Google

sabato 15 marzo 2008

IL CULTO DELL'ATTENTATORE SUICIDA. La più diffusa campagna di suicidi nella storia umana.

Khaled mi guardava con un ampio sorriso. Stava quasi per ridere. Ad un certo punto, quando gli dissi che doveva abbandonare l'idea di essere un attentatore suicida, che avrebbe influenzato un numero maggiore di persone, diventando un giornalista, ha messo la sua testa indietro e ha fatto un'ampio sorriso. "Tu hai la tua missione", ha detto. " "E io ho la mia." Le sorelle lo guardavano in soggezione. Era il loro eroe, il loro amanuense, il loro insegnante, e presto sarà il fratello martire. Sì, era bello, giovane, di appena 18 anni, indossava una T-shirt nera di Giorgio Armani, un piccola barba accuratamente rifilata da conquistatore spagnolo e i capelli gelatinati. Ed era pronto a immolare se stesso. Avevo viaggiato a casa di Khaled per parlare a sua madre. Avevo già scritto su suo fratello Hassan e volevo presentare un collega, un giornalista canadese, Nelofer Pazira, alla famiglia. Mentre Khaled camminava sul portico di casa, io e Nelofer abbiamo realizzato, allo stesso momento, che era prossimo, il prossimo a morire, il prossimo "martire". E' stato il suo sorriso. Ho incontrato molti di questi giovani uomini prima, ma mai uno che così ovviamente, dichiarava la sua vocazione. La sua famiglia è seduta intorno a noi sulla veranda della loro casa nella città libanese di Sidone, il salotto adornato con fotografie a colori di Hassan, già andato al paradiso, nel modo in cui, mi hanno assicurato, Khaled pensava era destinato. Hassan aveva guidato la sua auto carica di esplosivi in un convoglio militare americano a Tal Afar nell'Iraq nord-occidentale, il suo corpo (o cosa è rimasto di esso) sepolto "in situ" o così è stato detto a sua madre. È facile trovare i familiari dei morti di recente in Libano. I loro nomi sono letti nei minareti delle moschee di Sidone (la maggior parte sono palestinesi), e di Tripoli, nel nord del Libano, il movimento Sunnita "Tawhid" vanta "centinaia" di suicidi tra i suoi sostenitori. Ogni notte, la popolazione del Libano guarda la brutale guerra in Iraq, in televisione. "E' difficile raggiungere Palestina in questi giorni", lo zio di Khaled mi ha detto. "L'Iraq è più facile". Anche vero. Nessuno dubita che la strada per Baghdad, o Tal Afar o Falluja o Mosul passa attraverso la Siria, e che il movimento dei kamikaze dalle coste del Mediterraneo per i deserti dell'Iraq è un affare progettatto se non particolarmente sofisticato. Quel che è sorprendente, che non è stato menzionato dagli americani, dal "governo" iracheno, le autorità britanniche e addirittura da molti giornalisti, è l'ampiezza del campagna di suicidi, il gran numero di giovani uomini (solo occasionalmente donne), che deliberatamente distrugge se stessi tra i convogli americani, al di fuori delle stazioni di polizia irachena, nei mercati, nelle moschee, sulle vie dello shopping e su strade solitarie accanto a remoti checkpoints che attraversano grandi città e grandi deserti dell'Iraq. Nessuno ha mai calcolato la vera portata di questa stupefacente campagna senza precedenti di auto-uccisioni. Un'indagine di The Independent, scegliendo quattro giornali in lingua araba, statistiche ufficiali irachene, due agenzie di stampa di Beirut e rapporti occidentali, mostra un'incredibile 1,121 attentatori musulmani suicidi che si sono fatti saltare in aria in Iraq. Ma si tratta di una cifra molto cauta, e data la propensione delle autorità (e dei giornalisti) a riportare solo quegli attentati suicidi che uccidono decine di persone, la vera stima puo' essere il doppio di questo numero. Questa è forse la più spaventosa e macabra eredità dell'invasione dell'Iraq di Bush di cinque anni fa. I kamikaze in Iraq hanno ucciso almeno 14,132 uomini, donne e bambini, e ferito un minimo di 16,612 persone. Anche in questo caso, va sottolineato che queste statistiche sono calcolate per difetto. Per 529 attentati suicidi in Iraq, le cifre non sono disponibili per i feriti. Mai prima d'ora il mondo arabo ha assistito ad un fenomeno di suicidi di questa portata. Durante l'occupazione israeliana del Libano dopo il 1982, un suicidio Hezbollah in un mese era considerato "notevole". Ma gli attentatori suicidi in Iraq stanno attaccando con una media di due ogni tre giorni dall'invasione anglo-americana del 2003. E, anche se né il governo iracheno, né i loro mentori americani ammetteranno questo, appena 10 su un migliaio di "suicide bombers" sono stati identificati. Sappiamo dalle loro famiglie che palestinesi, sauditi, siriani, algerini sono tra i attentatori. In alcuni casi, abbiamo nomi. Ma nella maggior parte degli attentati, le autorità in Iraq, se si può ancora chiamare "autorità", dopo cinque anni di catastrofe, non hanno alcuna idea di quali arti, torsi e teste insanguinate appartengono agli attentatori. Ancor più profondamente inquietante è che il "culto" dell'attentatore suicida si è diffusa oltre le frontiere nazionali. Entro un anno dall'invasione irachena, attentatori talebani afghani si sono fatti esplodere a fianco di truppe occidentali o basi in provincia di Helmand e nella capitale Kabul. La pratica è filtrata fino in Pakistan, colpendo migliaia di soldati e di civili. Le bombe nella metropolitana e negli autobus di Londra nonostante le smentite di Tony Blair, sono state, ovviamente, profondamente influenzate dagli eventi in Iraq. Accademici e politici hanno discusso a lungo i motivi dei attentatori suicidi, il profilo psicologico degli uomini e delle donne che a sangue freddo, decidono di intrapretare il ruolo di carnefici suicidio, per loro sono carnefici, assassini che vedono le loro vittime, che si tratti di soldati o civili, prima di premere l'interruttore che li uccide. Gli israeliani tempo fa, decisero che non c'era "perfetto" profilo per un attentatore suicida. Il suicida potrebbe avere trascorso anni di lotta contro gli israeliani nel sud del paese. Spesso, essi sarebbe stato imprigionato o torturato dagli Israeliani o per conto del suo rappresentante milizia libanese. Spesso, fratelli o altri membri della famiglia sono stati uccisi. In altre occasioni, l'esempio dei loro parenti avrebbe attirato nel vortice di suicidio per esempio. Khaled è, o è stato, perché non si sa più se è ancora vivo, influenzato da suo fratello Hassan, il cui cammino verso il suicidio è stato organizzato da un gruppo di sconosciuti, presumibilmente palestinesi, la cui formazione accanto al fiume Tigri è stata ripresa dai suoi compagni. La madre di Hassan ha mostrato questo nastro, che termina con Hassan che saluta allegramente dal finestrino di un auto, presumibilmente il veicolo stava per scagliare contro il convoglio americano a Tal Afar. Niente di tutto ciò risolve il problema della fede religiosa. Vi è prova che i piloti giapponesi della seconda guerra mondiale venivano intimiditi e talvolta costretti nei loro voli suicidi contro le navi da guerra americane nel Pacifico, molti anche credevano di morire per il loro Imperatore. Ma anche una dittatura industrializzata come il Giappone, affrontando l'imminente crollo della sua intera società nelle mani di una superpotenza, avrebbero potuto mobilitare solo 4615"kamikaze". I "suicide bombers" iracheni possono aver già raggiunto la metà di quel numero. Le autorità giapponesi incoraggiavano i loro piloti a pensare a se stessi come un unità di suicidio collettivo il cui simbolo della morte imminente, una fascia bianca con Sole che sorge, anticipava le fasce gialle con impresse scritti coranici indossavate dai guerriglieri Hezbollah quando erano pronti ad attaccare i soldati israeliani nella zona occupata del sud del Libano. In Iraq, comunque, coloro che dirigono il crescente esercito di suicidi non mancano certo d'inventiva. I loro kamikaze arrivano sul luogo del loro martirio vestiti da meccanici, soldati, funzionari di polizia, casalinghe di mezza età, venditori di dolci per bambini etc.. In una sola occasione, un "innocuo" pastore. Hanno trasportato le loro bombe su camion di carburante, camion dei rifiuti, su asini e biciclette, moto ciclomotori e carrelli, minibus e furgoni. Incredibilmente, non sembra esserci un unico "cervello" dietro gli attacchi suicida, anche se "groppuscoli" di attentatori ovviamente esistono. L'ispirazione, l'imitazione e la globalizzata influenza di Internet sembra sufficiente per i terroristi in Iraq. A livello individuale, è possibile vedere l'attrito e il trauma psicologico delle famiglie. La madre di Khaled, per esempio, esprimeva costantemente il suo orgoglio per la morte di suo figlio Hassan, e, di fronte a me, guardava con altrettanto amore suo fratello ancora in vita. Ma quando il mio compagno esortava Khaled a rimanere in vita per amore di sua madre, ricordandogli che il Profeta stesso parlava dell'obbligo primario di un uomo musulmano di proteggere la madre, la donna era vicino a lacrime. Era lacerata dal suo amore di madre e il suo dovere politico-religioso, come la donna che aveva portato un altro martire nel mondo. E, nemmeno uno sprezzante commento verso coloro che erano pronti a vivere, mentre mandavano gli altri come Khaled al loro destino l'avrebbe scoraggiato. "Non ho intenzione di diventare un 'shahed' [martire] per la gente",ha risposto. "Lo sto facendo per Dio". Era lo stesso vecchio argomento. Avremmo potuto presentargli un centinaio di modi, pacifici modi, per risolvere le ingiustizie di questo mondo, ma Khaled invocava il nome di Dio, i nostri suggerimenti diventavano irrilevanti. "Se un Presidente occidentale può invocare una guerra del 'bene contro il male', i suoi antagonisti possono fare lo stesso"..
Ma c'è un motivo razionale per la attentati suicidi in Iraq? I primi incidenti nel loro genere ebbero luogo come le truppe americane stavano effettivamente avanzando verso Baghdad.Vicino alla città sciita di Nassiriya, un poliziotto iracheno, il sergente Ali Moussa Jaffar al-Hamadi Nomani, spinse un'auto bomba in un blocco stradale della marina americana. Sposato, con cinque figli, era stato un soldato in Iraq del 1980-88 guerra con l'Iran e si era offerto volontariamente per la lotta contro gli americani dopo Saddam occupazione del Kuwait. Poco dopo, due donne musulmane sciite fecero lo stesso. Alla fine della giornata, anche lo stesso governo di Saddam Hussein era sconvolto. "L'amministrazione americana sta per trasformare il mondo intero in gente pronte a morire per la loro nazione", disse Taha Yassin Ramadan, vice-presidente di Saddam. "Tutto quello che possiamo fare ora è di trasformare loro stessi in bombe. Se il B-52 ora può uccidere 500 o più nella nostra guerra, sono sicuro che alcune operazioni dei nostri combattenti per la libertà saranno in grado di ucciderne 5000." Durante tutto il periodo di cinque anni di guerra, gli attentatori suicidi si sono concentrati sulle forze di sicurezza irachene addestrate dagli americani, piuttosto che sulle truppe degli Stati Uniti. Almeno 365 sono stati attacchi contro la polizia irachena, o le forze paramilitari. I loro obiettivi includevano almeno 147 stazioni di polizia (1577 decessi), 43 centri di reclutamento di esercito e polizia,(939 morti), 91 checkpoint (con un minimo di 564 morti), 92 pattuglie di sicurezza (465 morti) e di numerosi altri obiettivi di polizia (scorta, Convogli di accompagnamento ministri di governo, ecc.) Uno dei centri di reclutamento, nel centro di Baghdad,è stato aggredito dai kamikaze in otto diverse occasioni. Per contro, gli attentatori suicidi hanno attaccato solo 24 basi USA, con un costo di 100 morti americani e 15 iracheni, e 43 pattuglie americane e di checkpoints, durante le quali 116 personale USA con almeno 56 civili, 15 dei quali sembrano essere state sparate da soldati americani, in risposta agli attacchi, e un altri 26 delle quali erano bambini in piedi accanto a una pattuglia statunitense. La maggior parte degli americani sono stati uccisi o nord ovest di Baghdad. Attentati suicidi sulla polizia concentrata su Baghdad e Mosul e le città sunnite nell'immediato nord e sud di Baghdad. Solo alcuni dei kamikaze sono stati identificati. Gli americani e le autorità irachene sembrano sapere poco sulla provenienza di questi assassini. Su almeno 27 occasioni, i funzionari iracheni hanno chiesto di conoscere l'identità del killer, dicendo che avevano recuperato i passaporti e documenti di identità, che dimostravano la loro origine "straniera", ma non hanno mai prodotto tali documenti per la pubblica ispezione. Infatti, nulla potrebbe meglio illustrare la mancanza di conoscenza delle autorità che le due contraddittorie dichiarazioni fatte da parte degli americani e dei loro protetti iracheni nel marzo dello scorso anno. Così come David Satterfield, il consigliere in Iraq, e Condoleezza Rice, il Segretario di Stato americano, sostenendo che il "90 per cento" dei kamikaze stavano attraversando il confine della Siria. Il Primo Ministro, Nuri al-Maliki, ha annunciato che "la maggior parte" dei suicidi provengono dall' Arabia Saudita, che condivide una lunga frontiera comune con l'Iraq.
Ci vorranno molti anni prima di avere un'idea più chiara del numero di attentatori, che si sono uccisi nella guerra in Iraq, e della loro origine. Molto prima che la cifra totale dell'Independent raggiungesse i 500, Al-Qaida's Abu Musab al-Zarqawi si vantava di "800 martiri" tra i suoi sostenitori. E poiché dalla morte di al-Zarqawi, non c'è stata la minima riduzione dei bombardamenti, dobbiamo presumere che vi sono molti altri "manipolatori" responsabili delle squadre suicide in Iraq.
Una delle più insidiose eredità di George Bush in Iraq resta quindi il più misteriosa, la nascita di un enorme esercito senza precedenti di musulmani ispirati dall'idea della morte.
Fonte: The Indipendent

Nessun commento: