Google

giovedì 13 settembre 2007

DOV'ERA BIN LADEN L'11 /9 /2001?

"Correre dietro bin Laden" è servito, durante gli ultimi cinque anni, a sostenere la leggenda del "terrorista più ricercato nel mondo", colui che "colpisce gli Americani e milioni di altri intorno al mondo." Donald Rumsfeld ha sostenuto ripetutamente che il luogo dove Osama bin Laden si nascondeva era sconosciuto: "È come cercare un ago in un pagliaio". Nel novembre 2001, bombardieri B-52 degli Stati Uniti bombardarono una rete di caverne nelle montagne del Tora Bora nell'Afghanistan orientale, in cui Osama bin Laden ed i suoi seguaci si stavano nascondendo. Queste caverne furono descritte come "ultima fortezza del Osama". Successivamente, gli analisti della CIA conclusero che Osama aveva lasciato la sua caverna a Tora Bora la prima settimana di dicembre 2001. E nel gennaio 2002, il Pentagono lanciò una globale ricerca di Osama e dei suoi luogotenenti, oltre i confini dell'Afghanistan. Questa operazione, denominata dal ministro Colin Powell "hot pursuit" inseguimento ravvicinato, fu effettuata con il supporto della comunità internazionale e degli alleati europei d'America. Autorità dei servizi segreti USA dichiararono, che: "mentre Al - Qaeda è stata colpita in maniera significativa,… bin Laden, l'uomo più ricercato al mondo rimane un passo avanti agli Stati Uniti, con il centro della sua rete di terrore in tutto il mondo ancora sul posto".(Global News Wire - Asia Africa Intelligence Wire, InfoProd, 20 Gennaio, 2002) Per i successivi cinque anni, l'intero apparato militare e di intelligence degli Stati Uniti (con una considerevole spesa dei contribuenti americani) è stato alla "ricerca di Osama". Fu organizzata un'unità della CIA con un budget di  svariati  milioni  di dollari, con un mandato per trovare Osama. Questa unità fu sciolta apparentemente nel 2005. Gli esperti dell' intelligence concordarono nel dire: "sta nascondendosi in una regione isolata di Pakistan, ma non possiamo trovarlo". "La maggior parte degli analisti dell' intelligence erano convinti che Osama bin Laden si trovasse in qualche luogo al confine Afgano-Pakistano. Probabilmente nelle vicinanze della catena montuosa del Hindu Kush in cima al Tirich MIR 7705m, nella regione tribale di Chitral, nel nord-ovest del Pakistan". (Hobart Mercury Australia, 9 Settembre 2006) Il presidente Bush promise ripetutamente "lo staneremo" dalla sua caverna," lo cattureremo morto o vivo", se necessario con assalti o attacchi missilistici al suolo. Secondo una dichiarazione del Presidente Bush: "Osama sta nascondendosi in una regione isolata di Pakistan che "è estremamente montagnoso e molto inaccessibile,con le alte montagne con un'altezza tra i 9.000 e i 15.000 piedi….". Non possiamo prenderlo, perché, secondo il Presidente, "non c'è una infrastruttura di comunicazioni, che ci permetterebbe di stargli dietro efficacemente". (Balochistan Times, 23 Aprile 2006) L'inseguimento di Osama si è trasformato da allora, in un procedimento che alimenta la catena di notizie su una base quotidiana. Fa parte non solo della campagna di disinformazione dei media, fornisce inoltre una giustificazione per l'arresto arbitrario, detenzione e tortura di numerosi "sospetti", "combattenti nemici" e presunti "complici", che potrebbero essere informati della localizzazione del Osama. E quelle informazioni sono naturalmente vitali "alla sicurezza degli Americani". La ricerca di Osama serve sia gli obiettivi militari che politici. Con i Democratici ed i Repubblicani che di fanno concorrenza con le loro risoluzioni per estirpare "il terrorismo islamico". The Path to 9/11, una serie di cinque ore di ABC sulla ricerca di Osama bin Laden, fece il suo debutto l'11 e il 12 settembre nel quinto anniversario degli attacchi, accusa Bill Clinton di essere stato "troppo occupato con lo scandalo di Monica Lewinsky per combattere il terrorismo". Il messaggio del film è che i Democratici hanno trascurato "la guerra con terrorismo". La verità è che ogni singola Amministrazione, fin da Jimmy Carter, ha sostenuto e finanziato "la rete di terrore islamico", generato durante la gestione di Carter all'inizio della guerra Sovietico-Afgana. (Michel Chossudovsky, Who is Osama bin Laden, 12 Settembre 2001)
Ma dov'era Osama bin Laden l'11 Settembre 2001?
Vi è prova che il luogo di Osama era conosciuta all'amministrazione Bush. Il 10 settembre 2001, "il nemico numero uno" era in un ospedale militare pakistano a Rawalpindi, come confermato da un rapporto di Dan Rather, CBS news. (link) Avrebbero potuto arrestarlo senza preavviso, cosa che avrebbe "risparmiato molte difficoltà", ma d'altra parte, non avrebbero più avuto la fiction di Osama, che ha alimentato la catena di notizie così come i discorsi del George nel corso dei ultimi cinque anni. Secondo Dan Rather, di CBS, Bin Laden fu ospedalizzato a Rawalpindi un giorno prima degli attacchi di 11/9, il 10 settembre 2001. "Pakistan. Il servizio segreto del Pakistan (ISI) disse alla CBS che bin Laden aveva ricevuto il trattamento di dialisi a Rawalpindi, al quartier generale dell'esercito del Pak. DAN RATHER, CBS: "CBS news stasera ha informazioni esclusive su dove bin Laden era e su che cosa stava facendo durante le ore precedenti all'attacco dell''11 settembre". Questo è il risultato della segnalazione investigativa condotta da una squadra di giornalisti di CBS news e da uno di migliori corrispondenti esteri, Barry Petersen di CBS: Ognuno ricorda che cosa è accaduto l'11 settembre. Qui la storia di che cosa è accaduto la notte precedente . È un racconto come torto come la caccia per Osama bin Laden. CBS news racconta che la notte prima del attacco terroristico dell'11 settembre, Osama bin Laden era in Pakistan. Stava ricevendo un trattamento medico con il supporto di quei militari che i giorni successivi si impegnarono nella sua protezione nella la guerra col terrore degli Stati Uniti in Afghanistan. Fonti dei servizi segreti Pakistani dicono a CBS news che bin Laden era brioso nell' ospedale militare a Rawalpindi per il trattamento di dialisi del rene. Quella notte, dice un operaio medico che ha voluto nascondere la sua identità, fu trasferito fuori tutto il personale normale nell'instituto di urologia ed introdotto una squadra segreta per sostituirlo. Dice che era un trattamento per una persona molto speciale. "I militari lo hanno circondato", racconta un impiegato dell'ospedale, "ed ho visto il paziente misterioso aiutato ad uscire da un'automobile. Da allora, dice, "ho visto molte immagini dell'uomo. È l'uomo che conosciamo come Osama bin Laden. Inoltre ho sentito due ufficiali dell' esercito parlare l'un l'altro. Stavano dicendo che Osama bin Laden doveva essere guardato con attenzione e che dovevano occuparsi di lui." Quello che conosceva bin Laden dice che lui soffriva di numerosi disturbi, della parte posteriore e dello stomaco. Ahmed Rashid, che ha scritto ampiamente sui Talebani, dice che i militari prima dell'11/9 erano spesso là ad aiutare. Petersen : I medici all'ospedale hanno dichiarato a CBS news che non ci fu niente di speciale quella notte, ma hanno rifiutato la nostra richiesta di guardare i registri. I funzionari di governo hanno negato che bin Laden abbia avuto il trattamento medico quella notte. (CBS news) Donald Rumsfeld, segretario alla Difesa: "Riguardo lo stato di salute di Osama bin Laden, non ne sono a conoscenza". Petersen: "Gli Stati Uniti non hanno modo di sapere chi nell'esercito o nell'intelligence del Pakistan abbia sostenuto i Talebani o Osama bin Laden forse fino alla notte prima del 11/9, organizzando la dialisi per tenerlo in vita. Così gli Stati Uniti non possono sapere se quella stessa gente potrebbe ancora aiutarlo forse ad essere libero. E' da sottolineare che l'ospedale è sotto la diretta giurisdizione delle Forze Armate Pakistane e che ha stretti collegamenti col Pentagono. Consiglieri militari degli Stati Uniti con base a Rawalpindi lavorano a stretto contatto con le Forze Armate Pakistane. Inoltre, nessun tentativo è stato fatto per arrestare il fuggitivo più noto dell'America, ma d'altra parte forse bin Laden aveva un altro " scopo migliore". Rumsfeld allora dichiarò che non era a conoscenza della salute di Osama. (Notizie di CBS, 28 gennaio 2002) Il rapporto di CBS è un informazione cruciale nella nostra comprensione di 9/11. Contesta la dichiarazione dell'Amministrazione che sostiene che l'ubicazione di bin Laden fosse sconosciuta. Indica un collegamento col Pakistan, suggerisce un occultamento dell'amministrazione Bush. Dan Rather e Barry Petersen non riescono a tracciare le implicazioni del loro rapporto del gennaio 2002. Suggeriscono che gli Stati Uniti siano stati fuorviati deliberatamente dai funzionari dei servizi segreti pakistani. Non riescono a porre la semplice domanda: Perché l' Amministrazione statunitense dichiara di non poter trovare Osama bin Laden? Stando al loro rapporto, la conclusione è evidente. L'amministrazione mente. La localizzazione di Osama bin Laden era conosciuta. Se il rapporto di CBS è esatto e Osama effettivamente fu ammesso il 10 Settembre, all'ospedale militare del Pakistan, cortese alleato dell'America, lui era ancora in ospedale a Rawalpindi l'11 settembre, quando gli attacchi si sono presentati o almeno, fu rilasciato dall'ospedale nelle ultime ore precedenti gli attacchi. In altre parole, la localizzazione del Osama era conosciuta ai funzionari degli Stati Uniti la mattina del 12 settembre, quando il ministro Colin Powell ha iniziato le trattative con il Pakistan, in vista dell'arresto e l'estradizione di bin Laden. Queste trattative, condotte dal General Mahmoud Ahmad, capo dei servizi segreti del Pakistan, per conto del governo del presidente Pervez Musharraf, sono avvenute il 12 e il 13 di settembre nell'ufficio del vice capo della Segreteria di Stato, Richard Armitage. Avrebbero potuto arrestarlo quasi senza preavviso il 10 settembre 2001. Ma d'altra parte non avremmo avuto il privilegio di assistere a cinque anni di storie dei media riferite ad Osama. La amministrazione Bush ne aveva bisogno disperatamente per il romanzo "un nemico della parte esterna dell'America". L'Osama bin Laden di Al Quaeda, conosciuto e documentato, è stata una costruzione dell'apparato dei servizi segreti degli Stati Uniti. La sua funzione essenziale è di dare un volto "alla guerra con terrorismo". L'immagine deve essere chiara. Secondo la Casa Bianca, "la più grande minaccia contro noi è questa ideologia di violento estremismo ed il suo più grande fautore pubblico è Osama bin Laden. Bin Laden rimane l'obiettivo di numero uno, in termini di nostri sforzi, ma non è l'unico obiettivo". (Dichiarazione di Frances Townsend, 5 settembre 2006 link). La dottrina della sicurezza nazionale poggia sul romanzo dei terroristi islamici, capeggiata da Osama, che sono ritratti come "la minaccia contro il mondo civilizzato". Nelle parole del Presidente Bush, "Bin Laden ed i suoi alleati terroristi hanno reso chiare le loro intenzioni così come Lenin e Hitler prima di loro. La domanda è noi ascoltereno? Presteremo attenzione a ciò che questi uomini diabolici dicono? Siamo sull'offensiva. Non ci ritireremo. E non ci ritireremo dalla lotta fino a che questa minaccia contro la civilizzazione sarà rimossa. L'“hot pursuit" di Osama nelle regioni montagnose del Pakistan deve continuare, perché senza Osama, col fiume di notizie e dichiarazioni ufficiali ad oltranza, la fragile legittimità dell'Amministrazione Bush sprofonderebbe come un castello di carta. Mentre non c' è prova che Al -qaeda era dietro all' attacco dell'11/9, come rivelato dagli studi e dai numerosi documenti , ci sono prove crescenti della complicità e dell'occultamento a livelli elevati degli apparati dello stato, militare e dell' intelligence.
fonte: Michel Chossudovsky, professore di economia all'università di Ottawa e direttore del centro per la ricerca sulla globalizzazione.

4 commenti:

b0b00 ha detto...

Ciao, interessante ciò che scrivi anche perchè come tu sai benissimo è difficile accedere alla "notizia" con dei media così asserviti al potere negli Usa come qui in Italia dove giornalisti critici e che si avvicinino ad un qualche stralcio di oggettività si contanto sulle punta delle dita.
Come saprai anche che tutta la famiglia Bin Laden grazie ai servizi segreti usa è stata "evacuata" dagli states immediatamente dopo l'11/9 senza che questo abbia avuto la risonanza che meritava.
Mi piacerebbe tanto che le cosiddette news raccontino una qualche verità. Anche in Italia ormai la gran parte dei giornali mi sembra si accontenti di banali traduzioni di pacchetti preconfezionati di notizie che importiamo dal regno della mistificazione....ciao e continua a seminare.....qualche albero della libertà nascerà....

Mariolina ha detto...

Grazie B0b00.

Anonimo ha detto...

complimenti! ... non solo per le notizie ma soprattutto per il tempo che dedichi.

Mariolina ha detto...

Grazie.