Google

martedì 19 agosto 2008

GUERRA IN GEORGIA: La prima vittima, la verità.

L'amministrazione statunitense sta provando ad attaccare l'etichetta “di cattivo ragazzo„ sulla Russia essere andato oltre il mandato di peacekeeper e di un uso "sproporzionato della forza„ nell'operazione di polizia di pace in Georgia. Forse i nostri amici americani sono diventati ciechi e sordi allo stesso tempo. Mikheil Saakashvili, il presidente della Georgia, è conosciuto come nazionalista che non ha nascosto le sue intenzioni di forzare Ossetici e dei Abkhaziani a vivere nel suo paese. Si sperava che l'amministrazione degli Stati Uniti, che aveva mostrato così tanta cura e gentilezza per il capo georgiano, potesse dissuaderlo dal desiderio maniacale di affrontare la piccola e disubbidiente gente del Caucaso. Ma una cosa terribile è accaduto. Il cane ha morso il suo padrone. Saakashvili ha dato un ordine di cancellare Tskhinvali, la capitale dell' Ossezia del sud, dalla faccia della terra. L'aeronautica e l'artiglieria georgiane hanno colpito la città dormiente a mezzanotte. Più di 1.500 civili sono morte nelle primissime ore del bombardamento. Allo stesso tempo, le forze speciali georgiane hanno sparato a 10 peacekeepers russi che non si aspettavano un tale tradimento dai loro colleghi georgiani. Il Cremlino ha tentato di raggiungere Saakashvili, che si faceva negare al telefono. In tutto questo tempo il personale russo vietava le guardie di pace sopravvissute di rispondere al fuoco. Infine la pazienza si è esaurita. Le forze russe sono andate in aiuto di Tskhinvali e della sua popolazione civile. In risposta alla critica del presidente Bush che la Russia abbia usato una “forza sproporzionata,„ è giusto domandarsi quindi: E' consentita l'uccisione di peacekeepers e lo sterminio di massa di una popolazione civile, soprattutto cittadini russi, considerati come azione ostile contro uno Stato? E' abbastanza per utilizzare la forza armata per autodifesa e per salvaguardare la sicurezza di questi cittadini? Tbilisi ha celato la portata della catastrofe umanitaria in Ossezia del sud. Le costanti bugie di Saakashvili sulla reale situazione in Georgia erano tentativi per dare la colpa a qualcun altro. La risposta russa è del tutto giustificata ed è coerente sia col diritto internazionale che gli obiettivi umanitari delle operazioni di peacekeeping condotti in Ossetia del sud. Proverò a spiegare. L'aggressione georgiana contro l'Ossezia del sud, è avvenuto come un diretto attacco su vasta scala al contingente peacekeeping russo, forze armate Russe per il mantenimento della pace basate legalmente sul territorio della Georgia, dovrebbe essere classificato come un attacco armato alla Federazione Russa, dando i motivi per adempiere il diritto di legittima difesa, il diritto di ogni Stato in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite. Come per la difesa dei nostri cittadini al di fuori del paese, l'uso della forza per la difesa dei propri compatrioti è tradizionalmente considerata come una forma di auto-difesa. Paesi come gli Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Israele hanno in numerose volte fatto ricorso all'uso della forza armata per difendere i loro cittadini al di fuori dei confini nazionali. Avvenimenti come l'operazione armata dei paracadutisti belgi in 1965 per difendere 2.000 stranieri nello Zaire; l'intervento militare degli Stati Uniti a Granada in 1983 col pretesto di proteggere migliaia di cittadini americani, l'invio di truppe americane a Panama nel 1989 per difendere, tra l'altro, i cittadini americani. E gli odierni interventi militari da parte degli Stati Uniti e dei suoi alleati in Jugoslavia, Iraq e in Afghanistan. A proposito, gli ultimi tre casi sono esempi di brutali interventi americani, quando i suoi cittadini non avevano alcun bisogno di una tutela diretta. Ma nonostante le massicce perdite di civili in questi paesi per mano dei soldati americani, nessuno accusa Washington per un "uso sproporzionato della forza". Naturalmente, la storia delle relazioni internazionali è piena di abusi commessi sotto il pretesto di difendere i cittadini. Al fine di tracciare una chiara linea tra lecito e illecito uso della forza, si può individuare un certo numero di criteri obiettivi: in primo luogo, l'esistenza di una reale minaccia per la vita o violazioni sistematiche dei diritti umani, in secondo luogo, la mancanza di altri mezzi pacifici per risolvere il conflitto; terzo, uno scopo umanitario per un operazione armata e quattro, proporzione - vale a dire, della limitazione sul tempo e i mezzi di salvataggio. Le azioni della Russia sono nel pieno rispetto di questi criteri. Nello svolgere la sua azione militare, le truppe russe hanno anche osservato rigorosamente le prescrizioni del diritto internazionale umanitario. I militari russi non hanno sottoposto i civili sul territorio della Georgia ad attacchi voluti. E 'difficile credere che in una tale situazione un qualsiasi altro paese sarebbe rimasto fermo. Cito due dichiarazioni:
Uno: "Siamo contro la crudeltà. Noi siamo contro la pulizia etnica. Il diritto di tornare a casa dovrebbe essere garantito ai rifugiati. Siamo tutti d'accordo che gli omicidi,distruzione di proprietà, annientamento della cultura e della religione non devono essere tollerate. Questo è contro cui stiamo combattendo. Bombardamenti all' aggressore saranno intensificati senza pietà."
Due: "Ci appelliamo a tutti i paesi liberi di unirsi a noi ma le nostre azioni non sono determinati da altri. Voglio difendere la libertà e la sicurezza dei miei cittadini, qualunque azioni sono necessarie per essa. Le nostre forze speciali hanno preso aeroporti e ponti ...le forze aeree e missili hanno colpito obiettivi essenziali".
Chi pensate sia l'autore di queste parole? Medvedev? Putin? No. La prima citazione appartiene a Bill Clinton, parlando dellaoperazione NATO contro la Jugoslavia. L'autore della seconda citazione è l'attuale residente della Casa Bianca, parlando dell'intervento degli Stati Uniti in Iraq.
Ciò significa che gli Stati Uniti e la NATO possono utilizzare la forza bruta dove vogliono, e la Russia deve astenersi dal farlo anche se vede migliaia dei propri cittadini massacrati? Se questa non è ipocrisia, allora cosa è l'ipocrisia? (fonte)

I media occidentali in gran parte hanno accettato la linea di Washington per far apparire un tentativo di annessione di una nazione sovrana da una superpotenza imperialista, l'Ossezia del Sud, una terra di brutalmente invasa dai russi. La guerra caucasica è stata di fatto avviata dalla Georgia il 7 agosto, nel tentativo di schiacciare il movimento separatista dell'Ossezia meridionale. Ma ciò che è effettivamente accaduto in Ossezia meridionale, è un atto di follia sanguinaria dove i georgiani hanno utilizzato missili Grad contro condomini e gli ospedali. La guerra in Ossezia del Sud è stato un enorme errore di giudizio dell' occidente, e un'ulteriore conferma della stupidità imponderabile dell'amministrazione Bush. Occidente di cui, in sostanza, si intende America, ha calcolato male la Georgia, fornendo attrezzature e competenze militari a Saakashvili senza alcuna garanzia di un comportamento responsabile. Il leader georgiano ha pensato di poter indurre gli americani a intervenire militarmente a sostegno del suo tentativo di schiacciare il nazionalismo dell'Ossezia. Che non ha fatto,ovviamente. Neppure il Presidente Bush è tanto stupido da avviare una terra di guerra nel Caucaso.
Come sempre in guerra, la verità è la prima vittima.

Segnala questa notizia su ZicZac! vota i miei articoli

Nessun commento: