Google

venerdì 18 aprile 2008

DA UNA GABBIA DI GUANTANAMO:

Le guardie a Guantanamo sono terrorizzate. Anche un uomo senza gambe (amputate dopo essere state intenzionalmente esposte al freddo estremo da guardie americane in Afghanistan), è trattato come una terribile minaccia:
"Le bende avvolte intorno ai monconi di Abdul non sono mai state cambiate. Quando egli stesso le ha tolte, erano piene di sangue e di pus. Egli ha mostrato la benda alle guardie e le sue ferite aperte. Le guardie lo hanno ignorato. Poi ho visto come lui provava a lavarle nel suo secchio di acqua potabile. Ma doveva spostare le sue mani, ma non era in grado di farlo. E anche se avesse potuto, dove le avrebbe stese per farle asciugare? Non gli è consentito toccare la recinzione. Abdul ha riavvolto il suoi monconi nella benda sporca".

"Quando le guardie lo vennero a prendere per essere interrogato, gli ordinarono di sedere con la schiena verso la porta e di mettere le mani sulla sua testa. Quando hanno aperto la porta, lo scaraventavano dentro come hanno fatto con tutti gli altri prigionieri. Hanno colpito Sul retro e lo ha spinto a terra. Poi lo hanno ammanettato e legato da non potersi più muovere. Abdul gridava di dolore ".

Un uomo senza gambe? No, un terrorista senza gambe, una malvagia creatura mitica senza gambe. Odio? Sì. Bigottismo? Sì. Ma guidati dalla paura instillata attraverso la formazione militare degli Stati Uniti, il timore di mostri con poteri sovrumani, una paura tanto forte da far temere ad una squadra di soldati dei reparti d'assalto, un uomo senza gambe in una gabbia.
Il brano sopra citato è preso da "Five Years of My Life: Un uomo innocente di Guantanamo," di Murat Kurnaz, turco, cresciuto e residente in Germania; il suo arresto, il trasferimento nella prigione americana in Afghanistan, poi a Guantanamo, il rilascio e il ritorno in Germania dopo cinque anni. Kurnaz fece l'errore di viaggiare dalla Germania al Pakistan subito dopo l'11 settembre 2001. Egli non è mai stato in Afghanistan, tranne in custodia alle guardie americane che lo presero in Pakistan. Gli americani non lo accusarono mai di alcun particolare crimine, ma semplicemente lo dichiararono un nemico combattente e gli hanno tolto cinque anni della sua vita.
Un kangaroo-court, un tribunale illegale militare Usa, lo ha condannato su due accuse. La prima, di essere stato una volta amico di un'uomo che presumibilmente aveva commesso un attacco suicida, molto dopo che Kurnaz era a Guantanamo, per cui lui non ne sapeva nulla. La parte più strana di quella prima accusa è che il presunto attentatore suicida è vivo e vegeto e ritornato in Germania, non è mai stato coinvolto in qualcosa di simile, e non è stato mai accusato di nulla. La seconda è di aver accettato il cibo gratuitamente da un gruppo umanitario con il quale stava lavorando Kurnaz in Pakistan. Come tale atto faccia di Kurnaz "il peggiore dei peggiori" non è chiaro. Mentre gli Stati Uniti sapevano da sempre che la polizia pakistana aveva venduto Murat Kurnaz ai militari statunitensi per $3000, sulle basi di nessun sospetto, il tribunale concluse che egli sarebbe stato arrestato come un combattente di al Qaeda in Afghanistan. Almeno questa era la conclusione fino al momento in cui gli Stati Uniti lo libera, o il momento tre anni prima, quando gli Stati Uniti decidevano che era innocente, ma consentivano che fosse torturato ogni giorno per altri tre anni prima del rilascio.
Alla base aerea di Kandahar in Afghanistan, Kurnaz è stato privato del cibo e del sonno, percosso di routine, elettro-scioccato attraverso i suoi piedi, minacciati di annegamento e la sua testa sotto l'acqua, e appeso al soffitto dai suoi polsi fino a che egli perdeva coscienza. Kurnaz era in ottima forma fisica prima di questa prova, ed è sopravvissuto. Ma ha visto altri morire di queste procedure. Kurnaz non sapeva a quel tempo che il peggio doveva ancora venire su un isola caraibica, e non aveva alcuna idea quando fu caricato sull'aereo per Guantanamo:
"Ci hanno incatenato tutti insieme e caricati su un aereo. Eravamo così strettamente legati che non potevamo spostarci un millimetro. Ancora una volta, ho pensato che ci stavano portando in una base militare americana in Turchia. Che altro pensare?

"Dormire sarebbe stata l'unica consolazione in una situazione come questa. Ma i soldati continuavano a colpirci per tenerci svegli. Ho pensato al film americani che avevo visto a Bremen. Film d'azione e film di guerra. Ammiravo gli americani.
Adesso stavo conoscendo la loro vera natura."

"Lo dico senza rabbia. E' semplicemente la verità, come ho visto e sperimentato. Non voglio offendere nessuno, non sto parlando di tutti gli americani. Ma quelli che ho incontrato erano terrorizzati dal dolore. Sono spaventati di ogni piccolo graffio, batteri e malattie. Sono come bambine. Se esamini gli americani da vicino, te ne rendi conto; non importa quanto grandi e potenti sono. Ma nei films, loro sono sempre gli eroi."
Portato nel Nuovo Mondo in un trasporto che ricorda le navi degli schiavi, Kurnaz è stato messo in una piccola gabbia di metallo (da sei a sette piedi) esposta al sole, la pioggia, ragni, serpenti, e di soldati, su una base militare senza legge a Cuba. E stava meglio della maggior parte di quelli che lo circondavano.
"So di un prigioniero", scrive, "che si lamentava di un mal di denti. E' stato portato quindi da un dentista, che gli ha estratto tutti i suoi denti sani come pure quello cariato. Conoscevo un uomo del Marocco, che era Capitano di nave. Non poteva muovere un mignolo per congelamento. Il resto delle sue dita stavano tutte bene. Hanno detto che gli avrebbero amputato il dito mignolo. Portato dal medico, quando tornò egli non aveva dita sinistre. Le avevano amputate tutte, tranne il pollice ".
Anche a Cuba, una delle tecniche di tortura impiegata è l' esposizione al freddo estremo dentro una scatola di metallo refrigerato. Kurnaz ci fornisce un racconto dettagliato di queste esperienze, della vita quotidiana di isolamento, pestaggi, interrogatori, la negazione di un'adeguata nutrizione. Kurnaz una volta è stato tenuto sveglio per tre settimane. E' è stato sottoposto a estremi di freddo e calore. Gli è stato negato l'ossigeno quasi al punto di soffocare.
Quando le guardie calpestarono il Corano, i prigionieri iniziarono uno sciopero della fame e scoprirono che il generale in carica non voleva farli morire. Essi scoprirono di aver qualche potere, e si organizzarono. Alla fine, Kurnaz e altri furono alimentati forzatamente e il comandante di Guantanamo fu sostituito con un altro (Generale Geoffrey Miller), che non sembrava preoccuparsi di chi potesse morire o vivere. Con l'avvento di Miller le intimidazioni e le torture peggiorarono sensibilmente. I prigionieri, una volta mescolarono feci e acqua e gettarono sul volto di Miller, e da quel momento lo chiamarono "Mr Toilet".
In questo ambiente, Kurnaz trovato umanità tra i detenuti, che condividevano il poco cibo che gli veniva dato e si curavano l'uno per l'altro. E, in rarissimi casi, l'umanità l'ha trovato in un paio di guardie che parlavano del loro disaccordo con ciò che essi erano impegnati. Si può solo sperare che ogni uomo e ogni donna, che ha servito come guardia a Guantanamo legga il libro di Kurnaz e aggiunga la loro voce al crescente coro diffondendo la verità.
Murat Kurnaz è stato rilasciato. E ancora non tutti conosciamo il suo nome. Per cinque anni le guardie gli hanno chiesto il suo nome e altre domande all'infinito, tra le percosse, le umiliazioni. E ancora non conosciamo tutti la sua storia o non ne sentiamo la vergogna.
"Five Years of My Life" è relativamente un breve libro, che può essere letto in una sola seduta, se il lettore può sopportare il contenuto.
Molti americani respingono l'intera storia come una gigantesca menzogna: Nel migliore dei casi, dicono che è stato un onesto errore del governo degli Stati Uniti. Nel peggiore, Kurnaz era un islamista che ha meritato ciò che gli è accaduto. Quindi, la terribile storia raccontata in questo libro non è un'aberrazione. E succederà di nuovo e di nuovo ancora, come sta accadendo adesso, mentre leggiamo questo.
Fonte:afterdowingstreet
Segnala questa notizia su ZicZac!

2 commenti:

Antonio Candeliere ha detto...

è agghiacciante.

Mariolina ha detto...

Vero.
Un pugno allo stomaco.
Ciao Antonio.