa finora ha rifiutato di dare seguito alla richiesta. L'ACLU ha pubblicato i documenti dell'esercito degli Stati Uniti che descrivono incidenti civili in Iraq e in Afghanistan. Le liste comprendono gli atti delle corti marziali e le indagini militari su uccisioni di civili innocenti. I documenti pubblicati dall'ACLU sono accessibili anche on-line. Nasrina Bargzie:"Quando le esigenze di guerra e le politiche del Pentagono interferiscono col flusso di informazioni, noi dobbiamo contare sui documenti del nostro governo per aiutare la gente a sapere cosa si sta facendo in nostro nome". Fin da quando le truppe US misero piede in Afghanistan nel 2001, sono state prese iniziative senza precedenti per controllare e sopprimere informazioni. L'ACLU ha precisato che durante le guerre sia in Afghanistan che in Iraq, il Dipartimento della Difesa ha istituito numerose politiche progettate al controllo delle informazioni sui costi umani della guerra. Queste politiche includono:
* Vietare i fotografi delle basi militari US dal ritrarre l'arrivo dei feretri con i resti dei soldati americani uccisi oltremare;
* Pagamento dei giornalisti iracheni per scrivere positivamente dello sforzo di guerra degli Stati Uniti;
* Invitare i giornalisti degli Stati Uniti lavorare con le unità militari richiedendo loro di presentare le loro storie per la revisione della pre-pubblicazione;
* Cancellare dalle riprese dei giornalisti le morti di civili in Afghanistan;
* Rifiuto di rilevare statistiche sui civili feriti.
ACLU: Abbiamo usato la FOIA, come raggi X della Democrazia, per noi, è stato l'unico modo per avere le informazioni dal governo sulla guerra in Irak, la guerra col terrore, sul loro programma di sorveglianza. Il solo modo per far luce in quella scatola nera che è l'Amministrazione Bush, che ha tentato di tenere segreti alcuni documenti che ci aiutano a capire meglio cosa sta accadendo. Sappiamo della difficoltà dei giornalisti a coprire la guerra, sia per la violenza, sia per ottenere spazio dal governo. I documenti resi pubblici oggi gettano ulteriore luce sulle uccisioni di civili iracheni e afgani nelle zone di conflitto. Storie di uomini, donne bambini. Il procedimento di corte marziale di un soldato degli Stati Uniti che ha sparato ad un uomo iracheno a bruciapelo, alla testa. Il soldato fu processato da corte marziale e assolto da una giuria di ufficiali e sottufficiali. Un'altro documento descrive un'indagine sull'uccisione di due uomini afgani che è stata riportata dal New York Times. I soldati degli Stati Uniti hanno sparato ed ucciso a due paesani che scappavano. Dopo aver scartato la possibilità di esumare i corpi o di ottenere una copia del rapporto dalla polizia afgana sull'avvenimento, l'investigazione concluse che c' era "prova insufficiente per dimostrare che [quattro soldati delle forze speciali]avevano commesso un omicidio". Uno dei pochi casi in cui l'inverstigazione ha suggerito un azione disciplinare ha coinvolto la morte di un bambino di sei mesi che è morto in un incidente di traffico. Il caso ha determinato che il conducente USA deve essere accusato di omicidio colposo. La causa è stata istituita nel tribunale di prima istanza degli Stati Uniti per il distretto di Columbia. La storia del ragazzo di nove anni che è stato sparato giù perché hanno pensato che la sua cartella della scuola fosse una bomba. Lo zio ha ottenuto $500 come risarcimento. I due pescatori nel fiume di Tikrit, che mentre stavano pescando si rendono conto che un elicottero è sulle loro teste e che forse li vedono come potenziale minaccia. E così, il pescatore prende un pesce e comincia ad agitarlo, "pesce, pesci", e si gira per spegnere il motore della barca e dall'elicottero sparano uccidendoli entrambi. Tutto questo indica il fatto che questa è realmente una guerra nel caos, che i soldati non sanno come interagire con la popolazione civile, che mancano del giusto addestramento, che sparano senza pensarci due volte. E la gente continua a morire giorno dopo giorno.
Per maggiori informazioni :ACLU Civilian Casualties.
In un progetto separato, l' ACLU ha fatto una richiesta di FOIA nell'ottobre 2003 per le annotazioni riguardo all'abuso dei prigionieri in Iraq, Afghanistan e Guantánamo. La documentazione è accessibile on-line.

In Iraq e Afghanistan
ogni 9,62 giorni, la quantità di civili uccisi è pari a quelli dell'11 settembre in USA.
Ci sono 1,61 bombe come quelle di Madrid ogni giorno.
In 11 giorni altrettanti civili iracheni e afghani sono uccisi come l'intera quantità di personale militare americano in Afghanistan dal 2002 e in Iraq dal 2003.
link link

Nessun commento: