Google

venerdì 15 giugno 2007

Non è reato coltivare la marijuana in casa

Lo sancisce la sentenza 17983/2007 della Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione che ha accolto il ricorso di un uomo condannato in primo grado ed in appello per avere coltivato nel proprio terreno cinque piante di marijuana. La Corte ha annullato la condanna "perché il fatto non sussiste", spiegando che la coltivazione “domestica” non è penalmente perseguibile anche dopo la legge Fini – Giovanardi. Il regime repressivo non è infatti applicabile
"a chi non intenda fare commercio della «coltivazione» o del suo risultato, ma coltivi la cannabis per uso personale [...]tanto più che il legislatore del 2005-2006 è intervenuto lasciando pressoché integra la disciplina di base in tema di repressione delle condotte illecite”
Viene esclusa quindi la tesi per cui la coltivazione per uso personale sia penalmente perseguibile, sia per la precedente normativa che per quella introdotta con la Fini-Giovanardi n. 49 del 2006.
Fonti:
Testo della sentenza 17983/2007

Nessun commento: