Google

sabato 22 settembre 2007

DOMENICA DI SANGUE A BAGDAD. BLACKWATER: MERCENARI AL DI SOPRA DELLA LEGGE

L'esplosione dei colpi d'arma da fuoco era improvvisa e feroce, caricatore dopo caricatore, falciando donne, bambini, uomini, tra automobili che si erano scontravano e capovolgevano ed i guidatori che freneticamente cercavano di uscire. Alcuni veicoli s'incendiavano per l'esplosione dei serbatoi di benzina. Una madre ed il suo bambino piccolo morivano intrappolati in un auto, avvolta dalle fiamme. La sparatoria di domenica dei Blackwater, le guardie della compagnia di sicurezza privata americana, ha innescato una delle dispute pubbliche più amare tra il governo iracheno e quello americano e porta l'attenzione sul comportamento spesso violento degli eserciti privati occidentali che operano in Iraq fin dall'invasione 2003. Gli agenti di sicurezza Blackwater sono accusati di aver provocato una strage senza alcuna provocazione. Hassan Jabar Salman, avvocato, è stato sparato quattro volte nella parte posteriore, la sua auto colpita con otto pallottole, mentre tentava di allontanarsi dal loro convoglio. Ieri, all'ospedale di Yarmukh di Bagdad, ha ricordato le scene dell'orrore. "Ho visto donne e bambini saltare dalle loro automobili ed iniziare a strisciare sulla strada per evitare di essere colpiti", ha detto il sig. Salman. "Ma la sparatoria continuava e molti di loro sono stati uccisi. Ho visto un bambino di circa 10 anni che spaventato, saltava da un minibus, poi è stato sparato alla testa. Sua madre gridando, gli si è avvicinata ed è stata uccisa. La gente era terrorizzata". Alla fine della grandine di pallottole Nisoor Square era una scena da incubo, una carneficina; con i corpi sparsi tutt'intorno e rottami fumanti. Le ambulanze provavano a prendere i feriti e trovavano il loro percorso ostruito dalle folle che fuggivano dai colpi di arma di fuoco. Ieri il tributo di morte dall'avvenimento, secondo le autorità irachene, è arrivato a 28 persone. Potrebbe aumentare, dicono i medici, poichè alcuni dei feriti, data la gravità, è improbabile che sopravvivano. Il governo iracheno ha revocato l'autorizzazione a operare ai Blackwater ma ancora rimane impiegata dal governo degli Stati Uniti. Il ministro Condoleezza Rice, tuttavia, ha promesso un'inchiesta "trasparente" su ciò che è accaduto. Il Blackwater ed il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sostengono che le guardie private hanno aperto il fuoco per autodifesa poichè hanno reagito allo scoppio di una bomba ed poi al fuoco di un franco tiratore. Tra accuse e recriminazioni continue, The Indipendent ha provato a raccogliere gli eventi quel giorno. Tutti i rapporti ottenuti dal personale di sicurezza iracheno e dai funzionari di governo, così come la nostra propria ricerca, conducono ad uno scenario diverso dalla versione americana. Ci fu uno scoppio di bomba. Ma era troppo lontano da rappresentare un pericolo per le guardie Blackwater. Non abbiamo trovato un solo iracheno presente alla scena che abbia visto o sentito il fuoco del franco tiratore. I testimoni dicono che le prime vittime della sparatoria furono una coppia con il loro bambino, la madre e il neonato andarono incontro una morte orribile, i loro corpi fusi insieme dal calore dopo che la loro automobile fu avvolta dalle fiamme. Poi, un elicottero della loro aeronautica privata ha inflitto ulteriori incidenti. I Blackwater dissentono su questo. In una dichiarazione l'azienda ha dichiarato che quelli uccisi erano "rivoltosi armati ed il nostro personale si è comportato legittimamente e giustamente in una zona di guerra proteggendo vite americane". Il giorno dopo le uccisioni, Mirenbe Nantongo, un portavoce dell'ambasciata degli Stati Uniti, ha detto che la squadra dei Blackwater "aveva reagito ad un autobomba". L'addetto all'informazione dell'ambasciata, Johann Schmonsees: "l' autobomba era in vicinanza del posto in cui il personale del Dipartimento di Stato si stava incontrando e quella era la ragione per la quale i Blackwater hanno risposto all'incidente". Quelli dall'altro lato si racconta un'altra storia. Il sig. Salman ha detto che aveva svoltato in Nisoor Square dietro il convoglio dei Blackwater quando la sparatoria è cominciata. Ricorda: "C'erano otto stranieri in quattro veicoli utilitari, ho sentito un'esplosione a distanza e allora gli stranieri hanno cominciato a gridare segnalando di dover tornare indietro. Ho girato l'automobile intorno e avrei dovuto guidare per circa cento piedi quando hanno cominciato sparare. La mia auto è stata colpita con 12 pallottole che si è girata. Quattro pallottole hanno colpito me nella parte posteriore ed un altro nel braccio. Perché hanno aperto il fuoco? Non so. Nessuno, ripeto nessuno, aveva fatto fuoco contro loro. Gli stranieri ci avevano chiesto di andare indietro e io stavo andando indietro con la mia auto, così non c'era alcun motivo per loro di sparare." Muhammed Hussein, il cui fratello è stato ucciso nella sparatoria, ha detto: "Mio fratello stava guidando e abbiamo visto un convoglio nero avanti a noi. Improvvisamente ho visto mio fratello accasciarsi in auto. L'ho trascinato fuori dall'automobile, era stato colpito in petto. Ho provato a nascondere entrambi dagli spari, ma poi ho realizzato che era già morto". Jawad Karim Ali era sulla andato a prendere sua zia dall'ospedale di Yarmukh quando la sparatoria è iniziata ed il parabrezza è esploso ferendogli il viso. "Poi sono stato colpito alla spalla sinistra da due proiettili. Ora la mia zia è fuori dall'ospedale e io sto seduto qui. Ci fu un grande scoppio molto lontano ma nessun colpo sparato prima degli agenti di sicurezza che hanno continuato a sparare". Il capitano di polizia Ali Ibrahim, che era di servizio vicino Nisoor Square, ha detto: "Abbiamo sentito la bomba esplodere, era molto forte, ma non era nella piazza. La polizia, infatti, stava provando a liberare la strada affollata per farli passare, quando si sono agitati e hanno aperto il fuoco. Nessuno sparava loro". Al-Dabbagh dell'Ali, un portavoce del governo iracheno: "La piazza era affollata ed una piccola automobile non si è fermata, si stava muovendo molto lentamente. Hanno cominciato sparare a caso, c'era una coppia ed il loro bambino all'interno di un'auto e sono stati colpiti". La "Domenica di sangue" di Bagdad si è trasformata in una prova di sovranità fra i poteri del governo iracheno e americano. Il Primo Ministro iracheno, Al-Maliki di Nouri, ha detto: "Non tollereremo l'uccisione a sangue freddo di nostri cittadini". La sparatoria è, ha detto, il settimo di questo genere che coinvolge i Blackwater. Ma chi sono questi Blackwater? L'azienda, che ha sue sedi in North Carolina, è uno di più grandi beneficiari del dividendo lucrativo dell'occupazione, avendo il contratto per fornire la sicurezza ai funzionari americani di alto livello. È il più potente esercito mercenario al mondo, in Iraq protegge gli alti funzionari del Dipartimento di Stato, compreso l'ambasciatore Ryan Crocker. Il personale dei Blackwater è riconoscibile dalla loro "uniforme" dagli occhiali da sole e dall'armatura sopra le magliette felpate ed i caschi scuri.
Gli eserciti privati si sono trasformati in un'industria globale da $ 120bn. Le compagnie militari private, discutibilmente sono le industrie più in rapida crescita nell'economia globale con $120bn annue e operazioni in almeno 50 paesi, secondo Peter Singer, un esperto in sicurezza con di Brookings Institution a Washington. "Il tasso di crescita nell'industria di sicurezza è stato fenomenale", dice Deborah Avant, professore di Scienze Politiche. A contribuire a questo boom è stato il conflitto in Iraq. Le origini di questi eserciti ombra sono all'inizio degli anni 90 e la conclusione della guerra fredda, Bob Ayers, un esperto in sicurezza con la Camera di Chatham a Londra, spiega: "Nei buoni vecchi giorni della guerra fredda c'erano le due superpotenze che mantenevano un coperchio su tutto nelle loro rispettive parti del mondo". Ill crollo dell'Unione Sovietica è stato come " togliere il coperchio da una pentola a pressione". Ciò che abbiamo visto da allora, dice, è l'aumento di gruppi dissidenti internazionali, degli ultranazionalisti e delle molteplici minacce alla sicurezza globale. La nuova era inoltre ha visto una riduzione significativa della dimensione degli eserciti, nello stesso tempo un aumento nell'insicurezza globale che ha aumentato sia la disponibilità della capacità militare che la richiesta . Era un'occasione d'affari che non poteva essere ignorata. Ora il commercio mercenario ha il suo proprio gergo di affari. I killers professionisti rientrano nel termine di ditte militari privatizzate, con la loro propria sigla PMFs. L'industria ha fatto di tutto per liberarsi del termine "mercenario" e la maggior parte delle aziende evitano il termine "militare", preferendo "sicurezza". "Il termine mercenario non è esatto", dice il sig. Ayers, che sostiene che il personale militare nei ruoli difensivi dovrebbe essere distinto dai soldati di fortuna. Un alto comandante militare degli Stati Uniti in Iraq ha detto: "Questi tipi operano liberamente in questo paese e fanno cose stupide. Non c'è alcuna l'autorità sopra loro, in modo che nessuno può far niente quando intensificano la forza. Sparano alla gente". Mentre i titoli della settimana scorsa erano sulle sparatorie mortali di domenica, quello non è affatto un avvenimento isolato. I Blackwater sono stati coinvolti in parecchie azioni mortali. Non si tratta semplicemente di un'azienda privata e pericolosa o di operatori pericolosi. Ma di un sistema inspiegabile e fuori controllo di mercenari che hanno trasformato l'Iraq in un selvaggio west fin dall'inizio dell'occupazione, con l'approvazione del governo degli Stati Uniti. Si sono comportati come i cowboy, facendo fuoco indiscriminatamente contro i veicoli operando in un clima dove l'impunità e l'immunità vanno di pari passo. Infatti, malgrado molti rapporti, alcuni da comandanti militari USA di militari privati che fanno fuoco indiscriminatamente contro gli iracheni e veicoli e che uccidono civili, nessuno dei 48.000 operatori militari privati operativi in Iraq è stato mai condannato di alcun crimine e nessuno sa quanti Iracheni sono stati uccisi dalle forze militari private, perché gli Stati Uniti non tengono nota. Secondo come riferito hanno loro proprio motto: "Quello che accade oggi qui, rimane qui". Questo ci da un'idea circa la trasparenza e la responsabilità delle operazioni degli Stati Uniti in Iraq; per non parlare dei diritti umani degli Iracheni che sono caduti vittima di questi avvenimenti e privati di qualsiasi parvenza di giustizia. La colpevolezza per queste azioni spregevoli non solo ricade sugli individui che hanno commesso le uccisioni o con Blackwater come azienda, ma anche con chi li ha assunti e permesso loro di operare pesantemente armato in Iraq, in questo caso, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti.
fonte: The Nation
The Indipendent
Video Blackwater, l'esercito mercenario più potente del mondo.

2 commenti:

sermau ha detto...

stanno commettendo dei danni irreparabili...è uno sfacelo.
e qui le veline abbondano....

Mariolina ha detto...

Beh si, non possiamo lamentarci.. Tra veline,Corona,grandi fratelli, abbiamo di che scimunirci!