Google

martedì 11 marzo 2008

COME LE TRUPPE ISRAELIANE INVADONO LE CASE NELLA STRISCIA DI GAZA

Safa Abu Seif, 12 anni, è stata ferita a morte mentre stava in una stanza al piano di sopra della sua casa nel quartiere di Gaza City Jabaliya 10 giorni fa. Lei è stata una dei 27 bambini identificati dal personale delle Nazioni Unite tra i 107 palestinesi che sono stati uccisi in cinque giorni, la settimana scorsa. Altri 25 morti, tra cui cinque donne, sono stati identificati come civili non-armati. Lo stato di più di 13 morti vittime non può essere determinata. Almeno tre dei bambini sono stati colpiti mentre erano nelle loro case da colpi sparati da armi di piccolo calibro o fucili di precisione israeliani. Un palestinese ha ucciso otto studenti israeliani giovedì, prima di essere ucciso. Anche un soldato israeliano è stato ucciso quel giorno. Due soldati israeliani sono morti in azione nelle prime fasi di una incursione di tre giorni in Jabaliya, e di un civile israeliano è stato ucciso da un razzo palestinese lanciato il primo giorno dell'ondata di violenza. Il Sidney Herald ha chiesto di commentare le accuse che le sue truppe avevano ucciso i bambini della zona, e le Forze di Difesa Israeliane (Israeli Defence Force) hanno dato dato la colpa della violenza ai gruppi terroristici palestinesi che sfruttavano i civili come scudi umani durante il lancio di razzi destinati a colpire civili israeliani. "Le operazioni IDF nella Striscia di Gaza, sono finalizzati esclusivamente alle infrastrutture di Hamas, ai terroristi armati e lanciarazzi", hanno dichiarato. Una fonte sicura, parlando in condizione di anonimato, ha detto che l'Amministrazione Civile del governo militare israeliano per i territori occupati non aveva ricevuto denunce su sparatorie su civili, e nessuna inchiesta era in corso. Eppure, la famiglia del giornalista televisivo palestinese Mahmoud Al Adjrami ha detto che quando Safa è stata colpita le truppe israeliane occupavano la loro casa, a 90 metri in un tratto di spazio aperto dalla finestra attraverso la quale è stata colpita. Raccontano che i soldati invasori fracassarono il loro pavimento di piastrelle per ottenere sabbia da riempire i sacchetti per sparare in posizione dalle finestre del primo piano di fronte alla casa di Abu Seif. La sabbia, insieme con la porta e le piastrelle fracassate, scatole di cartucce usate, cumuli di scatole di razioni israeliane e involucri di snack scartati, erano ancora in casa il giorno dopo il ritiro le truppe. È la procedura standard militare israeliana durante le incursioni assumere la direzione delle case civili come nascondigli dei tiratori franchi, tenendo gli abitanti della casa sotto tiro. Secondo le testimonianze delle vittime e degli stessi soldati israeliani, questo processo implica frequentemente il furto, il vandalismo e la violenza contro i civili disarmati. Le 15 donne e bambini della vasta famiglia di Adjrami erano ammassati insieme in un unica stanza per 19 ore, mentre i due uomini adulti avevano loro polsi strettamente legati con fascette di plastica. Naima, la sorella di Mahmoud, 33 anni, ha detto che i soldati hanno dato loro acqua, ma non il cibo. Secondo il fratello Mahmoud, Mamdoeh, i soldati hanno saccheggiato guardaroba e armadi, rubando due braccialetti d'oro, quattro telefoni cellulari equivalente di $ 8600.
Accanto abita Jabr Zidane, 52, un tassista, che racconta che le truppe hanno preso la sua casa per 24 ore, rubato gioielli e quattro telefoni cellulari. Mostra ai visitatori i resti di una televisione fracassata e lo stereo, un piano rotto, sabbia e scarti di razioni militari con l'etichetta dell'esercito ebraico. In un altra casa, da Jumaa Abed Rabbo, 40 anni, che vive con sua moglie e otto figli, i soldati hanno rubato due grandi bracciali d'oro e $ 500. "Sono stato seduto con le mani legate con legami di plastica per 24 ore. Ho chiesto se la mia famiglia potesse usare la cucina per avere acqua e cibo. Essi hanno rifiutato e così abbiamo mangiato per 24 ore," ha detto Abed Rabbo.Lo scopo dichiarato dell'incursione dell'ultimo fine settimana a Gaza era di uccidere o bloccare i terroristi palestinesi addetti al lancio di missili in Israele, per catturare o distruggere le attrezzature e per raccogliere informazioni di intelligence.
Eppure, tutti e quattro le delle famiglie accennate in questo articolo sono collegati a Fatah, la fazione palestinese favorita da Israele e dagli Stati Uniti su Hamas. Abed Rabbo ed Al Adjrami sono membri della Guardia Presidenziale del Presidente palestinese, Mahmoud Abbas, personaggio chiave nel tentativo fallito, rivelato dalla rivista Vanity Fair Usa, dell'Amministrazione Bush di rovesciare il governo palestinese guidato da Hamas. Secondo i documenti e la testimonianza da parte della rivista, l'Amministrazione forzava il sig. Abbas a rifiutare un accordo di potere condiviso che apriva la strada con l'appoggio di Hamas a possibili colloqui di pace con Israele. Invece, le nuove fazioni della Guardia Presidenziale addestrate dai soldati degli Stati Uniti dovevano essere utilizzate per montare un colpo contro Hamas a Gaza con le armi sponsorizzate dagli USA spedite attraverso l'Israele e l'Egitto. Un “piano B” per armare Fatah, detronizzare il governo democraticamente eletto di Hamas e far ritornare il potere all’ANP vecchia maniera.
I soldati di fanteria dell'Israele sembrano ignorare questo.
"Mi prendevano a pugni, dicendo: 'Tu sei un membro di Hamas. Sei un membro di Fatah. Dove lavori?"' Mamdoeh al Adjrami racconta. "Io dicevo: 'Io lavoro e la Guardia Presidenziale'… Hanno continuato a colpirmi ogni volta che volevano". Il figlio di Jabr Zidane, Mohammed, 21, è stato appena in grado di parlare lunedì, drogato con antidolorifici per alleviare il dolore da percosse e dalle spalle, gomiti e le mani gonfie da più di un giorno in stretti legacci di plastica. Egli ha detto che è stato picchiato, interrogato, usato come scudo umano da truppe israeliane, prese per il territorio israeliano, e rilasciato sul confine.
Mr.Signor Zidane ha detto di non sapere il motivo per cui Mohammed, un muratore disoccupato, è stato scelto per l'interrogatorio e il rapimento.
"Non ha senso per noi. Forse è perché è l'unico con la barba''.
Fonte: Sydney Morning Herald
Segnala questa notizia su ZicZac!

Nessun commento: