Google

giovedì 13 settembre 2007

E BUSH DOV'ERA L'11 SETTEMBRE?

"Sandy Kress, consigliere di Bush, era imbarazzato. Bush era sempre arrivato in tempo. Ma la mattina di martedì 11 settembre, è sembrato voler perdere tempo, mettendosi a parlare di politica e di amici reciproci in Texas." L'orario in questione era intorno all'8:30 a.m., un quarto d'ora dopo che il volo 11 American Airlines aveva interrotto ogni comunicazione con i controllori di traffico aereo. Gli attacchi di 9/11 erano in corso. Mentre molte cose strane sono avvenute quella mattina, Kress ne ricorda un' altra: L'11 settembre 2001, il presidente Bush era in ritardo. Ciò sarebbe di poca importanza se non fosse per il fatto che questo comportamento era completamente fuori dal carattere del Presidente. David Frum, un ex scrittore di discorsi per il presidente: "Bush è famoso per la sua puntualità" (link). Il Washington Post: "Il personale del Bush, i suoi amici, la sua famiglia, sua moglie, tutti lo descrivono come un "individuo intensamente disciplinato e preciso", "merita un premio sulla puntualità" (link). Il London Times dichiara senza mezzi termini: "Non c'è stato mai probabilmente un Presidente, un essere umano, che osserva la puntualità con la sorte di fanatismo che il presidente George W. Bush porta in ogni funzione della sua vita"(link). Ma non quel giorno, la mattina dell' 11 Settembre. Era arrivato a Colony Beach e Tennis Resort a Longboat Key, Florida" la sera precedente, il 10 Settembre (link). Si era alzato appena prima 6 a.m. la mattina dell'11 settembre. Tutto come di consueto: Jogging, colazione, doccia. Alle 8,00 il briefing quotidiano della CIA: "La minaccia intensificata di terrorismo è stata accennata questa mattina", durante l'istruzione, "come era stato quasi ogni mattina da quando George W. Bush ha preso l'ufficio". Con il suo briefer della CIA il Presidente ha discusso gli ultimi sviluppi in Medio Oriente, specialmente la situazione palestinese. Fin ad allora, tutto come di consueto. Bush sembra cominciare comportarsi fuori dal suo carattere solo dopo le 8:15, che sembra coincidere con l'ora in cui gli attacchi stavano cominciando, quando il volo 11 interrompeva il contatto coi controllori del traffico aereo. Bush incontra Sandy Kress per discutere i particolari della sua visita alle ore 9,00 am in punto alla scuola elementare Emma il E. Booker vicino Sarasota, dove è stato invitato a partecipare ad una dimostrazione di programma di lettura e a parlare a genitori ed insegnanti. Kress ricorda, "era previsto per le 8,30 am, che ci avviassimo alla scuola, ma è tornato a sedersi continuando a parlare ancora". Kress: "Non l' ho mai visto essere in ritardo. Ma ricordo che abbiamo terminato il briefing quel giorno fatidico ed abbiamo continuato a parlare per altri dieci minuti sulla gente e la politica nel Texas. "Kress aggiunge: "Questo mi ha colpito, era davvero insolito"(link). Sembrava che Bush volesse perdere tempo. Malgrado il fatto che fosse in ritardo, si fermò a farsi fotografare e chiacchierare con le persone che si erano radunate fuori per vederlo uscire. Soltanto dopo si avviò alla limousine. Il presidente "famoso per la sua puntualità" era in ritardo. Mentre il corteo del Presidente si dirigeva verso Sarasota, il volo 11 si schiantava nella torre nord del World Trade Center. Tuttavia, nessuno informava Bush di questo fino all'arrivo a scuola, quasi 10 minuti dopo. Robert Plunket, un giornalista del Sarasota Magazine successivamente commentava: " Mi chiedo perché non hanno chiamato il Presidente, era completamente circondato dalla più avanzata apparecchiatura di comunicazioni e nessuno gli dice nulla"(link). James Bamford, giornalista ed autore: "Malgrado avesse un telefono sicuro STU-III vicino a lui nella limousine presidenziale ed un intero personale di sicurezza nazionale della Casa Bianca, sembra che il Presidente degli Stati Uniti sapeva meno dei dieci milioni di altra gente in ogni parte del paese che stava guardando l'attacco mentre avveniva". Giunti alla scuola Emma il E. Booker, il capitano Deborah Loewer che viaggiava nell'auto che seguiva quella di Bush: "Non appena il corteo si è arrestato" Loewer ha detto, "ho raggiunto la sua limousine ed ho riassunto al presidente Bush e a Card le informazioni su ciò che era accaduto. Bush mi chiese di tenerlo informato" (link link) Giunti a scuola ad attenderli c'era un piccolo comitato di saluto, incluso due membri del Congresso repubblicani, Adam Putnam e Dan Miller. Uno dello staff li informava che, il Segretario di Stato USA, Condoleezza Rice, era al telefono che aspettava di parlare a Bush. Secondo Putnam, nonostante fosse a conoscenza degli ultimi tragici accadimenti non sembrava impaziente di prendere la telefonata: "Dopo essersi fermato a parlare con noi fece quattro chiacchiere con l'insegnante dell'anno". "Signor Presidente, avete una telefonata in attesa da Rice che dovete prendere". Bush: "bene". Ma continuava a chiacchierare con l'insegnante dell'anno. Card ritornava da lui, lo afferrava per il braccio e diceva, "Signor Presidente, dovete prendere questa chiamata ora".(link link) “Il Presidente ha parlato tranquillamente nel telefono per un minuto o due. Al termine, ha detto che aveva appena appreso che un aereo si era schiantato su una delle torri del World Trade Center. Una notizia terribile, ma nulla suggeriva l'enormità di ciò che stava accadendo, in modo che nessuno ne fu allarmato eccessivamente.(link) Alle 9:02 a.m.circa, quando il secondo aereo colpiva il World Trade Center, Bush entrava nell'aula di secondo grado dell'insegnante Sandra Kay Daniels, dove 16 bambini stavano attendendo per leggere. Dopo pochi minuti, Andrew Card bisbigliava nell'orecchio del Presidente: "Un secondo aereo ha colpito la seconda torre. L'America è sotto attacco". Secondo Bill Sammon, basato sulle sue interviste esclusive con il Presidente: Bush si chiedeva quale comportamento adottare; andar via scusandosi, l'avrebbe fatto apparire spaventato, l'ultima cosa di cui la nazione aveva bisogno era di un Presidente che si lascia prendere dal panico. No, meglio rimanere calmo e seduto per ora. Bush ha percepito che il suo contegno sarebbe stato quasi importante quanto le sue azioni in questi primi momenti cruciali. Così, piuttosto che scusarsi dall'aula ed assumersi le sue responsabilità critiche nel contribuire a proteggere il suo paese, "il Presidente brevemente ha girato scuro prima di riprendere a leggere".(link) Come James Bamford ha descritto:Il il paese era sotto attacco ma il comandante in capo appariva disinteressato ai dettagli. Non chiese mai se ci fossero state minacce supplementari, da dove gli attacchi stavano venendo, o quale fosse lo stato attuale del NORAD o dell'agenzia federale dell'amministrazione di emergenza (FEMA). Nè richiese di tornare a Washington. Invece, nel mezzo di un moderno Pearl Harbor lui tornava sulla materia in questione: il photo op del giorno. I minuti preziosi passavano e molte altre vite erano ancora a rischio. Ora che era chiaro che l'America era sotto attacco e che aveva bisogno del suo Presidente immediatamente. Se Bush era poco disposto a scusarsi con l'aula, certamente i suoi agenti del servizio segreto avrebbero dovuto spostarlo da là; dopo tutto, il loro scopo era di proteggerlo. St. Petersburg Times: "Gli agenti di servizio segreto e della polizia erano sul tetto, ed in ogni corridoio" della scuola per la visita del Presidente. (link) Infatti, secondo Tampa Tribune, fu scelta l'aula di Sandra Kay Daniels perchè situata vicino all'uscita nord della scuola, rendendo più facile organizzare la sicurezza."(link) Adesso che c'era la necessità urgente, i servizi segreti erano compiacenti come il Presidente. "Per qualche motivo, gli agenti del servizio segreto non lo hanno trasferito," ha scritto il Canada's Globe and Mail. (link) Secondo Philip Melanson, esperto sul servizio segreto, non appena il secondo aereo ha colpito il World Trade Center, il servizio segreto doveva sbattere Bush fuori dalla scuola. Melanson : "Con un attacco terroristico, la procedura dovrebbe essere di assicurare il presidente nella posizione sicura più vicina il più rapidamente possibile, che non era chiaramente la scuola. Secondo il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti: "Gli ordini per le operazioni militari emanati dall'autorità dell' ordine Nazionale cioè, il Presidente ed il Segretario della Difesa. Il Presidente, come comandante in capo delle forze armate, è la massima autorità".(link) Così, con l'America sotto attacco, il Comandante in Capo delle Forze Armate è rimasto immobile in un'aula, mentre i bambini leggevano una storia chiamata "The Pet Goat." La capretta. (video footage) Come Sammon ha precisato: "Ora che la lezione era finita, Bush infine potrebbe lasciare la classe e andare a lavorare per proteggere il suo paese." Ma non c'era motivo di avere fretta. "La stampa interpretare la fretta come agitazione". "Così, invece, decise di restare seduto, come se nulla fosse." Bush:"Ohh! Questi sono grandi lettori, scommetto anche che vi esercitate", e ancora, "leggere più che guardare la TV...qualcuno lo fa?" Sii? Oh, good!.. Sammon descrive: "Bush stava sorrideva come chi non ha alcuna preoccupazione al mondo." Col paese sotto attacco, il mondo intero sconvolto, il Presidente restava tranquillo lì dov'era. Successivamente, i servizi segreti dichiararono alla Commissione 9/11, che durante quelle ore, Bush in effetti ha voluto rimanere esattamente dove era, Frank Brogan:"“I Servizi Segreti provarono a convincere il Presidente a ritornare immediatamente all' Air Force One, ma aveva rifiutato, dicendo che era impegnato a rimanere sulla terra abbastanza a lungo per redigere una dichiarazione su che cosa stava accadendo, leggerla alla nazione e condurre un momento di silenzio per le vittime. Alle 9:30 a.m., Bush si recava alla biblioteca della scuola facendo la sua breve dichiarazione a 200 allievi, genitori ed insegnanti: "ho ordinato che le risorse del governo federale servano ad aiutare le vittime e le loro famiglie e a condurre una ricerca completa per cercare e trovare quella gente che ha commesso questo atto". (testo) Il presidente consegnava questa dichiarazione esattamente alla stessa ora ed allo stesso posto in cui aveva previsto di dare un discorso sull'educazione. (link) A quanto pare, il più grave attacco mai compiuto su suolo americano non era motivo sufficiente per un cambiamento dei programmi di mister Bush. C' è molto che appare sospetto. La lista delle singolarità va avanti senza sosta.(link)
Altrettanta gente ora sembra accettare, che c' è un bisogno urgente di reindagare sugli attacchi di 9/11.(link) Parte di ogni nuova indagine dovrebbe studiare correttamente le azioni di George W. Bush. "coincidenza" e "incompetenza" non sono più spiegazioni sufficienti per il comportamento quella mattina.

1 commento:

Anonimo ha detto...

Shr i zkd y hot sex movies, hot xxx movies. End t, wxg hhetkv|qlw dyrzhdf k pi rl.