Google

mercoledì 30 luglio 2008

UNDICENNE "TERRORISTA" UCCISO DAI SOLDATI ISRAELIANI

Un corteo di circa 3000 persone hanno marciato dalla città di Ramallah vicino al villaggio di Nilin dove Ahmed Mussa, un ragazzino palestinese di 12 anni è stato ucciso Martedì durante una manifestazione contro la costruzione della barriera di separazione Israeliana. Lo zio, Hosni Yusuf Mussa, ha dichiarato a Ynet: "Era un ragazzino che giocava con i suoi amici, come poteva rappresentare una minaccia per i soldati? Sono solo bambini che hanno visto una marcia contro la recinzione e vi si sono uniti. Per tornare con un colpo alla testa. Questo mostra la crudeltà dei soldati." "La polizia israeliana sta indagando sullo sfortunato incidente", ha dichiarato il portavoce della polizia Micky Rosenfeld . Ma Mussa ritiene che l'uccisione sia stato un messaggio ai manifestanti nel tentativo di porre fine alle manifestazioni contro la recinzione. "Una causa legale non farà la differenza", ha aggiunto "Al massimo, i soldati faranno uno spettacolo… il giudice li rilascerà immediatamente, quel che stanno facendo è una grande messinscena, uno spettacolo per i mezzi di informazione." Un amico di Mussa, 10 anni, ha detto che stavano cercando di rimuovere il filo spinato posto dall' esercito quando è arrivata una jeep e hanno iniziato a sparare. Mahmud Mohsen, 10 anni, ha raccontato che Mussa ha cercato di scappare ma il suo sandalo scivolato fuori dopo aver inciampato in una parte del muro. "Improvvisamente, abbiamo visto cadere Ahmed Mussa colpito alla testa," Ahmed Saadat, un'altro amico. Egli ha ammesso che i bambini poi hanno iniziato a lanciare pietre, colpendo un agente di polizia.
Solo sei per cento delle indagini su reati commessi da soldati israeliani contro i palestinesi nella West Bank occupata hanno portato rinvii a giudizio. Su un totale di 1246 indagini da parte della polizia militare in sospettati di reati contro i palestinesi o su proprietà palestinesi tra il 2000 e il 2007, solo 76 si sono conclusi con rinvii a giudizio, ha dichiarato Yesh Din, un gruppo sui diritti umani. "Le cifre relative al basso numero di indagini e di pochi rinvii a giudizio rivelano che l'esercito si sottrae al suo dovere di proteggere la popolazione civile palestinese da reati commessi dai suoi soldati," ha dichiarato Michael Sfadi, consulente legale del gruppo Yesh Din (France24). La Corte Internazionale di Giustizia ha emesso nel 2004 una risoluzione che chiedeva che parti della barriera all'interno della West Bank fossero abbattute e fermata la costruzione. Israele ha ignorato la sentenza, oltre a un simile ordine della sua Alta Corte che annullava tre sezioni del muro, tra cui uno che corre vicino a Bilin, una città vicino Nilin dove abitanti e attivisti protestano regolarmente contro la costruzione della barriera israeliana; 723 chilometri di acciaio e muri di cemento, recinzioni e filo spinato. Fino ad oggi Israele ha costruito il 57 per cento della prevista barriera, la maggior parte di essa nella West Bank.
disegno di Ben Heine
Segnala questa notizia su ZicZac! vota i miei articoli

Nessun commento: