Google

giovedì 6 marzo 2008

CHAVEZ: LA COLOMBIA E' l'ISRAELE dell'AMERICA LATINA

Non era solo in mente al presidente Chávez; è stato in mente di molti osservatori l'attacco Stati Uniti/ Colombia all' accampamento FARC in Ecuador il 1° marzo. Questo bombardamento codardo dei membri di FARC mentre dormivano ha troppe somiglianze con i 50 anni di attacchi Usa-israeliani ai Palestinesi ed ai loro capi per essere ignorato. Di certo ci sono molte altre somiglianze anche fra le pratiche e le politiche degli stati colombiani ed israeliano. “Uccisioni mirate„ d'Israele; “decapitazione„ dei capi palestinesi eletti; attacchi oltre-frontiera in violazione della sovranità di altre nazioni; oppressione violenta dei civili palestinesi compreso le donne e bambini; assassinio di chiunque si opponga ai vari regimi criminali a Tel Aviv; uso d'Israele di armamenti USA compresi i missili di precisione, armi all'uranio impoverito, elicotteri militari ed assassini crudeli vestiti come soldati israeliani di ODF, uso degli informatori compromessi con la tortura, video di sesso e minacce contro le famiglie - tutti questi metodi aggiungono ad una parola: Terrorismo. E proprio come i veri terroristi, Olmert ed i membri della Knesset proiettano la loro stessa colpevolezza sulle loro vittime palestinesi chiamandoli “terroristi„, Uribe ed altri colombiani lecchini degli Stati Uniti usano la loro influenza per avere FARC elencato come “organizzazione terrorista„ negli Stati Uniti e in Unione Europea. Il presidente Chávez ha ragione di chiamare la Colombia “uno stato terrorista„ e di identificare la Colombia con Israele, chiamandola “l'Israele dell'America Latina„. Naturalmente i media capitalisti hanno complici in abbondanza nelle bugie generate da Washington, da Tel Aviv e dalla Colombia poichè pubblicano assurdità come, “Chavez annuncia la guerra con la Colombia„ (AP), dipingendo il presidente Chávez come l'aggressore e coprendo l'invasione di Uribe dell'Ecuador. In ogni caso, i militari colombiani, di sicuro sanno spendere i soldi provenienti dalle imposte. I Colombiani hanno la tecnologia per bombardare un paese straniero, uccidono chiunque sulla loro lista ed inoltre riescono a conservare un computer portatile nemico da un bombardamento. Un computer portatile molto speciale. Pare che Reyes abbia immagazzinato all'interno di esso la prova stessa per sostenere ogni teoria strampalata di cospirazione che il governo colombiano vorrebbe il mondo sapesse. Ed è tutto vero, perché la polizia segreta colombiana non potrebbe mai mentire...
Il portatile ha rivelato:
>>La direzione del FARC ha avuto apparentemente contatto continuo con alti livelli del governo venezuelano.
>>I ribelli si riferiscono “ad un dossier„ che il governo colombiano conosce e che dimostra decisivamente che il Venezuela ha fornito le centinaia di milioni di dollari ai terroristi!
>>I francesi erano in segreto e frequente contatto con i capi temuti di FARC e una riunione diplomatica con un inviato chiamato “Noe„ era negli impianti.
>>Gli italiani anche stavano negoziando con loro trattative fra il FARC e l'intero Parlamento Europeo.
>>L'Ecuador era nei contatti ad alto livello con il FARC e negoziava colloqui con gli Stati Uniti d'America.
Rimane poco chiaro se questo ci rende tutti i partecipanti al genocidio o soltanto sponsor. Quando gli è stato chiesto, il computer portatile ha riso minaccioso, ha mostrato le sue terribili zanne e si è chiuso.
Segnala questa notizia su ZicZac!

Nessun commento: