Google

martedì 1 aprile 2008

IRAN: IN GESTAZIONE UNA TERZA GUERRA CRIMINALE AMERICANA?

Se solo l'America avesse dei media indipendenti e un partito di opposizione. Se ci fosse uno straccio di integrità di sinistra nella vita politica americana forse, un terzo atto di pura aggressione, un terzo crimine di guerra del regime di Bush potrebbe essere impedito. Il 30 marzo, l'agenzia di notizie e informazioni russe, Novosti, ha citato “una fonte di alta sicurezza:“Gli ultimi dati dei servizi segreti militari riferiscono una intensificazione di preparativi militari USA per operazioni sia d'aria che di terra contro l'Iran.„. Secondo Novosti, il Colonnello Generale russo Leonid Ivashov ha detto che "il Pentagono sta progettando di realizzare, nel prossimo futuro, un massiccio attacco aereo alle infrastrutture militari dell'Iran". Il capo di stato maggiore della Russia, Yuri Baluyevsky, lo scorso novembre ha detto che la Russia sta rafforzando le sue forze militari in risposta alle aggressioni degli Stati Uniti, ma che i militari russi non sono "obbligati a difendere il mondo dal diavolo americano". Il 29 marzo, OpEdNews ha citato un rapporto del giornale saudita Okaz, che è stato preso dal servizio di notizie tedesco, DPA. Il giornale saudito ha segnalato il 22 marzo, il giorno dopo la visita di Cheney in Arabia Saudita, che il Consiglio saudito di Shura, il gruppo d'elite che realizza le decisioni del ristretto circolo autocratico, sta preparando "piani nazionali per far fronte a qualsiasi improvviso rischio nucleare e radioattivo che può colpire il regno seguendo gli avvertimenti degli esperti di possibili attacchi ai reattori nucleari di Bushehr dell'Iran.„ Gli iraniani non sembrano crederlo, nonostante l'invio di sottomarini nucleari USA e un altro gruppo di portaerei al Golfo Persico. Per contrastare eventuali missili iraniani lanciati in risposta ad un attacco, gli Stati Uniti hanno schierato difese anti-missile per la protezione delle basi statunitensi e dei campi petroliferi sauditi. Due massicci fallimenti dei media americani, il Partito democratico, e il popolo americano hanno preparato la strada per un attacco a lungo pianificato di Cheney sull'Iran. Un fallimento è la mancanza di scetticismo circa la spiegazione del governo degli Stati Uniti del 9/11. L'altro fallimento è il rifiuto dei Democratici di iniziare un procedimento di impeachment contro il Presidente Bush per aver mentito al Congresso, al popolo americano e al mondo e lanciando l'invasione dell' Iraq basato sull' inganno e prove costruite. Se un Presidente americano è in grado di iniziare una guerra esattamente come fece Adolf Hitler, con pure menzogne e non essere ritenuto responsabile, è in grado di farla franca con qualsiasi cosa. E Bush e il suo regime del male lo sono. Hitler lanciò la seconda guerra mondiale con la sua invasione della Polonia dopo aver inscenato un "attacco polacco" su una stazione radio tedesca. Nella notte del 31 agosto 1939, un gruppo di Nazisti in uniformi polacche sequestrò una stazione radio in Germania. Hitler annunciò che “truppe polacche ieri sera hanno attraversato il confine ed hanno attaccato la Germania,„ un'affermazione non di più vera di quella del regime di Bush “Saddam Hussein ha armi di distruzione di massa.„ L'Iran è un paese bello e sviluppato. Si tratta di un'antica civiltà. E non ha attaccato nessuno. L'Iran ha firmato il Trattato di Non Proliferazione Nucleare. All'Iran è consentito dal Trattato di avere un programma di energia nucleare. Il caso del regime di Bush contro l'Iran si basa sul desiderio del regime di Bush, di negare all'Iran i suoi diritti nell'ambito del Trattato. Gli ispettori dell'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica hanno segnalato ripetutamente che non hanno trovato prova di un programma di armi nucleari iraniano. Malgrado tutta la disinformazione dal Gen. Petraeus e degli altri lacché militari degli Stati Uniti del regime di Bush, l'Iran non sta armando gli Iracheni che stanno resistendo all'occupazione americana. Se l'Iran stesse armando i ribelli, questi avrebbero due armi che neutralizzerebbero il vantaggio degli Stati Uniti nel conflitto iracheno: missili per abbattere gli elicotteri militari USA e le granate a razzo che buttano giù i carri armati americani. Ma i ribelli non hanno queste armi e devono costruire goffe armi anticarro dai proiettili di artiglieria. I ribelli sono impotenti contro potenza aerea degli Stati Uniti. La violenza indiscriminata americana ha ridotto l'Iraq in macerie. Le infrastrutture civili sono essenzialmente distrutte: elettricità, acqua e fognature, le cure mediche e le scuole. Uranio impoverito è ovunque avvelenando tutti, anche le truppe degli Stati Uniti. Non vi è alcuna economia, più della metà degli iracheni sono disoccupati. Letteralmente nessuna famiglia irachena è sfuggita un infortunio o una morte come conseguenza dell' invasione degli Stati Uniti. Un paese sviluppato con una classe media professionale è stata distrutta a causa delle bugie dette dal Presidente e dal Vice Presidente degli Stati Uniti. Il regime di Bush trova eco dai media neoconservative, e sono andati incontrastati dal partito di opposizione e da un indifferente pubblico americano. In Afghanistan, la morte e la distruzione piovono dal cielo anche sul più piccolo paese. Le guerre americane in Iraq e in Afghanistan sono guerre contro le popolazioni civili. Gli iraniani, nonostante tutti gli elementi di prova non può credere che il Grande Satana attaccherebbe gratuitamente l'Iran basato sul nulla, ma bugie su inesistenti armi nucleari. L'unica possibilità dell'Iran sarebbe quella di colpire gli Stati Uniti prima del lancio del primo colpo. Invece di usare i suoi missili a colpire il campi di petrolio saudita e affondare le portaerei americane, invece di chiudere lo stretto di Hormuz, invece di armare gli sciiti iracheni e il loro movimento insurrezionale, l'Iran sta appollaiata nell'ostinato diniego proprio mentre gli Stati Uniti ed il suo burattino iracheno Maliki si muovono per eliminare la milizia Shiita irachena di Al Sadr's per evitare le interruzioni di rifornimento e una ribellione dello Shiite in Iraq quando viene l'attacco degli Stati Uniti all'Iran. È importante sottolineare che l'Iran sta compiendo nessun passo verso la guerra. Avendo addomesticato, ricattato, e comprato il Congresso, i media, gli alleati e i burattini degli Stati Uniti, Cheney potrebbe trarre piacere nell'arroganza di attaccare l'Iran libero da qualsiasi restrizione o provocazione costruita. D'altro canto, egli stesso potrebbe coprire se stesso orchestrando una "provocazione iraniana" per giustificare il suo attacco come risposta. Il 29 marzo Associated Press ha riportato che il capo libico Moammar Gadhafi “ha versato disprezzo sui colleghi leaders arabi„ al vertice arabo quel giorno. Gadhafi ha detto ai capi arabi, molti dei quali sul libro paga americano, che i loro padroni americani si sarebbero rivoltati con tutti loro, proprio come America ha fatto Saddam Hussein dopo averlo usato per combattere una guerra di procura contro l'Iran. “Come possiamo accettare che un potere straniero venga a rovesciare un capo arabo mentre stiamo a guardare?„. Saddam era una volta alleato di Washington, ha ricordato agli arabi, "ma se lo sono venduto." Gadhafi ha detto ai burattini americani, "I prossimi siete voi". E ha chiesto, "Dove è la dignità degli arabi, il loro futuro, la loro stessa esistenza?" Se gli arabi restano disuniti, ha previsto, "essi stessi si trasformeranno in protettorati. Verranno emarginati e si trasformano in discariche dei rifiuti". Nel suo discorso, Gadhafi ha criticato la disunità araba e l'inerzia sulle molteplici crisi della regione.
In effetti, è questa disunione che permette agli Stati Uniti i bombardardamenti e le uccisioni a volontà in Medio Oriente.
fonte

Nessun commento: