Google

sabato 22 settembre 2007

IRAQ: UNA GUERRA CRIMINALE

Queste scorse settimane abbiamo assistito una nuova propaganda del governo Usa sull'Iraq. Bush ha fatto una serie di discorsi a questo titolo e la settimana scorsa il rapporto del Gen. Petraeus e dell'ambasciatore Crocker al congresso sulla condizione dell'Irak ha dominato le notizie. I Democratici hanno offerto le loro miti obiezioni e modifiche. Ed il risultato netto sembra essere che l'occupazione militare degli Stati Uniti dell'Iraq continuerà, con ben oltre 100.000 truppe, per il prossimo futuro. I termini ufficiali del cosiddetto "dibattito" sono stati se "the surge", cioè l'aumento da gennaio di questo anno voluto da Bush "stia funzionando" o meno. Ma i limiti di questo "dibattito" sono serviti a celare una verità fondamentale: questa guerra, l'occupazione e "the surge" sono completamente ingiusti "funzionando" oppure no. Fin dall'inizio, Bush ha usato una bugia dopo l'altra per vendere questa guerra. "L'Iraq ha armi di distruzione di massa, persino armi nucleari". Bugia. "L'Iraq è collegato all' 11settembre." Bugia. "Gli Iracheni accoglieranno favorevolmente i soldati americani come "liberatori" Bugia Bugia. Bugie intenzionali e coscienti. Non scarsa intelligenza. Non intenzioni buone andate male. Bugie. Come hanno rivelato due ex agenti CIA, "il 18 settembre 2002, il direttore George Tenet della CIA informò il Presidente Bush nell'ufficio ovale di un informazione top-secret che Saddam Hussein non aveva armi di distruzione di massa, " Bush è andato comunque in guerra". Questa rivelazione chiarisce, ancora una volta, che la guerra non è stato "un errore", ma un crimine. Il governo degli Stati Uniti sapeva bene che l'Iraq non rappresentava una minaccia militare per gli Stati Uniti o i suoi vicini, così l'invasione ha costituito una guerra di aggressione, il crimine "supremo" secondo il tribunale per i crimini di guerra di Norimberga che giudicò i Nazisti. Ora Bush sostiene, in parte, che gli Stati Uniti stanno rimanendo in Iraq per impedire "le stragi su vasta scala " mentre condanna l'Iran per "l'omicidio di Iracheni innocenti". Ma è l'invasione degli Stati Uniti in se e le azioni dirette dei militari degli Stati Uniti, che hanno portato "alle stragi su vasta scala" e "all'omicidio degli Iracheni innocenti". Uno studio dell'Università John Hopkins pubblicato sulla rivista medica britannica Lancet ha valutato che circa 655.000 Iracheni sono morti come conseguenza dell'invasione degli Stati Uniti e dell'occupazione dell'Iraq. Quello era due anni fa ed il tributo di morte continua. Circa 4.4 milioni di iracheni, da una popolazione prebellica di 26 milioni, sono fuggiti per scampare alla violenza, con gli altri 60.000 che fuggono ogni mese. E l'escalation degli Stati Uniti detto "surge" ha reso le cose ancora peggiori: L'Associated Press segnala che il tributo di morte dei civili iracheni è doppio di un anno fa. In agosto, le morti civili sono aumentate, almeno 1,809. Il numero dei detenuti in prigioni sotto contollo statunitense in Iraq inoltre è aumentato del cinquanta percento sotto il cosiddetto "surge". I militari degli Stati Uniti ora trattengono circa 24.500 prigionieri dai 16.000 dell'inizio di quest'anno. I veri colori di Bush sono venuti fuori quando si è vantato in un viaggio recente in Australia "li stiamo prendendo a calci nel sedere". Bush e gli altri politici degli Stati Uniti non potrebbero preoccuparsi di meno per le centinaia di migliaia di esseri umani che sono già morti a causa delle loro azioni, o dei milioni che hanno reso senza casa e poverissimi.
Bush ha detto il 28 agosto alla Legione Americana: "È una nobile causa. È una causa giusta. È una causa necessaria". Ed ha dichiarato: "L'America ha interessi vitali e duraturi nella regione [il Medio Oriente]… rimane un incrocio strategico per il mondo…" Che cosa è questa "nobile causa"? E che cosa sono "interessi vitali e duraturi", Bush di cosa sta parlando? Per primo, il Medio Oriente ha circa il 60 per cento delle riserve di petrolio del mondo. Per gli imperialisti, il petrolio è sia una fonte vitale di profitto che un'arma strategica per controllare l'economia globale ed altri paesi che dipendono dal petrolio. Il controllo di questa regione è essenziale alla dominazione globale. Questo è perché l'U.S. ha 170,000 truppe ed un'armata di navi e basi militari nella regione, perché spende così molto a sviluppare lo stato coloniale di Israele e le reazionarie tirannie arabe come l'Arabia Saudita, e perché sta minacciando oggi guerra all'Iran. Questo controllo degli Stati Uniti ha significato decenni di oppressioni terribili per le centinaia di milioni di gente. Ma ogni candidato principale di entrambi i partiti appoggia al presupposto di base che gli Stati Uniti devono e dovrebbero dominare questa regione e la sua gente. Dopo avere sostenuto per anni che il petrolio ha avuto niente a che fare con la guerra di Iraq, Bush ora sostiene che se gli Stati Uniti non fossero in Medio Oriente, "gli estremisti avrebbero controllato una parte fondamentale della disponibilità di energia del mondo, potrebbero ricattare e sabotare l'economia globale. Potrebbero usare i miliardi di dollari dei guadagni del petrolio per comprare armi e perseguire le loro ambizioni mortali". Questi "estremisti" che Bush attacca sono i fondamentalisti islamici, coloro che sostengono che la chiave alla liberazione per queste società oppresse sarebbe Stati islamici sotto il controllo della legge religiosa. Ora questo movimento non posa una vera uscita per le masse. Effettivamente si è reazionario. Dove ha realizzato il potere (Iran, o Afghanistan sotto i Talibani) ha attuato un controllo soffocante della vita politica, e la soppressione di scienza e del pensiero critico, da autorità religiose; l'assoggettamento e l'oppressione ancora più profonda delle donne ed i rapporti economici e sociali feudali e capitalisti in cui i contadini sono assoggettati ai proprietari terrieri e gli operai ai capitalisti. Far cadere queste forze fondamentaliste islamiche faceva parte del perché l'U.S.A. invase Iraq e depose il regime di Saddam Hussein. Il regime di Saddam Hussein non era fondamentalista islamico, ma laico. Dopo l'occupazione anglo-americana è diventato una specie di porto franco per ogni fervente "Jhadista". Ma il pensiero dietro l'invasione era di cominciare sorpassando ed occupando l'Iraq (che allora sembrò essere facile) ed allora di usare l'Iraq sia come un esempio che per riorganizzare con forza l'intera regione negli interessi dell'imperialismo degli Stati Uniti e andare contro qualunque opposizione. Gli Stati Uniti hanno messo insieme un un regime di forze reazionarie e lo chiamano il governo democratico dell'Iraq. L'occupazione degli Stati Uniti ha scatenato gli squadroni della morte che hanno devastato il paese con la pulizia etnica. Hanno provato a riscrivere le leggi irachene per aprire la sua economia e ricchezza del petrolio al capitale degli Stati Uniti; hanno messo su enormi basi militari , alcune delle quali potrebbero essere permanenti ed usate per attaccare altri paesi. Questa è la realtà dietro la dichiarazione del Bush che "un obiettivo centrale" delle strategia degli Stati Uniti è di trasformare l'Iraq "in un alleato in questa guerra al terrore", e che "il futuro corso del Medio Oriente girerà molto sul risultato della lotta nell'Iraq", e perché promette di rimanere per "una relazione a lungo termine".
Gli Stati Uniti continueranno ad effettuare i suoi crimini in Iraq. E la gente continuerà a morire. Oggi il numero totale dei morti supera il genocidio ruandese del 1994.

Nessun commento: